Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (Bilal Hussein)
+12
LIBANO
19.02.21 - 18:590

I famigliari delle vittime dell'esplosione al porto scendono in piazza

La protesta è stata innescata dall'interruzione delle indagini per individuare i responsabili del disastro.

BEIRUT - Decine di familiari delle vittime della duplice esplosione del porto di Beirut il 4 agosto scorso, nel quale sono morte oltre 200 persone e ne sono state ferite altre 6mila, sono scese in strada oggi di fronte al palazzo di giustizia di Beirut, bloccando la circolazione stradale con pneumatici e cassonetti dell'immondizia dati alle fiamme.

La protesta popolare è stata innescata dall'interruzione di fatto da oltre un mese delle indagini della magistratura libanese per individuare i responsabili del disastro causato dall'esplosione, definita «accidentale», di 2'750 tonnellate di nitrato di ammonio da anni stoccate nel porto di Beirut.

La deflagrazione del 4 agosto, una delle 10 più potenti esplosioni non nucleari della storia, aveva profondamente danneggiato un terzo della città, costringendo 300 mila persone ad abbandonare le proprie case. Moltissimi feriti sono rimasti menomati o sfigurati a vita. Proprio ieri si era diffusa la notizia della decisione della giustizia libanese di rimuovere dall'incarico il giudice Fadi Sawan, magistrato a capo dell'inchiesta sull'esplosione del porto.

La sua rimozione è stata decisa dopo che due ex ministri, formalmente indicati tra i presunti responsabili del disastro assieme al premier dimissionario Hassan Diab, avevano a dicembre presentato ricorso in cassazione per la presunta mancanza d'imparzialità del giudice Sawan.

Da oggi il Consiglio superiore della magistratura libanese è riunito per approvare o respingere le nomine proposte dal ministero della giustizia. Finora il Csm libanese ha respinto la prima nomina avanzata dal ministero.

keystone-sda.ch / STF (WAEL HAMZEH)
Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
5 min
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
ITALIA
2 ore
Quirinale, i "bookmaker" oggi dicono Casini
L'ex presidente della Camera parte in pole. Il centrodestra compatto su Sabino Cassese? Alle 11 via al quarto scrutinio
TAGIKISTAN
5 ore
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
12 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
17 ore
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
19 ore
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
23 ore
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
1 gior
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
1 gior
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
GERMANIA
1 gior
Diversi governi hanno sfruttato la pandemia per opprimere i diritti umani
«Molti leader hanno usato la pandemia di Covid-19 come pretesto per ridurre la supervisione e la responsabilità»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile