Depositphotos (bestforbest)
Nestlé Usa e Cargill non potranno essere accusa di schiavitù infantile negli Stati Uniti: lo ha stabilito la Corte Suprema.
STATI UNITI
18.06.21 - 11:440

Niente accusa di schiavitù infantile per Nestlé Usa e Cargill

Lo ha stabilito la Corte Suprema, ma gli attivisti impegnati nel caso non hanno nascosto il loro disappunto

WASHINGTON - I giganti del settore alimentare Nestlé (in particolare la sua filiale americana) e Cargill non possono essere citati in giudizio per l'accusa di schiavitù infantile nelle fattorie da cui acquistano il cacao, in Africa.

La sentenza - Lo ha stabilito la Corte Suprema degli Stati Uniti, che ha stabilito (con otto voti favorevoli e un contrario) di non avere alcuna giurisdizione sul caso, essendo avvenuto all'estero. Nella sentenza, scritta dal giudice Clarence Thomas, si legge che non ci sono prove che Nestlé Usa e Cargill abbiano preso decisioni che abbiamo consapevolmente portato a condizioni di lavoro forzato, pur avendo fornito risorse tecniche e finanziarie alle fattorie in questione. 

La denuncia - La causa era stata presentata da sei uomini, che denunciavano di essere stati ridotti in schiavitù e di essere stati trasferiti dal Mali alla Costa d'Avorio, per lavorare nelle fattorie dove è coltivato il cacao. I sei accusavano Nestlé Usa e Cargill di aver perpetrato una moderna forma di commercio degli schiavi, finalizzata a tenere basso il prezzo della materia prima: turni di lavoro di 12-14 ore al giorno, sorveglianza armata anche quando dormivano e paghe più che irrisorie.

Il cacao africano - I gruppi alimentari hanno denunciato la pratica della schiavitù infantile, ma precisando che a essere perseguiti non dovrebbero essere loro ma i trafficanti di uomini e i responsabili delle fattorie. Nestlé USA ha negato il suo coinvolgimento diretto e ribadisce di essere «incrollabile nella dedizione alla lotta al lavoro minorile nell'industria del cacao». Si calcola che sia 1,56 milioni di bambini che lavorano nella raccolta del cacao in Ghana e Costa d'Avorio, secondo un rapporto pubblicato nel 2020 dal Dipartimento del Lavoro Usa. Dall'Africa occidentale arriva circa il 70% del cacao mondiale.

Il disappunto degli attivisti - Il pronunciamento della Corte suprema è un duro colpo per gli attivisti che combattono da anni contro le aziende del cioccolato. Terry Collingsworth, direttore esecutivo di International Rights Advocates, parlando con la rivista Fortune ha contestato l'impianto della sentenza. «Hanno deciso i budget, hanno deciso la pianificazione, gli aspetti commerciali - tutte queste cose sono state fatte dagli Stati Uniti». Il suo team legale presenterà una nuova causa legale, ha annunciato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LE IMMAGINI
EUROPA
11 ore
Dove non piove, brucia: fiamme in Turchia, Grecia, Italia
L'Europa mediterranea nella stretta dei roghi: le alte temperature non danno tregua ai pompieri.
ITALIA
12 ore
Balzo dei contagi negli uomini under 40: «È l'effetto Europei»
È l'analisi contenuta nell'ultimo rapporto di aggiornamento Epidemia COVID-19 dell'Istituto superiore di sanità
ITALIA
15 ore
Botte a un passante perché pensavano fosse un ladro, denunciati tre svizzeri
Credevano avesse rubato loro uno zainetto, ma in realtà non c'entrava nulla
REGNO UNITO
15 ore
Rischio Delta, gli esperti consigliano il vaccino alle donne in gravidanza
Le future mamme ricoverate hanno maggiori probabilità di contrarre la polmonite
CINA
18 ore
Il virus torna a circolare in Cina
I contagi, dovuti alla variante Delta, si sono già diffusi in cinque province e almeno 13 città
TURCHIA
22 ore
Una famiglia sterminata dai vicini
Sette persone uccise in un attacco legato ai diritti di pascolo. Ma sullo sfondo tensioni razziali
SPAGNA
1 gior
Salva la bimba di 2 anni trovata vicino ai genitori morti
Sono stati gli abitanti della zona a chiamare la polizia, allertati dall'auto in fiamme.
ITALIA
1 gior
La Delta in Lombardia: «Zero decessi tra i vaccinati»
Il coordinatore della campagna vaccinale Bertolaso: «È il punto su cui bisogna insistere. Il vaccino è fondamentale»
GERMANIA
1 gior
Test negativo obbligatorio (da domenica) per entrare in Germania
L'entrata sarà consentita anche a chi può dimostrare di essere vaccinato completamente o di essere guarito dal Covid
MONDO
1 gior
Anche la migliore di sempre può crollare
Invincibile ma fragile. Il caso di Simone Biles ha riportato i riflettori sul problema della salute mentale nello sport
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile