Keystone (foto d'archivio)
REGNO UNITO
19.02.21 - 20:000

«Potrei ammalarmi gravemente, ma ne sarà valsa la pena»

La testimonianza di un 18enne che parteciperà agli "human challenge trials" contro il Covid nel Regno Unito

Lo studio è stato autorizzato questa settimana dalle autorità britanniche.

STOKE-ON-TRENT - Il Regno Unito ha annunciato mercoledì l'intenzione di avviare, nel giro di qualche settimana, il primo studio al mondo sul Covid-19 a cui prenderanno parte giovani volontari disposti a farsi infettare con il SARS-CoV-2. Tra questi c'è Alastair Fraser-Urquhart, un 18enne di Stoke-on-Trent, tra i primi ad iscriversi.

«Ho accettato i rischi», ha raccontato al Guardian il ragazzo, che prossimamente riceverà la sua "dose" di coronavirus all'ospedale Royal Free di Londra, dove poi resterà in isolamento - e sotto costante controllo medico - per un periodo di 17 giorni. Per il suo impegno riceverà un rimborso di circa 4'500 sterline (circa 5'600 franchi), che intende però donare alla People’s Vaccine Alliance. 

Ma sarà preoccupato per quanto lo attende ore? «Certo che sono preoccupato, chiunque dovrebbe esserlo prima di partecipare» a uno studio di questo genere. «Ci sono rischi che non conosciamo. Aver contratto il coronavirus mi farà arrivare forse a 50 anni con un maggiore rischio di tumore ai polmoni? Però fa parte del gioco», ha raccontato il 18enne, che può contare sul sostegno della sua famiglia. «Hanno compreso cosa farò e perché intendo farlo».

Oltre agli obiettivi immediati dello studio, le speranze del giovane Alastair sono rivolte anche alla possibile "eredità" futura di questi test, che «diventando una norma» potrebbero dare un ulteriore slancio allo sviluppo dei vaccini in caso di future pandemie. «Potrei ammalarmi in modo grave - ha detto a The Sentinel - ma questo per me sarebbe nettamente compensato dagli aspetti positivi», che potrebbero «essere molto grandi».

Il primo studio "human challenge"
Lo studio britannico ha ricevuto questa settimana il via libera dalla Commissione etica. Alla sperimentazione, che inizierà entro un mese, prenderanno parte fino a 90 giovani, di età compresa tra i 18 e i 30 anni. L'obiettivo principale dello studio è stabilire quale sia la quantità minima di virus necessaria a innescare l'infezione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
BRASILE
1 ora
«Cinquecentomila morti. Ed è colpa sua»
Il presidente Bolsonaro nel mirino delle proteste per aver banalizzato la pandemia di Covid-19.
FOTO
GIAPPONE
3 ore
Il primo Covid positivo alle Olimpiadi di Tokyo
Si tratta di un coach della delegazione dell'Uganda che è stato messo in isolamento con 8 atleti
ITALIA
5 ore
Una corsa contro il tempo per salvare la memoria del ghiaccio
Ice Memory si ripropone di conservare in Antartide preziose "carote patrimonio", un "libro" sulla storia del clima.
ITALIA
22 ore
Perché l'Italia riapre alla doppia dose di AstraZeneca per gli under 60
Il cambio di rotta di ieri del Comitato tecnico scientifico si può spiegare con (almeno) tre motivazioni
IRAN
1 gior
Chi è il nuovo presidente, che sposta l'Iran ancora più a destra
Ex-ministro della Giustizia dal pugno di ferro e conservatore Ebrahim Raisi è stato "scelto" direttamente da Khamenei
RUSSIA
1 gior
Quasi 18mila contagi: il numero più alto dal 31 gennaio
Anche il dato giornaliero dei decessi è il più elevato da oltre tre mesi
FRANCIA
1 gior
Polizia disperde un rave party illegale, scontri «molto violenti»
Feriti almeno cinque gendarmi, un 22enne perderà l'uso di una mano
STATI UNITI
1 gior
«Il razzismo è una crisi di salute pubblica»
Lo ha dichiarato giovedì la sindaca di Chicago, Lori Lightfoot. Per contrastarlo verranno usati quasi 10 milioni.
UNIONE EUROPEA
1 gior
Sentenza sui vaccini: l'Ue esulta, AstraZeneca pure
Il verdetto è stato accolto «con soddisfazione» sia da Bruxelles che dall'azienda anglo-svedese
GERMANIA
1 gior
La Svizzera non è più «un'area a rischio»
L'Istituto Robert Koch ha deciso: gli svizzeri possono entrare in Germania senza restrizioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile