Immobili
Veicoli
Deposit
AUSTRALIA
18.03.21 - 16:020

Capo della polizia propone un'app per il consenso sessuale: «Un'idea ingenua»

Per Mick Fuller, bisogna fare qualcosa. Secondo i detrattori, però, questo strumento potrebbe ritorcersi contro le donne

SYDNEY - Se il suo intento era, come ha successivamente dichiarato, di lanciare un dibattito sul tema del consenso sessuale, ci è sicuramente riuscito. La proposta del capo della polizia del Nuovo Galles del Sud d'introdurre un'app in cui le persone possano registrare il proprio consenso a un incontro intimo sta infatti facendo discutere in Australia.   

«Se due anni fa qualcuno mi avesse detto che ci saremmo registrati con il telefonino ogni volta che ci fossimo seduti al tavolo di un ristorante gli avrei riso in faccia», ha argomentato Mick Fuller sentito da ABC Radio Sydney. Quindi perché non introdurre un'applicazione in cui le persone che prendono parte a un rapporto sessuale possano confermare il loro consenso?

La proposta, ha ammesso Fuller, potrebbe essere «la peggior idea che io abbia avuto quest'anno», ma «la violenza intima, specialmente verso le donne, è un problema criminale per noi al momento e abbiamo bisogno di trovare una soluzione»: «Che l'app venga presa in considerazione o meno penso sia irrilevante», ha sottolineato Fuller. «Penso che la questione sia capire che questo crimine sta aumentando e dobbiamo affrontarlo, che sia attraverso la tecnologia, l'educazione e l'addestramento o altre idee», ha aggiunto.

A confermare che un problema esiste, del resto, sono i numeri. Secondo i dati diffusi dall'ufficio di statistica del Nuovo Galles del Sud, le violenze sessuali denunciate sono aumentate del 10% nel 2020, con 15'000 donne colpite in uno Stato con una popolazione simile, per numero di abitanti, a quella della Svizzera. Solo il 2% dei casi, ricorda ABC News, si è concluso con una sentenza di colpevolezza.

L'app di Fuller, però, non convince i commentatori.

È un'idea «ingenua», mette per esempio in guardia Catharine Lumby, giurista impegnata nella lotta alle molestie sessuali. La «piccolissima minoranza di uomini» che decide di violentare una donna, infatti, non avrebbe difficoltà a manipolare anche la tecnologia.

Per Andrew Dyer, docente di diritto all'Università di Sydney, l'app potrebbe addirittura fare più male che bene. Un consenso dato da un donna prima del rapporto sessuale potrebbe infatti ritorcersi contro di lei in tribunale. Nonostante abbia dato il consenso prima dell'incontro, infatti, la stessa potrebbe aver deciso d'interrompere il rapporto. O potrebbe esserle stato imposto un particolare atto sessuale sul quale non era d'accordo.

«Questa mattina tanta gente ha criticato l'app, ed è una cosa buona, ma nessuno mi ha detto che questo non sia un tema per cui valga la pena lottare», ha commentato più tardi il capo della polizia del Nuovo Galles del Sud. «L'app potrebbe non vedere mai la luce, potremmo non parlarne più, ma io spero che torniamo a parlare di consenso», ha concluso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 10 mesi fa su tio
Spero che quella sappia usare il cellulare altrimenti l'Anselmo va in pausa e chi l'ha visto l'ha visto ;-)))
Gikappa 10 mesi fa su tio
Purché se ne parli... l'App... qualsiasi App interessa, al di là della sua approvazione o meno... Purché se ne parli... no?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA / GERMANIA
1 ora
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
6 ore
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
9 ore
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
12 ore
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
16 ore
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
18 ore
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
GERMANIA
1 gior
Diversi governi hanno sfruttato la pandemia per opprimere i diritti umani
«Molti leader hanno usato la pandemia di Covid-19 come pretesto per ridurre la supervisione e la responsabilità»
ITALIA
1 gior
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
GERMANIA
1 gior
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
LE FOTO
OCEANO PACIFICO
1 gior
Tra gli aiuti diretti a Tonga, un focolaio di Covid
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile