Reuters
FILIPPINE
26.05.21 - 06:000

Ci sono i vaccini, ma nessuno li vuole: il caso delle Filippine

La situazione nel Paese, anche economica, non è rosea. Ma la popolazione è scettica e ha paura.

A pesare, anche quanto successo con il vaccino per la Dengue.

MANILA - Il governo ha a disposizione i vaccini, ma la popolazione non li vuole. È quanto sta accadendo nelle Filippine, Paese già confrontato con elevati contagi giornalieri e quasi 20'000 decessi, oltre ad una situazione economica preoccupante, soprattutto per la fascia più povera (quasi un quarto della popolazione). 

Per fare un esempio, settimana scorsa le Filippine hanno ricevuto 8,2 milioni di dosi, ma solo la metà sono state inoculate, stando alla CNN. La campagna è partita a marzo, ma solamente lo 0,9% della popolazione ha ricevuto entrambe le dosi, mentre il 3,1% ha ricevuto almeno una dose. Come mai? 

Diffidenza - Tra le prime cause c'è la diffidenza da parte della popolazione, soprattutto quella più povera, che ha un accesso limitato alle informazioni. Stando ad un sondaggio dell'SWS (Un centro di ricerca filippino, ndr) svolto nel Paese a maggio, circa il 68% degli intervistati si è dichiarato scettico o contrario alla vaccinazione contro il Covid-19 (la media internazionale si aggira attorno al 32%). In molti sono preoccupati per gli effetti collaterali, come ha dichiarato un medico alla CNN, aggiungendo che spesso gli anziani sono convinti di poter guarire curandosi con zenzero, limone e miele. 

Precedenti - Comunque, la diffidenza della popolazione filippina non è dovuta solamente ad un accesso limitato alle informazioni, come accade in altri paesi, ma ha anche radici più profonde. Il Paese nel 2017 è infatti stato confrontato con un problema che riguardava i vaccini ideati per proteggere dalla Dengue, malattia virale diffusa dalle zanzare infette, e potenzialmente mortale. Il Paese aveva adottato un programma vaccinale, utilizzando il preparato Dengvaxia, che mirava ad immunizzare la popolazione dalla pericolosa malattia. Tuttavia, solo in un secondo momento ci si è accorti che il vaccino non era sicuro soprattutto per le persone che non avevano mai incontrato prima la malattia. In questi ultimi erano stati riscontrati casi più gravi della stessa malattia. Il vaccino è stato perciò successivamente sospeso, ma era stato già iniettato a più di 730'000 persone, bambini compresi.   

La stessa diffidenza riguardo ai vaccini è stata riscontrata anche due anni fa, quando nel paese si è registrato un focolaio di morbillo. Il Paese si trova dunque confrontato a combattere una doppia battaglia. 

A peggiorare la situazione ci ha pensato lo stesso presidente Duterte, quando ad inizio maggio ha ricevuto il vaccino Sinopharm in diretta tv. Il prodotto cinese però non era stato approvato dalle Filippine. 

Nel frattempo, prosegue il programma del governo per incentivare le persone a farsi vaccinare, con l'aiuto di funzionari e operatori sanitari. 

Reuters
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
21 min
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
2 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
10 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
13 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
15 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
17 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
19 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
19 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
21 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
1 gior
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile