Keystone
REGNO UNITO
02.06.21 - 16:470

Niente impiegati «di colore» a palazzo: l'ombra del razzismo torna ad aleggiare sui Windsor

Il divieto emerge da una nota del 1968. Negli Anni '90 non era più in vigore.

La regina risulta inoltre esente dal rispetto delle leggi contro il razzismo e la discriminazione di genere. Buckingham Palace: «Abbiamo altre procedure interne».

LONDRA - Le accuse di razzismo tornano a lambire la Casa reale britannica dopo le rivelazioni recentemente rilasciate da Meghan, duchessa del Sussex, a Oprah. A lanciarle è il Guardian, che ha scoperto come, fino almeno alla fine degli Anni '60, a Corte fossero banditi gli impiegati «immigrati o stranieri di colore». La regina, inoltre, risulta a tutt'oggi esentata dal rispetto delle leggi contro le discriminazioni.

La testata ha scovato i documenti incriminati negli Archivi Nazionali, nell'ambito delle sue indagini sulla pratica del consenso reale. In uno di essi, che risale al 1968, il direttore finanziario della sovrana informava alcuni funzionari statali che «non era, in realtà, prassi nominare immigrati o stranieri di colore» per funzioni impiegatizie. Gli stessi, tuttavia, potevano lavorare a palazzo come domestici.

Da un'altra serie di documenti ufficiali emerge invece come, negli Anni '70, consiglieri della Regina Elisabetta si siano coordinati con rappresentanti del governo per fare in modo che la formulazione di alcune leggi contro la discriminazione razziale e sessuale proposte dall'esecutivo non si applicassero alla monarca. Ciò, accusa il Guardian, rende tuttora impossibile ai dipendenti della Casa reale cercare giustizia in tribunale in caso di discriminazione.

Contattato dal portale d'informazione, Buckingham Palace si è rifiutato di specificare quando il divieto di assumere impiegati di colore messo in luce dalla nota del 1968 sia stato abolito. Ha tuttavia fatto notare che, dai suoi registri, emerge che persone appartenenti a minoranze etniche risultassero assunte a palazzo come impiegate negli Anni '90. Prima di allora, ha precisato, la Casa reale non teneva traccia dell'origine etnica dei dipendenti.  

Per quanto riguarda il fatto che la regina non sottostia alle leggi contro il razzismo, poi, i rappresentanti della sovrana non hanno smentito tale esenzione, ma hanno sottolineato che Buckingham Palace dispone di una procedura separata per i casi di discriminazione. Come funzioni nel dettaglio tale procedura, tuttavia, non è stato chiarito.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
TURCHIA
4 ore
Una famiglia sterminata dai vicini
Sette persone uccise in un attacco legato ai diritti di pascolo. Ma sullo sfondo tensioni razziali
SPAGNA
16 ore
Salva la bimba di 2 anni trovata vicino ai genitori morti
Sono stati gli abitanti della zona a chiamare la polizia, allertati dall'auto in fiamme.
ITALIA
19 ore
La Delta in Lombardia: «Zero decessi tra i vaccinati»
Il coordinatore della campagna vaccinale Bertolaso: «È il punto su cui bisogna insistere. Il vaccino è fondamentale»
GERMANIA
20 ore
Test negativo obbligatorio (da domenica) per entrare in Germania
L'entrata sarà consentita anche a chi può dimostrare di essere vaccinato completamente o di essere guarito dal Covid
MONDO
1 gior
Anche la migliore di sempre può crollare
Invincibile ma fragile. Il caso di Simone Biles ha riportato i riflettori sul problema della salute mentale nello sport
GRECIA
1 gior
Polizia nelle isole greche per aumentare i controlli
Non è esclusa l'applicazione, nuovamente, del coprifuoco in alcune isole
STATI UNITI
1 gior
L'allarme: «Variante Delta causa un'infezione più grave»
Lo rivela uno studio redatto dai CDC, la massima autorità sanitaria federale statunitense.
STATI UNITI
1 gior
Quelli che si vaccinano di nascosto da amici e parenti
Lo fanno per evitare la pressione e il biasimo, specialmente in quelle aree dove la campagna incontra forti resistenze
STATI UNITI
1 gior
Biden: «Cento dollari a tutti i nuovi vaccinati»
Una misura simile è stata già adottata dalla città di New York.
EGITTO
1 gior
Patrick Zaki dal carcere: «Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna»
L'attivista ha consegnato alla famiglia una lettera per la sua ragazza: «Non posso prometterti che uscirò presto».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile