keystone
AUSTRALIA
23.02.21 - 07:130

C'è l'accordo, Facebook ripristina le notizie

Raggiunto l'accordo in merito alla legge che vuole costringere a pagare i media per la ripresa delle notizie.

Concordati degli emendamenti he forniranno maggiore chiarezza sulla maniera in cui opererà il codice di condotta.

SYDNEY - Facebook ha annunciato oggi la revoca "nei prossimi giorni" del blocco ai contenuti di attualità in Australia, avendo il Governo di Canberra accettato di modificare la legge volta a costringere i giganti della tecnologia a pagare i media per la ripresa delle loro notizie.

Il ministro delle Finanze australiano Josh Frydenberg e l'amministratore delegato di Facebook Australia, Will Easton, hanno dichiarato di aver trovato un compromesso su uno dei punti chiave di questo testo a cui i giganti statunitensi del settore sono ferocemente contrari.

L'accordo è stato raggiunto dopo che il governo australiano ha concordato emendamenti dell'ultim'ora alle norme. Frydenberg e il collega delle Comunicazioni, Paul Fletcher, hanno confermato oggi le modifiche concordate, aprendo la strada all'approvazione della legge entro la settimana. «Questi emendamenti forniranno maggiore chiarezza sulla maniera in cui opererà il codice di condotta, rafforzando la struttura per assicurare che la produzione di news sia remunerata equamente. Il codice di condotta prevede tuttora trattative tra le piattaforme come Facebook e Google, e le compagnie australiane dei media, per concordare il pagamento stesso», dichiarano in due ministri in un comunicato congiunto.

Il vicepresidente di 'global news partnership' di Facebook, Campbell Brown, ha confermato che la compagnia riprenderà il servizio di news «nei prossimi giorni». «Dopo ulteriori discussioni con il governo australiano, abbiamo concordato una soluzione che ci permetterà di sostenere gli editori che noi scegliamo, inclusi quelli minori e locali», ha detto. «Il governo ha chiarito che noi potremo mantenere la capacità di decidere quali notizie compaiono di Facebook, quindi non saremo automaticamente soggetti a negoziati obbligatori».

Intanto Google ha risolto la sua posizione davanti alle nuove norme con accordi separati, ciascuno per decine di migliaia di dollari l'anno, con i diversi gruppi editoriali operanti in Australia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
3 ore
Il passaporto svizzero rimane tra i migliori
Al primo posto nella classifica dei paesi che possono viaggiare senza visto resta il Giappone.
IRAN
5 ore
In risposta al «terrorismo» di Israele, l'Iran arricchisce l'uranio al 60%
Nel frattempo, i media israeliani denunciano un attacco a una nave commerciale
STATI UNITI
5 ore
Ritiro delle truppe USA in Afghanistan entro l'11 settembre
È quanto annunciato dal presidente Joe Biden
STATI UNITI
7 ore
Morte di Wright, l'agente dovrà rispondere di omicidio colposo di secondo grado
Kim Potter avrebbe scambiato il taser con la pistola, colpendo mortalmente il ragazzo.
STATI UNITI
11 ore
Bernie Madoff è morto
La truffa finanziaria da lui architettata è tra le più grandi di tutti i tempi
SPAGNA / SVIZZERA
11 ore
In vacanza col morto, era deceduto da due settimane
La morte è sopravvenuta durante una notte trascorsa a dormire in auto.
STATI UNITI
11 ore
Processo Floyd: Derek Chauvin testimonierà o no?
La difesa ha iniziato a presentare i suoi argomenti. Ma il grande interrogativo ruota ora attorno all'imputato
SCANDINAVIA
13 ore
L'Ue punta sui vaccini a mRNA, la Danimarca chiude a AstraZeneca
Nel paese nordico, l'uso del vaccino realizzato ad Oxford verrà sospeso definitivamente
ITALIA
15 ore
"Sentire le voci" non è più un argomento tabù
Cristina Contini ha iniziato a udire le voci poco più che 19enne dopo un brutto incidente che l'ha mandata in coma.
STATI UNITI
17 ore
I vaccini a mRNA «proteggono per almeno 9 mesi»
È il parere della FDA, che nel giro di un paio di settimane potrebbe autorizzare Pfizer anche per gli adolescenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile