keystone-sda.ch (Andre Coelho)
+11
BRASILE
20.06.21 - 12:300

«Cinquecentomila morti. Ed è colpa sua»

Il presidente Bolsonaro nel mirino delle proteste per aver banalizzato la pandemia di Covid-19.

Il Brasile ha vissuto una sola, lunghissima, ondata di infezioni. Nelle ultime 24 ore ha registrato oltre 81mila nuovi casi e 2'247 morti.

CUIABA / RIO DE JANEIRO - «Vattene». «Genocida». «Via Bolsonaro». «Dentro i vaccini, fuori il genocida». Le voci contro il presidente brasiliano sono tornate a tuonare ieri tra le proteste, quando il Brasile ha ufficialmente superato nelle statistiche la soglia del mezzo milione di vittime legate alla pandemia di Covid-19.

Una tragedia umana - lo Stato sudamericano è, dopo gli Stati Uniti, il più colpito in termini di vite umane perse a causa del coronavirus - che sempre più cittadini attribuiscono alla politica "negazionista" con cui Jair Bolsonaro ha banalizzato la pandemia sin dall'inizio dell'emergenza sanitaria mondiale. «Cinquecentomila morti. Ed è colpa sua», si legge su uno degli striscioni.

Di fatto, se si osserva l'andamento della curva, il Brasile ha vissuto una sola, lunghissima, ondata di infezioni. La coda di quella che avrebbe dovuto essere la prima ondata, e che sembrava in procinto di esaurirsi lo scorso autunno, si è ridestata improvvisamente sul finire del 2020, gettando nuovamente il Brasile nella morsa dell'emergenza, con picchi di oltre 90mila nuovi casi e 2000 morti al giorno.

E con il crescere di queste cifre è aumentato anche il numero di proteste nelle strade, come quelle avvenute ieri nelle città di Cuiabà, di Rio De Janeiro, e in tante altre località, in almeno 22 dei 26 stati che compongono il Paese.

keystone-sda.ch (Raul Martinez)
Guarda tutte le 15 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
38 min
«Ritardare la terza dose, almeno fino a settembre»
Tedros Adhanom Ghebreyesus ha chiesto che per ora non vengano effettuati richiami, in nome dell'equità
ITALIA
1 ora
I cyber-criminali attaccano e l’Italia trema
Il riscatto richiesto sarebbe di cinque milioni di euro, tutto non sarebbe partito dalla Germania ma dalla Russia
PAESI BASSI
4 ore
Ransomware, Paesi Bassi sull'orlo di una crisi di sicurezza nazionale
Le società informatiche non riescono a soddisfare tutte le richieste che ricevono
Italia
5 ore
Spiagge italiane sotto sequestro, ecco dove non andare
Dall’inizio della stagione estiva i Carabinieri hanno effettuato controlli in 886 strutture
UCRAINA
5 ore
Con una granata al Governo: «Siete sotto sequestro!»
Un video mostra l'uomo armato agitarsi e discutere con un funzionario
GIAPPONE
7 ore
Il Giappone gioca la carta della vergogna: diffusi i nomi di chi viola le regole
I tre uomini non avevano rispettato l'obbligo di quarantena di ritorno dall'estero
LIBANO
11 ore
Un anno dopo l’esplosione, Beirut continua a sanguinare
Il disastro del porto, avvenuto alle 18.08 del 4 agosto 2020, ha esasperato la situazione già critica del Paese.
GERMANIA
19 ore
Berlino verso lo stop ai test rapidi gratuiti entro metà ottobre
Lo suggerisce il Ministero della sanità. Rimarranno gratis per chi non può farsi vaccinare, donne incinte e minorenni.
STATI UNITI
23 ore
«Cuomo ha molestato diverse donne»
Lo ha annunciato oggi la procuratrice generale di New York Letitia James, chiudendo le indagini
FOTO
STATI UNITI
23 ore
Una maxi-causa per molestie nella mecca dei videogiochi
Activision Blizzard trema, perde pezzi (e un presidente) in seguito alle accuse di abusi sistematici alle dipendenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile