Immobili
Veicoli
IMAGO
Una copia del Proclama di Emancipazione, firmato da Abramo Lincoln.
STATI UNITI
16.06.21 - 10:110

USA: il 19 giugno sarà presto un giorno di festa

Juneteenth commemora la fine della schiavitù negli Stati Uniti

WASHINGTON - Il Senato statunitense ha approvato all'unanimità un disegno di legge che prevede di rendere il 19 giugno un giorno di festa, in onore della fine della schiavitù avvenuta il 19 giugno 1865 in Texas, giorno in cui gli ultimi schiavi del Paese hanno saputo di essere diventati liberi grazie al Proclama di Emancipazione firmato da Abraham Lincoln.

«Juneteenth (così viene chiamato, ndr) commemora il momento in cui le ultime persone vittime di schiavitù nella nazione hanno saputo di essere libere», ha detto il leader della maggioranza al Senato Charles E. Schumer (D-N.Y.), come si legge sul Washington Post. «Rendere Juneteenth una festa federale è un importante passo avanti per riconoscere i torti del passato».

A presiedere la seduta del Senato al momento dell'approvazione della legge, il senatore Edward J. Markey (D-Mass.): «Per troppo tempo, la storia del nostro paese è stata incompleta perché non siamo riusciti a riconoscere, affrontare e venire a patti con il peccato originale della nostra nazione, la schiavitù», ha detto Markey in una dichiarazione dopo il voto.

Far passare questo progetto, secondo Markey, «affronterà questa lacuna a lungo ignorata nella nostra storia, riconoscerà il torto che è stato fatto, riconoscerà il dolore e la sofferenza di generazioni di schiavi e dei loro discendenti, e finalmente celebrerà la loro libertà».

Anche il senatore John Cornyn (R-Tex) ha accolto favorevolmente il passaggio della legge, twittando che Juneteenth è una festa di Stato del Texas da più di 40 anni. «Ora più che mai, abbiamo bisogno di imparare dalla nostra storia», ha detto.

La legge ora passa ora alla Camera, che è guidata dai Democratici, dove è quasi certo che sarà approvata.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
4 min
Vaccino obbligatorio, il progetto è pronto a scaldare gli animi
Mercoledì inizieranno i dibattiti su una proposta interpartitica: un obbligo vaccinale per tutti gli over 18
DANIMARCA
2 ore
Quella di Omicron potrebbe essere l'ultima ondata
Lo ha dichiarato Hans Kluge, direttore per l'Europa dell'Oms
NORVEGIA
2 ore
Il primo viaggio in Europa dei talebani
Una delegazione è arrivata ad Oslo, numerose le riunioni previste
MONDO
3 ore
Un sottotipo di Omicron ancora più contagioso? Gli esperti: «Prudenza»
È stato denominato BA.2 e differisce del 50% con la variante base
TURCHIA
5 ore
Arrestata per un proverbio in Tv
L'accusa? Aver «platealmente insultato il Presidente» con un proverbio ritenuto offensivo
ITALIA
11 ore
Berlusconi e il Quirinale: «Per me questo è il senso di una vita»
Si trattava del coronamento di un sogno di bambino, avrebbe confessato lui stesso
ITALIA
12 ore
Scontro tra auto e bus, morti cinque giovani
Tremendo impatto frontale, sono tutti deceduti sul colpo
GERMANIA
12 ore
«Omicron e Delta potrebbero combinarsi»
Secondo il virologo Christian Drosten da Omicron e Delta potrebbe nascere una nuova, più pericolosa, variante.
STATI UNITI
23 ore
Un enorme rogo minaccia l'iconica Highway 1
L'incendio ha già mandato in fumo 600 ettari di vegetazione e costretto le autorità a evacuare una vasta area.
ITALIA
1 gior
Berlusconi fa un passo indietro e rinuncia alla candidatura
Il leader di Forza Italia non sarà il nuovo presidente della Repubblica.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile