keystone-sda.ch (BENOIT TESSIER / POOL)
Sono passati due anni dall'incendio delle cattedrale di Notre-Dame a Parigi.
+8
FRANCIA
15.04.21 - 11:300

Sono passati due anni dall'incendio di Notre-Dame

Oggi il presidente Macron ha visitato il cantiere e ha ribadito che la riapertura avverrà nel 2024

PARIGI - Due anni fa il mondo si fermò a guardare le drammatiche immagini della cattedrale di Notre-Dame a Parigi avvolta dalle fiamme.

Una giornata tragica

Nel tardo pomeriggio del 15 aprile 2019 un incendio scoppiò nel sottotetto della guglia alla base della guglia, che arrivando a 93 metri di altezza sormontava l'intero complesso religioso. Le fiamme si propagarono rapidamente al tetto in legno. Dopo circa un'ora la guglia, divorata dalle fiamme, crollò sotto gli occhi dell'intero pianeta, che si era sintonizzato sulle dirette tv e streaming via social. Centinaia di pompieri combatterono contro l'incendio per tutta la serata e la notte, dichiarandolo sotto controllo solamente alle quattro del mattino del 16 aprile. 

Alle 9.50 il portavoce dei vigili del fuoco parigini poté dare l'annuncio che le fiamme erano state domate e che si sarebbe immediatamente passati all'esame dei danni. L'intero tetto medievale, in legno con tegole di piombo, era andato distrutto mentre l'intervento delle squadre di emergenza aveva permesso di salvare le due torri. All'interno della cattedrale erano stati messi in salvo, nel frattempo, svariati tesori d'arte e reliquie d'inestimabile valore.

In quelle ore scattò anche una gara di solidarietà internazionale, che ha portato a raccogliere circa 833 milioni di euro (920 milioni di franchi svizzeri).

A che punto è l'inchiesta

Il fascicolo d'indagine è stato aperto immediatamente, ma il lavoro dei tre giudici inquirenti del tribunale giudiziario è lungo e complesso. La pandemia, riferisce Bfmtv, ha poi causato vari ritardi e slittamenti di udienze e testimonianze. Sono già un centinaio le persone sentite: i lavoratori della compagnia di ponteggi, i membri delle squadre di sorveglianza e quelli dei servizi d'intervento, eccetera. Per raccogliere campioni direttamente sul posto e farsi un'idea della possibile dinamica, è stato poi necessario attendere lo smontaggio delle impalcature di sicurezza che circondavano la cattedrale. Ciò è avvenuto solo lo scorso mese di novembre.

I media francesi affermano che le indagini in loco sono quasi complete e mancano solamente una decina di giorni. Gli inquirenti non stanno lasciando nulla al caso e non hanno esitato a calarsi in corda doppia - dopo essere stati adeguatamente formati - all'interno della volta, per prelevare reperti utili all'inchiesta. Tutto questo materiale è stato quindi mandato a vari laboratori, che dovranno analizzare le tracce presenti su legno, pietra e altro materiale.

Fin da subito ci si è chiesti: è stato un terribile incidente oppure un atto doloso? Questa ipotesi, che aveva in alcuni momenti trovato rilievo sulla stampa, non sembra più essere quella privilegiata. Restano in piedi il malfunzionamento elettrico, con una scintilla che avrebbe dato il via al rogo, oppure una sigaretta non spenta da parte di un operaio. Sono state accertate invece le falle nel sistema di allarme di Notre-Dame, che hanno causato un grave ritardo nell'intervento dei pompieri e portato ai disastrosi risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

La ricostruzione e l'obiettivo 2024

Come già detto, la pandemia ha creato ritardi nell'opera di ricostruzione della cattedrale. Le operazioni di messa in sicurezza - costate la bellezza di 100 milioni di euro circa (intorno ai 110 milioni di franchi svizzeri) sono alle fasi conclusive: si sta procedendo al definitivo consolidamento delle volte. I tecnici sono costretti sovente a compiere vere e proprie acrobazie per giungere ai punti più delicati.

I lavori veri e propri di ricostruzione dovrebbero partire nella tarda estate. L'obiettivo dichiarato della riapertura, promesso dal presidente Emmanuel Macron, è il 16 aprile 2024. Una data, quella del quinto anniversario dell'incendio, giudicata ottimistica dalla maggior parte degli esperti e che sicuramente non fa i conti con il rallentamento causato dall'emergenza sanitaria. Quel giorno è comunque prevista la prima Messa nella navata, un segno simbolico del pieno ritorno di Notre-Dame alla sua funzione di casa spirituale dei francesi.

Macron è giunto sul posto oggi per una visita nel secondo anniversario dell'incendio. La sua promessa, sulle pagine di Le Parisien: «Resisteremo e ricostruiremo», in un parallelismo tra la sorte di Notre-Dame e quanto sta accadendo alla Francia a causa della pandemia. «Queste grandi sfide ci ricordano che siamo una nazione vivente che ha sempre cose da ricostruire e da fare» e mostrano «la capacità del popolo francese a unirsi, a superarsi, quando accade il peggio». Sulla scadenza temporale non ha dubbi: «L'impegno del 2024 verrà mantenuto. Rispetteremo i cinque anni».

keystone-sda.ch (Benoit Tessier)
Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
EUROPA
7 ore
Omicron avanza, l'Europa trema
In Olanda 85 casi su due voli, scoperti contagi anche in Italia e Germania. Tornano le quarantene cautelative
LIVE
MONDO
LIVE
Omicron: in Svizzera scatta la quarantena all'ingresso
Le persone in arrivo da Regno Unito, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Egitto e Malawi devono isolarsi per dieci giorni
ITALIA
12 ore
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
15 ore
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
16 ore
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
17 ore
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
19 ore
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
20 ore
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
MESSICO
1 gior
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
MONDO
1 gior
Omicron, vaccino possibile entro 3 mesi
Ma potrebbero esserne necessari nove prima della sua eventuale approvazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile