Deposit/@EvaWalpole
ITALIA
21.04.21 - 21:180

#ilgiornodopo, le vittime di abusi rispondono a Beppe Grillo

Per il video in difesa del figlio Ciro accusato di stupro da una ragazza, e alla domanda: «Perché non ha denunciato prima?»

MILANO - Continua, e non potrebbe essere altrimenti, a generare dibattito il filmato postato da Beppe Grillo in difesa del figlio Ciro accusato di stupro da una giovane, incontrata durante una vacanza in Sardegna nel 2019.

Dopo una serata al Billionnaire, la ragazza e un'amica avevano trascorso la notte in casa dei Grillo. Una l'aveva passata priva di sensi, l'altra - dopo aver bevuto parecchio - ha invece finito per avere diversi rapporti sessuali, con il 19enne e i suoi due amici.

La vacanza è poi continuata, pare normalmente, e il tutto è venuto a galla solo diversi giorni dopo, al rientro. La denuncia fatta dalla giovane anonima è stata poi presentata 8 giorni dopo quella sera.

Secondo Grillo, troppo tempo perché non si possa dubitare della sua veridicità: «Una persona che viene stuprata la mattina e al pomeriggio va in kitesurf, e dopo otto giorni fa una denuncia, è strano», è una delle sue frasi - di quel video - che ha fatto più discutere in assoluto.

Perché ha aspettato? - Questo dell'intervallo di tempo fra la molestia e la denuncia, è uno dei tasselli base con cui si tentano di smontare questo tipo di accuse ed era già stato utilizzato - lo ricorderete - anche nel caso Weinstein. La domanda ricorrente, che giungeva da diversi media e opinionisti, era: «Perché tutte queste sedicenti vittime hanno aspettato così tanto tempo?».

La verità è che rarissimamente le denunce arrivano il giorno dopo la violenza, anche se questo rende più difficoltoso il lavoro d'indagine. Più spesso arrivano dopo, molto dopo, oppure anche mai.

Perché? Le risposte, sono tante e diverse: dal trauma intimo che si subisce, passando per la difficoltà di venire a patti con quanto successo e dover accettare di doverlo fare per poter denunciare, fino alla paura di non essere credute o creduti.

Senza calcolare, poi, l'eventualità che - malgrado indagine e/o processo - chi ha compiuto violenza, possa riuscire a cavarsela senza davvero pagare per le sue azioni.

A raccontare in prima persona come ci si sente, il giorno dopo la violenza, gli abusi o le molestie, sono state tantissime ragazze italiane che si sono unite su Twitter, Instagram e Facebook postando con l'hashtag #ilgiornodopo. 

«#ilgiornodopo sono andata a scuola», recita il primo post della serie che ha inaugurato l'hashtag scritto dall'utente più o meno anonima Eva Walpole, a cui fanno seguito una serie fortissima di testimonianze di donne, che raccontano (o non raccontano) il loro venire a patti - oppure no - con la violenza. Un coro inedito ripreso da diversi media italiani.

«#ilgiornodopo sono uscita con lui», scrive una. E anche tante altre.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Stati Uniti
28 min
I piloti degli aerei stanno perdendo la mano e fanno fatica a volare
Dopo la pandemia gli errori e il rischio di disastri aerei sono aumentati. Sotto la lente il caso degli Stati Uniti
Spagna
1 ora
«La prostituzione rende schiave le donne del nostro Paese»
Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez ha fatto sapere domenica di voler abolire il sesso a pagamento
NUOVA GUINEA
2 ore
Pirati del mare, criminali armati fino ai denti
Agiscono perché agevolati dalla polizia corrotta e da chi detiene il potere. Ecco dove non andare mai per mare
REGNO UNITO
12 ore
Delta, zero restrizioni... e così i contagi oltremanica volano
Il Regno Unito registra in media 40mila nuovi casi al giorno. La situazione ospedaliera resta però sotto controllo
Cina
16 ore
La Cina vola intorno al mondo, ma nessuno lo sapeva
Il governo Biden teme un dispiegamento delle forze. Diversa la musica da Pechino: «Non stiamo attaccando nessuno»
ITALIA
20 ore
15enne uccisa da un colpo di fucile in casa, a sparare è stato il fratellino
Svolta nelle indagini nella tragica morte avvenuta ieri in un'abitazione del Bresciano
Francia
21 ore
Sessant'anni fa Parigi si svegliò nel sangue
Oggi la Francia commemora un massacro che pochi conoscono e sui cui bisogna fare ancora chiarezza
STATI UNITI
23 ore
L'assassino americano Robert Durst rischia di morire a causa dal coronavirus
Il 78enne, reso celebre per la sua clamorosa confessione nella serie tv “The Jinx”, era stato condannato all'ergastolo
STATI UNITI
1 gior
Bill Clinton ricoverato: presto verrà dimesso
L'ex-presidente era stato ospedalizzato con una certa urgenza settimana scorsa
FOTO
ITALIA
1 gior
"No green pass", nervi tesi a Milano
Cortei, proteste, slogan e qualche scontro con le forze dell'ordine. Migliaia di persone in piazza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile