In migliaia a chiedere «giustizia per Sarah»
keystone-sda.ch / STR (Daniel Cole)
+24
FRANCIA
25.04.21 - 22:320
Aggiornamento : 26.04.21 - 09:56

In migliaia a chiedere «giustizia per Sarah»

La donna ebrea di 65 anni era stata uccisa nel 2017 da un uomo sotto gli effetti della droga.

Il suo aguzzino non era però stato processato per omicidio in quanto la legge francese considera «irresponsabile» chi commette reati in quelle condizioni. Il Ministro della giustizia francese presenterà un progetto per «colmare un vuoto giuridico».

PARIGI - Migliaia di persone, oltre 26'000, hanno manifestato oggi in Francia contro il mancato processo per omicidio nei confronti di Kobili Traoré, che nel 2017 uccise una donna ebrea di 65 anni ma che la giustizia francese considera «irresponsabile» in quanto sotto gli effetti della droga. Manifestazioni analoghe si sono svolte anche a Tel Aviv, Roma, Londra e New York.

Nella principale di queste proteste, quella di Parigi, sono state 20'000 le persone a riunirsi al Trocadero; 2000 hanno sfilato a Marsiglia, 1200 a Lione, 600 a Strasburgo e Deauville, 400 a Tolosa e Nizza. Hanno tutti risposto all'appello di collettivi civici e dei rappresentanti delle comunità ebraiche per protestare contro la rinuncia a processare il colpevole di un omicidio antisemita, commesso nel 2017 contro Sarah Halimi.

La sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, ha annunciato che una via della capitale porterà il nome della donna, uccisa nel 2017 da Kobili Traoré, suo vicino di casa e forte consumatore di cannabis, in preda a delirio da assunzione di stupefacenti. «Senza giustizia non c'è Repubblica», si leggeva sul principale striscione del corteo. Tanti i cartelli mostrati dai manifestanti, come «Niente diritti senza giustizia» e «Giustizia strafatta?».

«La protesta è cresciuta - ha detto William Attal, fratello della vittima - e la speranza è tornata». In molti hanno chiesto di cambiare la legge esistente, che considera «irresponsabile» chi agisce in modo criminale sotto l'effetto di droghe. Poco prima della manifestazione, il ministro della Giustizia, Eric Dupond-Moretti, ha annunciato che a fine maggio presenterà un progetto di legge mirante a «colmare un vuoto giuridico», dopo che la Cassazione ha confermato l'irresponsabilità penale dell'assassino di Sarah Halimi, che entrò nell'appartamento della donna, la picchiò selvaggiamente gridando almeno una decina di volte "Allah Akbar", poi gettò la sua vittima dal balcone, al terzo piano. Un appello per modificare la legge è stato lanciato anche dal presidente Emmanuel Macron.

Il 14 aprile la Cassazione ha confermato il carattere antisemita del delitto, ribadendo però anche l'irresponsabilità penale dell'assassino, dal 2017 ricoverato in ospedale in un reparto di psichiatria, in quanto «privo di discernimento al momento dei fatti».

L'impossibilità di celebrare il processo ha provocato l'incomprensione e la rabbia della comunità ebraica in Francia, sempre più bersagliata da violenze, minacce e attentati negli ultimi anni. Il presidente del Consiglio rappresentativo delle istituzioni ebraiche di Francia (Crif), Francis Kalifat, ha auspicato in un'intervista a Le Journal du Dimanche che la futura legge porti il nome di Sarah Halimi: «Sarà una forma di omaggio che le rendiamo, visto che non ha potuto avere giustizia».

Centinaia gli israeliani che hanno protestato a Tel Aviv davanti all'ambasciata di Francia. Altri raduni si sono svolti a Roma, Londra e New York.

keystone-sda.ch / STF (Michel Euler)
Guarda tutte le 28 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
1 ora
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
3 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
5 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
5 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
7 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
9 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
13 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
20 ore
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
STATI UNITI
22 ore
Milioni di guanti sporchi venduti come nuovi
In Thailandia esiste un mercato nero dei guanti per uso medico, che vengono semplicemente ridipinti
GERMANIA
1 gior
Tragico incendio a Reisbach, quattro morti tra cui una giovane incinta e il suo bambino
I soccorritori hanno tentato di salvare il bimbo che aveva in grembo con un parto cesareo, ma senza successo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile