Immobili
Veicoli
Keystone
FRANCIA
03.05.21 - 21:000

Macron e quell'eredità lasciata da Napoleone

Tra due giorni vi sarà la commemorazione per il bicentenario della morte dell'Imperatore.

PARIGI - «Guardare in faccia» l'eredità lasciata da Napoleone. In Francia parte il conto alla rovescia per il bicentenario della morte dell'imperatore, il 5 maggio del 1821, durante l'esilio a Sant'Elena.

A due secoli dalla scomparsa, politici, storici e istituzioni si apprestano ad affrontare le mille sfaccettature di questo controverso personaggio, dai lati positivi fino a quelli più difficili e imbarazzanti. Come l'accusa di "schiavismo" mossa nelle scorse settimane dalla Fondation pour la Memoire de l'Esclavage. Malgrado le tante polemiche, il presidente, Emmanuel Macron, ha comunque deciso di prendere parte alla ricorrenza. Anche se la prudenza è massima.

Dopo domani, 5 maggio, si recherà all'Institut de France per partecipare a una cerimonia con personalità del mondo accademico e studenti. Il capo dello Stato si esprimerà dopo un intervento dello storico Jean Tulard, tra i massimi esperti di Napoleone in Francia. Seguirà un momento più simbolico e solenne, quando Macron depositerà una corona ai piedi della tomba dell'Imperatore, sotto alla cupola d'oro dell'Esplanade des Invalides, nel centro di Parigi, insieme alla ministra dell'Esercito Florence Parly, il capo di Stato maggiore Francois Lecointre e Jean-Christophe Napoléon Bonaparte, discendente dell'illustre famiglia di origine corsa.

«Commemorare non significa celebrare», avverte l'Eliseo, nella speranza di disinnescare le polemiche. Macron, insiste la presidenza, non intende in alcun modo appoggiare in tutto e per tutto l'eredità di Napoleone, ma «guardare in faccia» questo «essere complesso», senza esprimersi sul «giudizio retrospettivo dopo dieci generazioni». L'intento, insistono all'Eliseo, «non è né agiografia, né negazionismo, né pentimento: Non bisogna addossare alla storia il peso dei nostri dibattiti contemporanei», avverte un consigliere presidenziale, rifiutando ogni «lettura anacronistica» della storia.

Morto il 5 maggio del 1821 durante l'esilio sull'isola britannica di Sant'Elena, Napoleone resta una figura estremamente controversa per quanto ha fatto nei quindici anni in cui è stato al potere tra il 1799 e il 1815, con la sconfitta a Waterloo. La ministra incaricata della Parità tra Uomini e Donne, Elisabeth Moreno, lo ha recentemente definito, tra l'altro, «un grande misogino». È inoltre accusato di aver ripristinato la schiavitù nel 1802 dopo che era stata abolita nel 1794, cinque anni dopo la Rivoluzione francese. Un gesto "abominevole", dirà Macron, secondo quanto anticipa l'Eliseo.

Napoleone resta anche un capo di guerra che sacrificò la vita di migliaia di uomini durante le sue numerose campagne militari, tra cui la campagna d'Italia. Tra l'altro sottrasse straordinarie opere d'arte del patrimonio italiano nelle cosiddette spoliazioni napoleoniche, tra cui opere d'arte meravigliose come 'Le Nozze di Cana', capolavoro assoluto di Paolo Veronese, oggi custodito al Louvre, ma presente in origine nel refettorio benedettino del complesso architettonico sull'Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia. Ma Bonaparte viene anche ricordato come un leader visionario che pose le basi dello Stato moderno con il Codice civile del 1804.

«Il nostro passato è il nostro passato e dobbiamo addossarcelo», spiega l'Eliseo, insistendo sulla necessità di coltivare una «storia condivisa». Ma rifiutando al tempo stesso «complessi di colpa mortiferi», siano essi su Napoleone, sull'azione della Francia in Algeria o sul Ruanda, tanto per citare alcuni dei grandi dossier legati alla memoria storica affrontati durante il quinquennato di Macron.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MEDIO ORIENTE
17 min
Missili verso Abu Dhabi, si infiamma lo scontro con gli Huthi
I ribelli dicono di aver colpito anche la zona di Dubai, dagli Emirati non giunge però nessuna conferma
RUSSIA
2 ore
Omicron è in Russia, dove metà della popolazione non è vaccinata
La variante è correlata a un tasso minore di ricoveri. Sarà però così anche dove gli immunizzati sono la minoranza?
FOTO
GERMANIA
4 ore
Heidelberg, spari nel campus: uno dei feriti è morto. «È stato uno studente»
La polizia, accorsa con un ampio contingente, ha comunicato che l'aggressore si è tolto la vita.
ITALIA
5 ore
Via la scadenza di sei mesi dal Green Pass dei vaccinati?
Il governo dovrebbe procedere in tal senso, in attesa di una decisione sull'eventuale quarta dose
ITALIA
9 ore
Schede bianche sotto il Colle?
Alle 15 si apre l'elezione del presidente della Repubblica. L'intesa tra le forze politiche appare però distante.
FRANCIA
20 ore
Chirurgo mette all'asta la radiografia di una vittima del Bataclan
La lastra è ancora disponibile su OpenSea, ma il prezzo, dopo che il medico è stato denunciato dai media, è stato tolto
GERMANIA
22 ore
Vaccino obbligatorio, il progetto è pronto a scaldare gli animi
Mercoledì inizieranno i dibattiti su una proposta interpartitica: un obbligo vaccinale per tutti gli over 18
DANIMARCA
1 gior
Quella di Omicron potrebbe essere l'ultima ondata
Lo ha dichiarato Hans Kluge, direttore per l'Europa dell'Oms
NORVEGIA
1 gior
Il primo viaggio in Europa dei talebani
Una delegazione è arrivata ad Oslo, numerose le riunioni previste
MONDO
1 gior
Un sottotipo di Omicron ancora più contagioso? Gli esperti: «Prudenza»
È stato denominato BA.2 e differisce del 50% con la variante base
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile