keystone-sda.ch (TOMS KALNINS)
Non è stato rilevato al momento «nessun nesso causale» tra il vaccino AstraZeneca e i casi di trombosi segnalati nelle scorse settimane.
UNIONE EUROPEA
31.03.21 - 21:030
Aggiornamento : 22:59

Un nesso causale tra i casi di trombosi e il vaccino di AstraZeneca «non è dimostrato, ma è possibile»

Il comitato di sicurezza dell'Ema «non ha identificato alcun fattore di rischio specifico come età o sesso»

AMSTERDAM - Il comitato per la sicurezza (Prac) dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha indicato, nel corso della sua riunione odierna, che la revisione del vaccino anti-coronavirus di AstraZeneca (ora ribattezzato Vaxzevria) «non ha identificato alcun fattore di rischio specifico come età, il sesso o una precedente storia medica di disturbi della coagulazione» riguardante i rari casi di trombosi segnalati nelle scorse settimane. 

Il nesso causale

Il Prac conclude, quindi, che «un nesso causale con il vaccino non è dimostrato, ma è possibile e ulteriori analisi sono in corso». Lo scorso lunedì 29 marzo un gruppo di esperti ad hoc è stato convocato dall'Ema con lo scopo di fornire ulteriori contributi alla valutazione in corso. «Il risultato di questa riunione sarà discusso dal Prac e alimenterà la sua valutazione in corso».

La popolazione e gli operatori sanitari possono informarsi tramite il foglietto illustrativo e le comunicazioni dirette dell'Ema. «Le persone vaccinate dovrebbero essere consapevoli della remota possibilità che si verifichino questi tipi molto rari di coaguli di sangue». Se si hanno sintomi indicativi di problemi di coagulazione come descritto nelle informazioni sul prodotto, bisogna rivolgersi immediatamente a un medico e informare gli operatori sanitari della recente vaccinazione.

Sempre più benefici che rischi

L'Ema resta del parere che i benefici del vaccino AstraZeneca nella prevenzione del Covid-19, «con il rischio associato di ospedalizzazione e morte, superino i rischi di effetti collaterali». I casi di trombosi del seno venoso cerebrale rilevati finora, ha spiegato il responsabile della farmacovigilanza dell'Ema Peter Arlett, sono «44 su 9,2 milioni di dosi AstraZeneca somministrate nello spazio economico europeo».

L'Agenzia «continua a collaborare con le autorità nazionali degli Stati membri dell'Ue per garantire che vengano segnalati casi sospetti di coaguli di sangue insoliti», che vengono analizzati nella valutazione in corso del Prac, che dovrebbe emettere una raccomandazione aggiornata durante la sua riunione plenaria, tra il 6 e 9 aprile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LE IMMAGINI
EUROPA
2 ore
Dove non piove, brucia: fiamme in Turchia, Grecia, Italia
L'Europa mediterranea nella stretta dei roghi: le alte temperature non danno tregua ai pompieri.
ITALIA
4 ore
Balzo dei contagi negli uomini under 40: «È l'effetto Europei»
È l'analisi contenuta nell'ultimo rapporto di aggiornamento Epidemia COVID-19 dell'Istituto superiore di sanità
ITALIA
6 ore
Botte a un passante perché pensavano fosse un ladro, denunciati tre svizzeri
Credevano avesse rubato loro uno zainetto, ma in realtà non c'entrava nulla
REGNO UNITO
7 ore
Rischio Delta, gli esperti consigliano il vaccino alle donne in gravidanza
Le future mamme ricoverate hanno maggiori probabilità di contrarre la polmonite
CINA
9 ore
Il virus torna a circolare in Cina
I contagi, dovuti alla variante Delta, si sono già diffusi in cinque province e almeno 13 città
TURCHIA
14 ore
Una famiglia sterminata dai vicini
Sette persone uccise in un attacco legato ai diritti di pascolo. Ma sullo sfondo tensioni razziali
SPAGNA
1 gior
Salva la bimba di 2 anni trovata vicino ai genitori morti
Sono stati gli abitanti della zona a chiamare la polizia, allertati dall'auto in fiamme.
ITALIA
1 gior
La Delta in Lombardia: «Zero decessi tra i vaccinati»
Il coordinatore della campagna vaccinale Bertolaso: «È il punto su cui bisogna insistere. Il vaccino è fondamentale»
GERMANIA
1 gior
Test negativo obbligatorio (da domenica) per entrare in Germania
L'entrata sarà consentita anche a chi può dimostrare di essere vaccinato completamente o di essere guarito dal Covid
MONDO
1 gior
Anche la migliore di sempre può crollare
Invincibile ma fragile. Il caso di Simone Biles ha riportato i riflettori sul problema della salute mentale nello sport
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile