keystone-sda.ch (Guo Wenbin)
MALDIVE
09.05.21 - 10:030
Aggiornamento : 12:02

Pericolo scampato: il razzo cinese è finito nell'Oceano

I detriti che non si sono disintegrati in volo sono atterrati vicino alle Maldive

MALÉ - Gli abitanti delle fasce che sono state definite «a rischio» d'impatto del vettore del razzo cinese che è finito in orbita senza controllo possono tirare un sospiro di sollievo.

Gran parte del razzo Long March 5B, il cui rientro era previsto questa notte sulla Terra, si è infatti disintegrato in volo, mentre i detriti restanti sono caduti vicino alle Maldive, nell'Oceano Indiano.

Lo hanno riferito i media statali cinesi, come riportato dalla Bbc.

Per quanto concerne l'orario, le componenti del razzo sono rientrate nell'atmosfera terrestre alle 10:24 di Pechino (04:24 svizzere di questa notte).

In precedenza, lo ricordiamo, c'erano timori che i detriti potessero cadere in una zona abitata. Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin aveva perciò dichiarato che la Cina «è stata negligente» nel far finire il razzo in orbita.

Tuttavia, diversi astronomi ed esperti a livello internazionale avevano previsto che le possibilità che qualcuno venisse effettivamente colpito erano minime, anche perché gran parte della superficie terrestre è coperta dall'oceano, ed enormi aree terrestri sono disabitate.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 1 mese fa su tio
Sarebbe stato un altro bel regalo cinese ma questa volta a caderci in testa.
volabas56 1 mese fa su tio
Cines del menga
franco1956 1 mese fa su tio
peccato.Doveva cadere a Pechino.
Liberatecidalpotere 1 mese fa su tio
È va be... hanno sbagliato solo di 7'300 Km ma lo scopo era spaventare mezz'Italia per giorni e giorni visto che la paura del Covid era scesa un pò e si rischiava che la gente non fosse più tenuta in ansia. Sono sempre più convinto che per riprendere a vivere bisogna spegnere Tv e media.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 min
Con 76 profughi nascosti nel Tir
Il mezzo è stato fermato ieri sera nei pressi di un casello dell'A4 in provincia di Udine.
CARBIS BAY
13 ore
Dal G7 un piano globale anti-virus
Le pandemie future andranno prevenute dall'alleanza degli Stati. Ma in Cornovaglia frattura sulla Cina
EUROPA
14 ore
Ora a spaventare è la variante Delta
Londra ha rinviato la riapertura prevista per fine giugno. Allarme anche sul continente
REGNO UNITO
20 ore
Al G7 una giornata dedicata alla pandemia
In Cornovaglia sono previste tre sessioni dedicate a flessibilità, politica estera e politica sanitaria e dei vaccini.
ITALIA
21 ore
Anche i dinosauri passano dalla dogana
Singolarissimo ritrovamento tra i pacchetti dell'e-commerce all'aeroporto di Bergamo.
FRANCIA
1 gior
Balli e urla in piazza a Parigi (in barba al coprifuoco)
Almeno 1'500 giovani si sono dati appuntamento ieri sera sull'Esplanade des Invalides.
RUSSIA
1 gior
I rapporti tra Russia e USA? «Sono al punto più basso da anni»
Vladimir Putin ha tessuto le lodi di Donald Trump, attaccando nel contempo il suo successore.
CINA
1 gior
Liberata l'attivista Agnes Chow
La giovane ha trascorso sette mesi in carcere per aver partecipato alle proteste pro democrazia nel 2019 a Hong Kong.
CANADA
1 gior
L’infanzia gettata in una fossa comune
Canada, Irlanda e Regno Unito: la tragica fine degli ospiti di alcuni istituti "caritatevoli" cattolici.
REGNO UNITO
1 gior
Record di casi da febbraio, riaperture a rischio
Nelle ultime 24 ore i casi sono 8125 contro i 7393 del giorno precedente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile