Deposit
REGNO UNITO
24.02.21 - 20:300

«Le app di tracciamento aiutano a prevenire i contagi»

Lo sostengono due studi recenti, ma a due condizioni: il sostegno pubblico e l'integrazione nei sistemi sanitari

Dei ricercatori britannici hanno stimato che l'app potrebbe aver evitato più di 224'000 infezioni tra ottobre e dicembre 2020

LONDRA - «Le app di tracciamento contro il coronavirus aiutano davvero a ridurre il numero di infezioni?».

È ormai da diversi mesi che questa domanda è al centro dell'attenzione in diversi paesi in tutto il mondo, che hanno impiegato numerose risorse per sviluppare e distribuire delle applicazioni digitali per i loro cittadini.

Mentre finora è stato difficile ottenere delle prove che le app siano davvero utili, in particolare vista la raccolta limitata di dati e informazioni a causa delle preoccupazioni sulla privacy, alcuni studi riportati sulla rivista Nature hanno infine dimostrato che le applicazioni possono effettivamente aiutare a prevenire le infezioni.

Regno Unito, Canarie - Una valutazione è stata pubblicata a inizio febbraio dal Servizio Sanitario Nazionale britannico (NHS), dove veniva indicato che l'app ha inviato 4,4 notifiche "di esposizione" per ogni utente risultato positivo al Covid: più del doppio degli 1,8 contatti raggiunti in media attraverso la ricerca tradizionale (contact tracing).

Con un modello matematico e un confronto statistico, i ricercatori hanno poi stimato che l'app potrebbe aver contribuito a evitare più di 224'000 infezioni tra ottobre e dicembre 2020.

Uno studio pilota sull'applicazione spagnola, condotto nelle isole Canarie a luglio e pubblicato il mese scorso, ha mostrato risultati simili. "Radar Covid" avrebbe infatti notificato circa il doppio del numero di persone esposte a infezioni, rispetto alla ricerca manuale dei contatti.

Ciononostante, secondo i ricercatori, ci sono delle condizioni che devono essere compiute: un adeguato sostegno generale e un'ottima integrazione nel sistema sanitario pubblico.

Il sostegno pubblico - In primis è importante che la popolazione sia disposta a scaricare l'app e a seguire le indicazioni di quarantena o test.

L'applicazione nel Regno Unito è stata scaricata su più di 21 milioni di persone, con circa 16,5 milioni di utenti regolari, ovvero circa il 28% della popolazione: «I numeri sono buoni, ma ancora non impressionanti», ha commentato Luca Ferretti, dell'Università di Oxford, Regno Unito, che ha lavorato all'analisi. 

Secondo il team ogni 1% di aumento degli utenti dell app - sopra un minimo del 15% - riduce il numero di infezioni dello 0,8-2,3%.

L'integrazione - Della stessa importanza, secondo gli studi, è l'integrazione nel sistema sanitario.

In Svizzera, per esempio, gli utenti dell'app SwissCovid che risultano positivi al test ricevono un codice generato dalla loro autorità sanitaria locale o dal medico, e questo rende il sistema manuale piuttosto che automatico: un procedimento che con un alto numero di contagi rischia di essere sopraffatto.  

Una situazione simile esiste in Spagna, secondo Lucas Lacasa, della Queen Mary University di Londra, a causa delle regole diverse nelle 17 comunità autonome (più nel dettaglio, non tutte promuovono l'app). Una dinamica che ha come conseguenza il fatto che non sempre le notifiche vengano inviate agli utenti.

In conclusione - «Questi dati sono davvero apprezzati, soprattutto quando si tratta di prendere decisioni come "dovremmo adottare l'app o no"?» ha dichiarato a Nature l'epidemiologo Viktor von Wyl dell'Università di Zurigo, che ha valutato l'app svizzera SwissCovid.

Da un lato, von Wyl sostiene che è difficile concludere che le infezioni siano state effettivamente evitate grazie all'app, tuttavia, anche se i numeri sembrano bassi, persino un contributo apparentemente minore è significativo: «Evitare anche solo una trasmissione ora, permette potenzialmente di prevenire tutte quelle che verrebbero generate a catena».

C'è chi ha suggerito che per funzionare meglio l'app debba essere sviluppata maggiormente, ma von Wyl non è convinto di questa soluzione per via del sostegno pubblico, relativo alla privacy: «È un sottile equilibrio tra ottenere più informazioni ed eventualmente perdere più utenti, perché aumentano i timori sulla privacy».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
52 min
Astra Zeneca, altri 9 casi di trombosi
Salgono a 23 le persone che hanno manifestato complicazioni in Francia, otto i decessi
REGNO UNITO
57 min
Quello che c'è da sapere sul funerale di Filippo di oggi pomeriggio
Dove si terrà, cosa succederà, chi ci sarà (tipo Harry e William) e quanto influiranno le norme anti-Covid
STATI UNITI
4 ore
Strage di Indianapolis, il killer ha usato un fucile che gli era stato sequestrato
Il 19enne, noto e con un passato problematico, ha compiuto la mattanza nel suo ex-posto di lavoro
GERMANIA
4 ore
150 euro per l'immunità: il mercato nero dei certificati vaccinali
«Ho richieste da ogni angolo del paese», annuncia in anonimo uno dei venditori
STATI UNITI
14 ore
Accordo raggiunto: 7200 dollari a ogni partecipante del Fyre Festival
La class action dei possessori dei ticket del «peggior festival di tutti i tempi» si chiude con due milioni di dollari
STATI UNITI
15 ore
Strage di Indianapolis: identificato il presunto autore
Secondo quanto riferito dai media americani si tratterebbe di un diciannovenne
UNIONE EUROPEA
16 ore
Merkel: «La terza ondata è molto seria»
In Germania la campagna di vaccinazione procede. E nel frattempo l'Europa potrebbe rinunciare ad AstraZeneca
FRANCIA
16 ore
La piccola Mia «potrebbe essere stata portata all'estero»
Lo ipotizzano gli inquirenti. Fermati quattro uomini, già attenzionati dalla Procura antiterrorismo
FOTO
ITALIA
17 ore
Al via i primi Frecciarossa “Covid free”
Si sale soltanto con la prova di un test negativo. I primi treni sono partiti oggi da Milano e Roma
ITALIA
19 ore
«Un Pass Covid per spostarsi tra Regioni»
Dal 26 aprile tornano le zone gialle: si riaprirà «con prudenza» e all'insegna delle attività all'aperto
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile