Immobili
Veicoli
keystone
AUSTRALIA
23.02.21 - 07:130

C'è l'accordo, Facebook ripristina le notizie

Raggiunto l'accordo in merito alla legge che vuole costringere a pagare i media per la ripresa delle notizie.

Concordati degli emendamenti he forniranno maggiore chiarezza sulla maniera in cui opererà il codice di condotta.

SYDNEY - Facebook ha annunciato oggi la revoca "nei prossimi giorni" del blocco ai contenuti di attualità in Australia, avendo il Governo di Canberra accettato di modificare la legge volta a costringere i giganti della tecnologia a pagare i media per la ripresa delle loro notizie.

Il ministro delle Finanze australiano Josh Frydenberg e l'amministratore delegato di Facebook Australia, Will Easton, hanno dichiarato di aver trovato un compromesso su uno dei punti chiave di questo testo a cui i giganti statunitensi del settore sono ferocemente contrari.

L'accordo è stato raggiunto dopo che il governo australiano ha concordato emendamenti dell'ultim'ora alle norme. Frydenberg e il collega delle Comunicazioni, Paul Fletcher, hanno confermato oggi le modifiche concordate, aprendo la strada all'approvazione della legge entro la settimana. «Questi emendamenti forniranno maggiore chiarezza sulla maniera in cui opererà il codice di condotta, rafforzando la struttura per assicurare che la produzione di news sia remunerata equamente. Il codice di condotta prevede tuttora trattative tra le piattaforme come Facebook e Google, e le compagnie australiane dei media, per concordare il pagamento stesso», dichiarano in due ministri in un comunicato congiunto.

Il vicepresidente di 'global news partnership' di Facebook, Campbell Brown, ha confermato che la compagnia riprenderà il servizio di news «nei prossimi giorni». «Dopo ulteriori discussioni con il governo australiano, abbiamo concordato una soluzione che ci permetterà di sostenere gli editori che noi scegliamo, inclusi quelli minori e locali», ha detto. «Il governo ha chiarito che noi potremo mantenere la capacità di decidere quali notizie compaiono di Facebook, quindi non saremo automaticamente soggetti a negoziati obbligatori».

Intanto Google ha risolto la sua posizione davanti alle nuove norme con accordi separati, ciascuno per decine di migliaia di dollari l'anno, con i diversi gruppi editoriali operanti in Australia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Berlusconi e il Quirinale: «Per me questo è il senso di una vita»
Si trattava del coronamento di un sogno di bambino, avrebbe confessato lui stesso
ITALIA
2 ore
Scontro tra auto e bus, morti cinque giovani
Tremendo impatto frontale, sono tutti deceduti sul colpo
GERMANIA
2 ore
«Omicron e Delta potrebbero combinarsi»
Secondo il virologo Christian Drosten da Omicron e Delta potrebbe nascere una nuova, più pericolosa, variante.
STATI UNITI
13 ore
Un enorme rogo minaccia l'iconica Highway 1
L'incendio ha già mandato in fumo 600 ettari di vegetazione e costretto le autorità a evacuare una vasta area.
ITALIA
15 ore
Berlusconi fa un passo indietro e rinuncia alla candidatura
Il leader di Forza Italia non sarà il nuovo presidente della Repubblica.
TONGA
15 ore
La priorità immediata a Tonga? L'acqua potabile
Ripristinato oggi, anche se in modo limitato, l'accesso al contante per acquistare i generi di prima necessità
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Jacinda Ardern ha rimandato il matrimonio a causa di Omicron
Il personale sanitario ha il dovere di proteggersi, secondo il vice capo del programma di vaccinazione britannico.
STATI UNITI
1 gior
Brian Laundrie ha ammesso di aver ucciso Gabby Petito
È scritto nell'agedina trovata nei pressi del cadavere del giovane
UNIONE EUROPEA
1 gior
Omicron si è presa l'Europa
La variante, secondo l'ultimo rapporto dell'Ecdc, ha una prevalenza aggregata del 78% nel continente.
ITALIA
1 gior
In Italia sospesi quasi 2'000 medici non vaccinati
Gli inadempienti sono in totale oltre 33mila. In questa cifra sono però inclusi anche quelli che non possono vaccinarsi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile