Immobili
Veicoli
Keystone
Il teschio di un herero ucciso in Namibia agli inizi del XX secolo conservato alla Charité di Berlino
GERMANIA
28.05.21 - 08:000

Berlino ammette il genocidio in Namibia

Da molti storici è considerato il primo del XX secolo. Il riconoscimento arriva dopo cinque anni di negoziati.

BERLINO - Per la prima volta, la Germania ha riconosciuto oggi che le uccisioni commesse in Namibia ai danni delle popolazioni degli Herero e dei Nama durante l'era coloniale hanno costituito un «genocidio». Berlino corrisponderà così al Paese africano 1,1 miliardi di euro in aiuti allo sviluppo in 30 anni.

«Qualificheremo ufficialmente questi eventi per quello che sono dalla prospettiva odierna: genocidio», ha dichiarato in un comunicato il ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, accogliendo con favore la conclusione di un accordo con la Namibia dopo più di cinque anni di difficili negoziati sugli eventi che hanno avuto luogo nel sudovest dell'Africa colonizzato dalla Germania tra il 1884 e il 1915.

I coloni tedeschi hanno ucciso decine di migliaia di Herero e Nama durante i massacri commessi tra il 1904 e il 1908, considerato da molti storici il primo genocidio del ventesimo secolo.

«Alla luce della responsabilità storica e morale della Germania, chiederemo perdono alla Namibia e ai discendenti delle vittime» per le «atrocità» commesse, ha proseguito il ministro. In un «gesto di riconoscimento delle immense sofferenze inflitte alle vittime», Berlino sosterrà «ricostruzione e sviluppo» in Namibia attraverso un programma finanziario di 1,1 miliardi di euro, ha aggiunto. Precisa che non si tratta di un risarcimento su base giuridica e che tale riconoscimento non apre la strada ad alcuna «richiesta legale di risarcimento». Tale somma verrà corrisposta nell'arco di 30 anni, secondo fonti vicine alle trattative, e dovrà avvantaggiare in primo luogo i discendenti di queste due popolazioni.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
53 min
Il ritorno di Trump: «Riprendiamoci l'America»
Durante un comizio in Arizona ha rispolverato tutti i suoi argomenti da campagna elettorale
STATI UNITI
2 ore
Ostaggi salvi, morto il sequestratore
È finito l'incubo nella sinagoga di Colleyville in Texas. Le forze speciali sono entrate in azione
TONGA
13 ore
Eruzione sottomarina, onde alte più di un metro raggiungono il Giappone
Piccole inondazioni si sono verificate anche alle Hawaii, e le spiagge sono state chiuse
LIVE CORONAVIRUS
18 ore
«Bisogna concentrarsi sulla variante Delta, che determina casi più gravi»
«La variante Delta è ancora presente e se andassimo ad un livello di contagio più alto rappresenterebbe un problema»
TONGA
22 ore
Potente eruzione sottomarina, uno tsunami colpisce Tonga
Si segnalano già onde alte oltre un metro che s'infrangono sulle case della capitale, Nuku'alofa
AUSTRALIA
1 gior
Nole è di nuovo in detenzione
Lo fanno sapere i suoi avvocati. Oggi per Djokovic sarà il giorno della verità?
AUSTRALIA
1 gior
Nole espulso: «Maltrattato un intero Paese»
Il campione serbo ha un piede e mezzo fuori dal primo Slam stagionale dopo che l'Australia gli ha ancora tolto il visto.
STATI UNITI
1 gior
Netflix vuole colonizzare l'Asia
Il successo di Squid Game potrebbe fungere da cavallo di Troia: «L'obiettivo è arrivare a mezzo miliardo di utenti».
ITALIA / UNIONE EUROPEA
1 gior
La corsa di Omicron lanciata verso l'apice della curva
La variante ha fatto registrare oltre 3 milioni di casi globali sia ieri che mercoledì. Non era mai accaduto prima.
UCRAINA
1 gior
L'Ucraina vittima di un attacco informatico
I primi sospetti sono stati rivolti alla Russia. Nessuna fuga di dati personali sarebbe avvenuta
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile