Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (Andrea Merola)
+2
ITALIA
11.06.21 - 12:240

La battaglia infinita di Venezia contro le meganavi da crociera

Un nuovo decreto doveva fermarle, ma da una settimana passano ancora a ridosso di San Marco. Come mai?

VENEZIA - Dopo la firma lo scorso aprile di un decreto ad hoc, accolta positivamente da abitanti e ambientalisti, pareva che le gigantesche navi da crociera a Venezia non ci sarebbero dovute più entrare. E invece, già dal 5 giugno scorso con la ripartenza dei viaggi turistici via nave, riecco la Msc Orchestra solcare il Canale della Giudecca, giù giù fino a San Marco. 

Una vista, quella inattesa dei colossi d'acciaio, che ha portato a un'accesa protesta a suon di striscioni e cortei per, e a ridosso, dei canali ma anche sui social.

Un movimento che non è sfuggito a Le Monde che oggi ha dedicato un articolo alla questione, prendendo di mira l'amministrazione comunale e il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro e un suo atteggiamento interlocutorio e in parte connivente alla presenza delle meganavi in città.

La realtà però, come spesso capita in questioni così importanti, e un po' più complessa e vede accavallarsi diverse aree di competenza (quella del Parlamento, quella della Provincia e quella comunale). A tutto questo - come scrive anche il Corriere del Veneto - si aggiunge la questione coronavirus e la necessità di garantire la sicurezza di tutti.

Andando con ordine, il decreto firmato ad aprile e fortemente voluto dal ministro Franceschini, vorrebbe che le navi attracchino fuori dalla città, al porto di Marghera. Il problema è che, al momento, non è possibile garantire le norme Covid - così come la "tamponatura" dei passeggeri alla discesa, obbligatoria per tutti - in quanto non vi sono strutture adeguate. Al momento la soluzione migliore, quindi, resta il terminal di San Marco.

E con l'arrivo del Green Pass europeo non è detto che le cose cambieranno. Questo perché, gli attracchi proposti dal decreto al momento non sarebbero all'altezza di accogliere turisti, in quanto porti commerciali.

Per questo motivo si tornerà al tavolo di lavoro, con un concorso d'idee per dei nuovi terminal e il riesame di diversi progetti, che verosimilmente richiederanno ancora anni. E nel mentre, i giganti, continueranno a transitare là dove non dovrebbero.

Ingombranti e necessarie allo stesso tempo

Da una parte una presenza indubbiamente ingombrante, alla vista ma anche dal punto di vista strutturale in una città fragilissima, dall'altra però anche un afflusso vitale di ricchezza per l'economia locale. Oltre alle attività del centro città, le navi da crociera attivano centinaia di posti di lavoro, molti dei quali non stagionali e restati disoccupati ormai da più di un anno.

Per l'estate 2021 si parla di circa 60-70 navi, fra Msc Crociere e Costa Crociere, ben lungi dalle annate "normali" da 500 navi ma, per quanto magra, è una ripartenza che in molti si aspettavano. Non stupisce, quindi, che - oltre al movimento No Nav - ne esista anche uno contrario.

keystone-sda.ch (Andrea Merola)
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BRASILE
1 ora
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
5 ore
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
ITALIA
6 ore
Italia: da oggi serve il Green pass per entrare da parrucchieri ed estetisti
Da febbraio sarà presumibilmente necessario il certificato per accedere ad uffici, servizi e negozi non essenziali
MONDO
7 ore
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
TONGA
8 ore
Travolto dallo tsunami, racconta un'odissea di 24 ore
L'incredibile storia narrata da un 57enne tongano ad un'emittente radio locale
STATI UNITI
9 ore
«Un'invasione dell'Ucraina? Putin la pagherà a caro prezzo»
L'ipotesi di Joe Biden è che la Russia stia per entrare in Ucraina, ma «sarà una decisione che pagherà a caro prezzo»
FOTO
NUOVA ZELANDA
11 ore
Quel che resta di Tonga, nelle prime foto da terra
I soccorsi sono infine riusciti ad arrivare, altri arriveranno presto, mentre sull'isola l'acqua inizia a scarseggiare
SRI LANKA
12 ore
Il dilemma dello Sri Lanka: ripagare il debito o comprare i beni essenziali?
La mancanza dei turisti stranieri causa Covid (e dei dollari) ha causato una reazione a catena, con effetti devastanti
MONDO
17 ore
La resistenza agli antibiotici uccide più di 1,2 milioni di persone ogni anno
È quanto emerso dal primo studio che ha valutato a livello globale il fenomeno
STATI UNITI
1 gior
Spaccio di droga tramite Snapchat: il social corre ai ripari
Le ultime modifiche dovrebbero rendere la vita più difficile ai pusher che vogliono contattare gli adolescenti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile