Reuters
MONDO
18.06.21 - 07:320

La pandemia non ferma la migrazione: nel 2020 oltre 82 milioni di persone in fuga

Anche lo scorso anno il numero di movimenti forzati è aumentato. Nel 42% dei casi si tratta di minori

GINEVRA - Nonostante la pandemia da coronavirus, nel 2020 il numero di persone in fuga da guerre, violenze, persecuzioni e violazioni dei diritti umani è salito alla cifra record di quasi 82,4 milioni. Lo rende noto l'ultimo rapporto annuale Global Trends dell'agenzia dell'Onu per i rifugiati (Unhcr) pubblicato oggi a Ginevra.

Si tratta di un aumento del 4% rispetto al dato record di 79,5 milioni di persone in fuga registrato alla fine del 2019. Il 2020 è il nono anno di aumento ininterrotto dei movimenti forzati nel mondo. Oggi, l'1% della popolazione mondiale è in fuga.

Del totale di 82,4 milioni in fuga, 26,4 milioni sono rifugiati, 4,1 milioni i richiedenti asilo, 48 milioni gli sfollati interni. I minori rappresentano il 42% di tutte le persone costrette alla fuga. Più di due terzi di tutte le persone fuggite all'estero provengono da cinque Paesi: Siria (6,7 milioni), Venezuela (4 milioni), Afghanistan (2,6 milioni), Sud Sudan (2,2 milioni) e Myanmar (ex Birmania, 1,1 milioni).

Quasi nove rifugiati su dieci (86%) sono ospitati da paesi vicini alle aree di crisi e paesi a basso e medio reddito. Per il settimo anno consecutivo, la Turchia ha ospitato il numero più alto di rifugiati a livello mondiale (3,7 milioni), seguita da Colombia (1,7 milioni, compresi i venezuelani fuggiti all'estero), Pakistan (1,4 milioni), Uganda (1,4 milioni) e Germania (1,2 milioni).

Il rapporto rileva anche come al picco della pandemia lo scorso anno, oltre 160 Paesi avevano chiuso le loro frontiere, con 99 Stati che non facevano eccezioni per le persone in cerca di protezione.

Nel 2020, circa 3,2 milioni di sfollati interni e solo 251'000 rifugiati sono tornati alle loro case, in calo rispettivamente del 40% e del 21% rispetto al 2019. Il reinsediamento dei rifugiati ha registrato un crollo: l'anno scorso sono stati reinsediati solo 34'400 rifugiati, il livello più basso in 20 anni.

Le domande di asilo in attesa a livello globale sono rimaste ai livelli del 2019 (4,1 milioni), ma gli Stati e l'Unhcr hanno registrato collettivamente circa 1,3 milioni di domande individuali, un milione in meno rispetto al 2019 (43% in meno).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
NUOVA ZELANDA
6 ore
Vai al fast food e ricevi il vaccino
È quanto sta pensando di attuare il governo della Nuova Zelanda, in trattative con KFC
NORVEGIA
9 ore
L'abbraccio liberatorio: «Torniamo alla vita normale»
Niente più distanziamento sociale, basta limiti agli eventi. Una decisione possibile «grazie alla campagna vaccinale»
GERMANIA
10 ore
«Nessuno sta facendo abbastanza per la crisi climatica»
La giovane attivista si è rivolta ai manifestanti dal palco, esortandoli ad andare a votare
AFGHANISTAN
13 ore
Parla uno dei leader talebani: «Tornano esecuzioni ed amputazioni»
Il Ministro responsabile delle carceri ha giustificato le due misure: «Necessarie per la sicurezza»
STATI UNITI
16 ore
Caso Floyd, l'ex agente Chauvin contesta la condanna
L'ex ufficiale, lo ricordiamo, è stato condannato a 22 anni e sei mesi di prigione
STATI UNITI
19 ore
Entra al supermercato e apre il fuoco: un morto e 12 feriti
Per gestire la situazione sono intervenuti gli agenti speciali SWAT, il killer sarebbe morto
MONDO
21 ore
Oggi ripartono gli scioperi per il clima
Fridays for Future torna in piazza con lo slogan #Sradica il sistema
FOTO
SPAGNA
1 gior
La promessa di Felipe agli abitanti di La Palma
Prosegue l'eruzione del vulcano Cumbre Vieja
ITALIA
1 gior
Trattativa Stato-Mafia, ribaltata la sentenza di primo grado
Assolti gli alti ufficiali dei Carabinieri e anche Marcello Dell'Utri
REGNO UNITO
1 gior
L'immunità renderà il Covid simile a una comune sindrome influenzale?
«Il peggio dovrebbe essere passato», assicurano due esperti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile