keystone-sda.ch / STF (David Zalubowski)
UNIONE EUROPEA
09.03.21 - 16:530
Aggiornamento : 19:38

Vaccini, un'altra tegola (forse) per l'Unione europea

Ritardi anche per Johnson&Johnson. A rischio la consegna di 55 milioni di dosi nel secondo trimestre

L'autorizzazione dell'Ema per il preparato americano dovrebbe arrivare giovedì prossimo.

BRUXELLES - Non parte con uno sprint il corso europeo del vaccino monodose prodotto da Johnson&Johnson, considerato un "game changer" nella lotta alla pandemia.

L'azienda, secondo quanto riferito da fonti europee all'agenzia Reuters, avrebbe incontrato alcuni problemi di approvvigionamento di alcuni componenti che potrebbero mettere a rischio il piano di fornitura per il Vecchio continente, che prevede 55 milioni di dosi da consegnare nel secondo trimestre del 2021.

«Non è ancora impossibile»
Un obiettivo che al momento appare difficile, «ma non impossibile» stando alle parole di Johnson&Johnson, che - lo ricordiamo - si è impegnata con Bruxelles a fornire 200 milioni di dosi entro la fine dell'anno. Qualche preoccupazione sulla filiera produttiva della multinazionale americana era già stata sollevata nei mesi passati dagli ambienti europei, che produce il proprio vaccino nei Paesi Bassi e poi lo invia negli Stati Uniti per l'imbottigliamento, per poi rispedirlo in Europa.

E proprio su quest'ultima fase Bruxelles avrebbe tentato di trovare una soluzione affinché si potessero confezionare più vaccini direttamente sul suolo europeo, in modo da snellire i tempi e accelerare la distribuzione dei preparati, già tediata da ritardi e tagli temporanei delle forniture - è accaduto con Moderna, con Pfizer e con AstraZeneca - che a turno hanno assestato diverse battute d'arresto all'intera campagna vaccinale nei paesi dell'Unione (e non solo).

Il problema in questo caso non tocca però solo il Vecchio continente. Anche negli Stati Uniti Johnson&Johnson ha dovuto ridimensionare, per il momento, le prime fasi di distribuzione del preparato, dimezzando i propri obiettivi intermedi per il mese di Marzo. L'accordo stipulato con Washington prevede 100 milioni di dosi entro fine maggio. Meno invece si sa, come confermato dallo stesso funzionario a Reuters, sulla tabella di marcia prevista per l'Europa.

L'approvazione dell'Ema in arrivo
Il via libera al preparato da parte dell'Agenzia europea del farmaco (Ema) è ormai imminente. La data dovrebbe infatti essere quella di giovedì 11 marzo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
45 min
Sentenza sui vaccini: l'Ue esulta, AstraZeneca pure
Il verdetto è stato accolto «con soddisfazione» sia da Bruxelles che dall'azienda anglo-svedese
GERMANIA
2 ore
La Svizzera non è più «un'area a rischio»
L'Istituto Robert Koch ha deciso: gli svizzeri possono entrare in Germania senza restrizioni
REGNO UNITO
4 ore
La «profonda vergogna» dei ministri per gli stupri che restano impuniti
Un numero altissimo di crimini non viene nemmeno denunciato, la politica fa mea culpa
STATI UNITI
5 ore
Niente accusa di schiavitù infantile per Nestlé Usa e Cargill
Lo ha stabilito la Corte Suprema, ma gli attivisti impegnati nel caso non hanno nascosto il loro disappunto
ITALIA
7 ore
Il Green Pass italiano: a cosa serve e come lo si ottiene
Lanciata nelle scorse ore l'apposita piattaforma governativa: la certificazione consentirà di viaggiare, ma non solo.
STATI UNITI
8 ore
Sale in auto, guida e spara: 90 minuti di follia
In otto sparatorie diverse, una persona ha perso la vita e 12 sono rimaste ferite
EUROPA
9 ore
Viaggi in aereo? «Mascherina sempre addosso»
Sono state aggiornate le linee guida europee per i voli turistici
MONDO
9 ore
La pandemia non ferma la migrazione: nel 2020 oltre 82 milioni di persone in fuga
Anche lo scorso anno il numero di movimenti forzati è aumentato. Nel 42% dei casi si tratta di minori
COREA DEL NORD
9 ore
«Con gli Stati Uniti pronti al dialogo ma anche allo scontro»
Così si è espresso Kim Jong-Un delineando la posizione della Corea del Nord di fronte all'amministrazione di Joe Biden
PIANETA TERRA
11 ore
La Terra si sta surriscaldando in un modo «senza precedenti»
L'allarme arriva dalla NASA: «Surriscaldamento record» negli ultimi 15 anni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile