keystone-sda.ch (Peter Byrne)
La variante inglese potrebbe essere responsabile del 75% dei contagi nel Regno Unito.
REGNO UNITO
27.05.21 - 19:290

La variante indiana è diventata dominante nel Regno Unito

Il numero dei ricoveri e dei contagi è recentemente aumentato. Si parla inoltre di una variante thailandese

LONDRA - Il 75% dei nuovi contagi di coronavirus nel Regno Unito potrebbe essere causato dalla variante indiana. Lo ha dichiarato il ministro della Salute britannico Matt Hancock.

La variante, classificata come B.1.617.2 ed è collegata a un aumento dei contagi in tutto il paese. Sono poco meno di 7'000 i casi confermati nel corso della settimana, mentre - dati di Public Health England (PHE) alla mano - quella precedente erano 3'424. Una situazione che è stata giudicata «preoccupante» dalle autorità sanitarie elvetiche e che ha portato a mettere nuovamente il Regno Unito sulla lista nera Covid dell'Ufficio federale della sanità pubblica.

Più ricoveri - La variante indiana ha di fatto causato uno stop nella descrescita dei ricoveri ospedalieri: i 3'180 di mercoledì sono il livello più alto da un mese e mezzo a questa parte, ha commentato Hancock, che ha rilevati tuttavia come «il collegamento tra i casi, i ricoveri e i decessi è stato interrotto» grazie alle vaccinazioni. Ci hanno pensato gli esperti a smentire le parole del ministro: la doppia dose è stata ricevuta dal 44% della popolazione adulta e tutti i vaccini, com'è noto, non offrono una protezione del 100% contro i ricoveri in ospedale. 

Ciò è lampante in Scozia, dove sono stati confermati focolai di variante indiana. Il 26 maggio i ricoveri sono stati 98, 20 giorni prima si erano fermati a 58. Un degente su 10 nel Regno Unito ha ricevuto entrambe le dosi, ha aggiunto Hancock, ma questa è una dimostrazione che si può avere «un alto grado di fiducia» nell'efficacia dei sieri.

La variante Thai - Inoltre è stata rilevata una nuova variante, ribattezzata thailandese e contrassegnata dal codice C.36.3. Secondo il PHE sono solamente 109 i casi rilevati nel Regno: si pensa che sia stata identificata per la prima volta in Thailandia su persone che avevano viaggiato in Egitto e al momento non ci sono prove che provochi una forma più "pesante" di Covid-19. Nulla lascia pensare, nello stesso tempo, che i vaccini a disposizione nel paese non siano efficaci anche contro questa variante.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AUSTRALIA
1 ora
90 miliardi in sottomarini, Francia umiliata e Cina sul chi vive: ecco cos'è l'accordo Aukus
Gli ultimi strascichi di una crisi più strategica che economica che di cui sentiremo ancora parlare
STATI UNITI
4 ore
Rientrati sulla Terra i primi 4 turisti SpaceX
L'ammaraggio è avvenuto questa notte al largo della Florida
AFGHANISTAN
13 ore
Bombe e morti, torna l'ombra dell'Isis sull'Afghanistan
Sono almeno tre gli ordigni esplosi a Jalalabad. Il ritorno dell'Isis dopo il ritiro degli Stati Uniti?
STATI UNITI
15 ore
Miliardario colpevole di omicidio (dopo vent'anni)
Nel 1982 aveva ucciso la prima moglie. E nel 2000 la donna che l'aveva aiutato a coprire le tracce
PAESI BASSI
16 ore
Cani nel mirino dei malviventi
Il fenomeno si riscontra nei Paesi Bassi, dove le autorità invitano i proprietari a tenere d'occhio i quadrupedi
STATI UNITI
17 ore
Un flop a Capitol Hill
La destra americana si ritrova a sostegno degli assalitori del Congresso. Ma sono in pochi
MONDO
1 gior
Il volto violento della moda
Un mondo solo apparentemente dorato, all'interno del quale si nascondono predatori sessuali
AFGHANISTAN
1 gior
Dieci civili vittime del drone: il Pentagono ammette
L'episodio è avvenuto poco prima del ritiro delle truppe Usa da Kabul
Egitto
1 gior
In progetto una ferrovia lunga 1'800 chilometri per attraversare il deserto
Firmato l'accordo per la costruzione della prima tratta con la multinazionale tedesca Siemens
STATI UNITI / CINA
1 gior
ll boom del traffico intercontinentale dei falsi certificati Covid
Le dogane Usa intercettano migliaia di pacchi provenienti dalla Cina
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile