keystone-sda.ch / STF (David Zalubowski)
UNIONE EUROPEA
09.03.21 - 16:530
Aggiornamento : 19:38

Vaccini, un'altra tegola (forse) per l'Unione europea

Ritardi anche per Johnson&Johnson. A rischio la consegna di 55 milioni di dosi nel secondo trimestre

L'autorizzazione dell'Ema per il preparato americano dovrebbe arrivare giovedì prossimo.

BRUXELLES - Non parte con uno sprint il corso europeo del vaccino monodose prodotto da Johnson&Johnson, considerato un "game changer" nella lotta alla pandemia.

L'azienda, secondo quanto riferito da fonti europee all'agenzia Reuters, avrebbe incontrato alcuni problemi di approvvigionamento di alcuni componenti che potrebbero mettere a rischio il piano di fornitura per il Vecchio continente, che prevede 55 milioni di dosi da consegnare nel secondo trimestre del 2021.

«Non è ancora impossibile»
Un obiettivo che al momento appare difficile, «ma non impossibile» stando alle parole di Johnson&Johnson, che - lo ricordiamo - si è impegnata con Bruxelles a fornire 200 milioni di dosi entro la fine dell'anno. Qualche preoccupazione sulla filiera produttiva della multinazionale americana era già stata sollevata nei mesi passati dagli ambienti europei, che produce il proprio vaccino nei Paesi Bassi e poi lo invia negli Stati Uniti per l'imbottigliamento, per poi rispedirlo in Europa.

E proprio su quest'ultima fase Bruxelles avrebbe tentato di trovare una soluzione affinché si potessero confezionare più vaccini direttamente sul suolo europeo, in modo da snellire i tempi e accelerare la distribuzione dei preparati, già tediata da ritardi e tagli temporanei delle forniture - è accaduto con Moderna, con Pfizer e con AstraZeneca - che a turno hanno assestato diverse battute d'arresto all'intera campagna vaccinale nei paesi dell'Unione (e non solo).

Il problema in questo caso non tocca però solo il Vecchio continente. Anche negli Stati Uniti Johnson&Johnson ha dovuto ridimensionare, per il momento, le prime fasi di distribuzione del preparato, dimezzando i propri obiettivi intermedi per il mese di Marzo. L'accordo stipulato con Washington prevede 100 milioni di dosi entro fine maggio. Meno invece si sa, come confermato dallo stesso funzionario a Reuters, sulla tabella di marcia prevista per l'Europa.

L'approvazione dell'Ema in arrivo
Il via libera al preparato da parte dell'Agenzia europea del farmaco (Ema) è ormai imminente. La data dovrebbe infatti essere quella di giovedì 11 marzo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
STATI UNITI
12 min
Esce dal ristorante senza mascherina, è bufera su Joe Biden
Il presidente è stato fotografato a viso scoperto mentre usciva da un ristorante italiano di Washington D.C.
CINA
2 ore
Perché in tantissimi facevano il tifo per un pluriomicida cinese in fuga
Aveva accoltellato un'intera famiglia ma tutti speravano che potesse farla franca, la tragica storia di Ou Jinzhong
STATI UNITI
4 ore
Colin Powell è morto di Covid 19
L'ex Segretario di Stato americano aveva 84 anni lottava da tempo con la malattia
LE IMMAGINI
ITALIA
6 ore
Idranti e lacrimogeni, manifestanti sgomberati con la forza
Le operazioni al porto potranno riprendere senza rallentamenti, ma i lavoratori annunciano che lo scioperò continuerà
Stati Uniti
10 ore
I piloti degli aerei stanno perdendo la mano e fanno fatica a volare
Dopo la pandemia gli errori e il rischio di disastri aerei sono aumentati. Sotto la lente il caso degli Stati Uniti
Spagna
10 ore
«La prostituzione rende schiave le donne del nostro Paese»
Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez ha fatto sapere domenica di voler abolire il sesso a pagamento
NUOVA GUINEA
12 ore
Pirati del mare, criminali armati fino ai denti
Agiscono perché agevolati dalla polizia corrotta e da chi detiene il potere. Ecco dove non andare mai per mare
REGNO UNITO
22 ore
Delta, zero restrizioni... e così i contagi oltremanica volano
Il Regno Unito registra in media 40mila nuovi casi al giorno. La situazione ospedaliera resta però sotto controllo
Cina
1 gior
La Cina vola intorno al mondo, ma nessuno lo sapeva
Il governo Biden teme un dispiegamento delle forze. Diversa la musica da Pechino: «Non stiamo attaccando nessuno»
ITALIA
1 gior
15enne uccisa da un colpo di fucile in casa, a sparare è stato il fratellino
Svolta nelle indagini nella tragica morte avvenuta ieri in un'abitazione del Bresciano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile