Keystone
REGNO UNITO
18.04.21 - 08:030

Il fegato grasso della discordia

Anche il Regno Unito pensa di bandire il foie gras ma gli allevatori francesi non ci stanno: «Non è crudeltà»

LONDRA - Anche nel Regno Unito, così come si sta facendo in Svizzera e in altre nazioni, si sta valutando e vietare o meno la vendita del foie gras d'oca. Prelibatezza da chef sì, ma anche alimento ottenuto in maniera controversa, ingozzando gli animali di cibo, fino a far gonfiare ben oltre misura il loro fegato.

È di qualche giorno fa un'azione parlamentare di un gruppo di consiglieri che hanno interpellato direttamente il Ministro dell'Ambiente a riguardo. Secondo loro, considerando anche le difficoltà imposte dalla Brexit, potrebbe essere il momento giusto per chiudere definitivamente con l'import del prodotto.

Una mossa, questa, climax di una campagna sostenuta dai gruppi animalisti che ha portato anche un'istituzione del bien manger di Londra, Fortnum & Mason, a toglierlo dai suoi scaffali.

«È una cosa inconcepibile per un paese che sostiene di essere per il libero scambio», commenta al Guardian Marie-Pierre Pé, direttore dell'associazione ombrello dei produttori francesi Comité Interprofessionnel des Palmipèdes à Foie Gras (CIFOG), «evidentemente non sanno come facciamo il nostro lavoro, inviterei volentieri questi signori parlamentari a fare un giro dei nostri allevamenti».

Pé, difende anche il metodo del cosiddetto gavage, con il quale si cibano le oche infilando loro in gola un tubo: «Non sono mica degli esseri umani, la cosa non si può paragonare, il collo e la gola  delle oche funzionano in maniera completamente diversa. Alla base c'è una piccola tasca, che immagazzina il cibo in eccesso. Se lo si sa fare non fa loro del male, e ci sono molti studi che lo dimostrano... E poi non le ingozziamo, diamo loro da mangiare, due volte al giorno, esagerare sarebbe controproducente, farebbe male a loro e a noi».

Dal canto suo il Dipartimento dell'Ambiente ha confermato ai parlamentari che indagherà a riguardo, anche tenendo in considerazione il fatto che l'appello è appoggiato dal ministro del Welfare animale, Lord Goldsmith.

«Il foie gras è la definizione per antonomasia della crudeltà verso gli animali, e siamo tutti d'accordo», argomenta Abigail Penny del gruppo animalista Animal Equality UK, «e la gente è d'accordo, «un bando non arriverà mai abbastanza presto».

Chi però non la pensa così, oltre agli allevatori, sono i ristoratori britannici - soprattutto quelli legati alla scena della cucina francese in cui si sono formati i più grandi chef inglesi - : «Trovo ci sia un paradosso, è gente che mangia tutti i giorni carne di produzione industriale... Con quale coerenza sostiene un bando come questo?», si chiede George Pell, il co-proprietario dello storico ristorante L'Escargot di Londra.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
8 ore
Il ritrovamento del piccolo Nicola: «Chiamava la mamma»
Una storia a lieto fine quella del bambino di due anni scomparso a Palazzolo sul Senio. Ma resta il mistero
ITALIA
10 ore
Ddl Zan, Draghi: «Siamo uno stato laico. Il Parlamento è libero»
Il governo italiano, ha detto il "premier", «non entra nel merito della discussione».
UNIONE EUROPEA
12 ore
Incognita Delta: «Entro fine agosto 9 casi su 10»
In Europa la variante indiana galoppa. Il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie mette in guardia
MONDO
12 ore
Allarme ONU sull'emergenza climatica: «È a rischio l'intera umanità»
I toni molto allarmanti di un nuovo rapporto riportano l'attenzione su una minaccia reale ma che ci eravamo dimenticati
EURASIA
15 ore
Mar Nero: bombe e spari d'avvertimento contro una nave britannica
Tensione tra Russia e Regno Unito nel Mar Nero: la nave britannica sarebbe entrata in acque russe
CINA
16 ore
Ultime ore di vita per l'Apple Daily
A partire da mezzanotte il tabloid non aggiornerà più il sito. E quella di domani sarà l'ultima edizione cartacea
GERMANIA / UNGHERIA
18 ore
Dopo la polemica sullo stadio arcobaleno, Orbán annulla la sua presenza alla partita
Normalmente entusiasta spettatore di Euro 2020, il primo ministro ungherese non sarà a Monaco.
INDIA
20 ore
L'india identifica una nuova "variante preoccupante": la Delta Plus
Il virus mutato colpisce in maniera «più violenta» i polmoni ed è potenzialmente resistente agli anticorpi monoclonali.
STATI UNITI
23 ore
«Vorrei quell'arma», a 300'000 americani è stato detto «no»
Gli acquisti bloccati dai "background check" negli Stati Uniti hanno raggiunto una cifra record nel 2020
STATI UNITI
1 gior
Vaccini: Biden non ha centrato l'obiettivo
Solo il 65 per cento di vaccinati a luglio. Ritardi nella campagna americana
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile