keystone
BRUXELLES
01.04.21 - 21:540

L'Ue è di una lentezza «inaccettabile»

Vaccinazioni a rilento: l'Oms critica sulla situazione in Europa

BRUXELLES - Le vaccinazioni anti-Covid in Europa avanzano troppo a rilento, mentre si registra un'impennata di casi che da diversi mesi è «la più preoccupante» nel mondo: suona come una frustata alla politica del Vecchio Continente quella arrivata dall'Organizzazione mondiale della Sanità.

E obiettare alle critiche dell'Oms su come finora l'Europa ha gestito le vaccinazioni appare difficile, visto che i risultati ottenuti non raggiungono neppure i traguardi stabiliti dalla stessa Commissione Ue. L'Oms parla di una «lentezza inaccettabile».

A parlare, alla fine del primo trimestre, sono i numeri: una comunicazione del 19 gennaio dell'esecutivo comunitario fissava la soglia da raggiungere in almeno l'80% degli operatori sanitari e altrettanti ultra-ottantenni vaccinati entro marzo. Mentre per l'estate gli Stati membri dovrebbero aver immunizzato almeno il 70 % degli adulti. Se il secondo obiettivo può ancora in teoria essere raggiunto - e a Bruxelles scommettono che ci si riuscirà - il primo per il momento è sfumato: secondo il tracciamento quotidiano del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, finora il 61,1% degli operatori sanitari ha ricevuto almeno la prima dose e solo il 47% la seconda, dati che per gli over-80 scendono rispettivamente al 56,7% che ha ricevuto almeno una dose e al 27,4% che ha concluso la vaccinazione.

Nuove stime circolate in una riunione degli ambasciatori di stanza nell'Ue e calcolate sulla base degli ordini di vaccini sembrerebbero ora far sperare in un possibile cambio di passo. Secondo il documento, in Italia sarà vaccinato ad esempio entro giugno il 57,14% della popolazione, in Francia il 58,16%, in Germania il 61,04%. Dati incoraggianti - se saranno confermati dalla realtà - in vista dell'obiettivo estivo. Anche gli Stati più indietro dovrebbero raggiungere comunque una quota soddisfacente per giugno. Ad aiutare i cinque Paesi più colpiti dalla penuria di vaccini - Bulgaria, Estonia, Croazia, Lettonia e Slovacchia - potrebbe arrivare una quota dei 10 milioni di dosi Pfizer anticipate al secondo trimestre da un lotto successivo: nonostante Austria, Slovenia e Repubblica Ceca non hanno dato il loro assenso, gli altri 24 Stati membri intendono proseguire da soli con l'azione di solidarietà.

Intanto a Bruxelles puntano anche su un'accelerazione del passaporto sanitario, che dovrebbe secondo gli auspici aiutare la ripresa del turismo. Dopo avere presentato la propria proposta, la presidente della Commissione Ursula Von der Leyen, ha invitato il Parlamento europeo e gli Stati ad adottarla in fretta.

Ma perché finora l'Europa è andata così lenta coi vaccini? Alcune risposte le ha date la stessa von der Leyen quando ha ammesso a febbraio i fallimenti nella gestione Ue, emersi in maniera plateale soprattutto nel confronto con altri Paesi che hanno messo il turbo come Israele o il Regno Unito: «Siamo arrivati in ritardo nelle autorizzazioni. Eravamo troppo ottimisti sulla produzione di massa e forse troppo fiduciosi che ciò che avevamo ordinato sarebbe stato effettivamente consegnato in tempo».

L'elenco delle cose che sono andate storte è lungo, come ha dimostrato da ultimo tutta la vicenda AstraZeneca. Altre ragioni dei ritardi sono elencate in un rapporto tecnico sull'avanzamento delle vaccinazioni pubblicato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. La maggior parte dei Paesi - tra cui l'Italia - ha segnalato problemi legati alle forniture limitate e a frequenti cambiamenti nei tempi di consegna. Molti Paesi hanno avuto problemi di logistica, in particolare per la conservazione, il trasporto e la somministrazione delle dosi, ad esempio su come limitare lo spreco delle fiale aperte. Per diversi la sfida è stata la carenza di personale, altri hanno segnalato le attrezzature insufficienti, in particolare siringhe e aghi. Infine c'è pure chi ha dato la colpa a una disinformazione che avrebbe dissuaso molti dal vaccinarsi.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
5 ore
Italia, il decreto c'è: coprifuoco alle 23 da mercoledì
Ristoranti aperti a pranzo e cena anche all'interno dal 1° giugno. Nessuna data, invece, per le discoteche.
GERMANIA
11 ore
«Ai vaccinati con AstraZeneca siano date più libertà già dopo la prima dose»
A chiederlo sono i medici di famiglia tedeschi. L'obiettivo è che il vaccino non risulti sfavorito rispetto agli altri.
SPAGNA
13 ore
Trapianto di cuore da record su una bimba di 2 mesi
L'organo utilizzato era già in arresto, poi il battito è stato recuperato.
ITALIA
14 ore
Stop al vaccino italiano ReiThera: «Un fulmine a ciel sereno»
Non si può procedere a causa dei finanziamenti bloccati, la delusione dei ricercatori: «Non ce lo meritiamo»
FOTO
ISRAELE
16 ore
Crollo nella sinagoga, «l'evento era vietato»
L'edificio non era agibile, non essendo ancora completato
ITALIA
17 ore
L'Italia si prepara a salutare il coprifuoco
Palestre, ristoranti e centri commerciali: è una settimana vibrante per quanto riguarda le aperture
GINEVRA
18 ore
Lavorare più di 55 ore alla settimana aumenta il rischio di decesso
Incrementa la probabilità di incorrere in malattie cardiache. È quanto sostiene una ricerca dell'OMS pubblicata oggi.
Attualità
20 ore
Bill Gates rimosso da Microsoft perché aveva una relazione all'interno dell'azienda?
Il portavoce del fondatore ha confermato il rapporto, ma non la connessione con le dimissioni
STATI UNITI
22 ore
Ecco cosa vuol dire tornare a vivere senza mascherina
Negli Stati Uniti l'obbligo è sostanzialmente decaduto per i vaccinati: «Avevo dimenticato la sensazione che si prova!».
FRANCIA
1 gior
L'assassino delle Cévennes «è molto collaborativo»
Secondo gli inquirenti Valentin Marcone avrebbe premeditato il duplice delitto
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile