IMAGO / ZUMA Wire
STATI UNITI
01.03.21 - 06:300

Brooklyn affossato dalla crisi figlia del Covid: «Niente sarà più come prima»

La situazione è drammatica per i commerci locali, racconta Amir, un ristoratore di Park Slope

«Tanti colleghi perso tutto e hanno dovuto chiudere i battenti. È straziante vederli rinunciare ai sacrifici di anni di lavoro»

di Redazione
Manuela Cavalieri e Donatella Mulvoni

NEW YORK - La crisi economica legata alla pandemia morde ferocemente Brooklyn, uno dei cinque borough di New York.

Secondo la camera di commercio locale, un esercizio commerciale su cinque abbassa per sempre le saracinesche. Ma la situazione in alcune aree del quartiere è ancora più drammatica, con un fallimento ogni tre negozi.

Mentre la città si prepara a riaprire, c’è da capire come e se Brooklyn riuscirà a rialzarsi da questo terribile danno economico quanto sociale. A soffrire, i piccoli esercizi commerciali.

Nonostante New York sia casa per il numero più alto di compagnie multi milionarie della nazione, sono le piccole imprese a rappresentare lo zoccolo duro della sua economia.

In molti casi si tratta di negozietti, botteghe, librerie indipendenti, barbieri, caffè o ristoranti appartenenti a immigrati (il 63%). Attività a gestione familiare, spesso.

Ad annaspare sono i quartieri di Brooklyn con la più consistente percentuale di cittadini immigrati come Bay Ridge, Bensonhurst, Sunset Park, Bed-Stuy e Greenpoint. Una situazione di altissima tensione che va avanti da oltre un anno, definita “montagne russe” per l’economia, da Randy Peers, presidente della camera di commercio.

«Brooklyn è Brooklyn», ci dice Amir, un ristoratore del quartiere Park Slope, quando lo sentiamo. È emigrato dal Libano e nel suo locale ha investito le energie e le risorse di una intera vita di sacrifici. «La pandemia è stata la sfida più difficile della mia esistenza. Noi ristoratori stiamo prostrati. Tanti colleghi hanno chiuso i battenti. È straziante vederli rinunciare ai sacrifici di anni di lavoro. Hanno perso tutto».

Una situazione tutt’altro che confortante che purtroppo non si ferma a Brooklyn, ma devasta tutta New York City. Gli aiuti, lamentano i commercianti, sono stati previsti, ma in molti casi arrivano in ritardo o non sono sufficienti. «Certo, ci sono i programmi di sostegno del governo. Sono un contributo fondamentale, ma non bastano». Eppure Amir non perde la speranza. «Nei momenti di maggiore scoraggiamento, mi guardo intorno. Penso a Brooklyn: un posto che accoglie due milioni e mezzo di persone con migliaia di diversi background, provenienti da ogni parte del mondo. E allora mi dico che ce la faremo. New York tutta si rialzerà, ne sono certo. Ma mi porterò nel cuore la tristezza di questo momento. Nulla sarà più lo stesso».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA
8 ore
La Nato alla Russia: «Ritirate le truppe»
Il Cremlino, dal canto suo, ha accusato gli Stati Uniti e la NATO di trasformare l'Ucraina in una «polveriera»
FRANCIA
8 ore
La battaglia (vinta) con Facebook di un paese dal nome “sconcio”
Ovvero la cittadina francese di Bitche che si è vista bannare la sua pagina social per settimane, poi le scuse ufficiali
EGITTO
10 ore
Per la Ever Given, chiesto un risarcimento da un miliardo di dollari
E intanto la nave, che si trova ancora nel canale, è stata sequestrata. Dai proprietari giapponesi per ora è no comment
MONDO
11 ore
Trombosi con J&J: «Sono eventi estremamente rari»
Lo hanno dichiarato gli esperti dell'FDA e dei CDC in una conferenza stampa congiunta
GIAPPONE / CINA
13 ore
Fukushima, una decisione «che non riguarda solo il Giappone»
Le acque di raffreddamento saranno sversate in mare. Pechino non ci sta e auspica un passo indietro
FRANCIA
13 ore
Come procede l'inchiesta sulla sparatoria di Parigi
Continua la caccia alla persona che ha sparato. È sempre più probabile che sia stato un regolamento di conti
STATI UNITI
15 ore
Trombosi: gli USA mettono in pausa il vaccino Johnson & Johnson
La decisione arriva in seguito a sei casi di formazione di «coaguli di sangue», uno dei quali ha portato a un decesso
MONDO
15 ore
OMS: «Stop alla vendita di animali selvatici vivi»
«...Almeno fino a quando non siano regolati degli standard minimi di igiene e sorveglianza»
FOTO
REGNO UNITO
18 ore
La prima sera al pub dopo mesi: «È stato eccitante»
Locali affollati dopo lo stop di quasi 100 giorni a causa delle restrizioni Covid
FOTO
STATI UNITI
20 ore
La poliziotta voleva usare il Taser, ma ha preso la pistola
Le autorità del Minnesota hanno ricostruito la dinamica dell'intervento che è costato la vita a Daunte Wright.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile