Immobili
Veicoli
Keystone (foto d'archivio)
REGNO UNITO
19.02.21 - 20:000

«Potrei ammalarmi gravemente, ma ne sarà valsa la pena»

La testimonianza di un 18enne che parteciperà agli "human challenge trials" contro il Covid nel Regno Unito

Lo studio è stato autorizzato questa settimana dalle autorità britanniche.

STOKE-ON-TRENT - Il Regno Unito ha annunciato mercoledì l'intenzione di avviare, nel giro di qualche settimana, il primo studio al mondo sul Covid-19 a cui prenderanno parte giovani volontari disposti a farsi infettare con il SARS-CoV-2. Tra questi c'è Alastair Fraser-Urquhart, un 18enne di Stoke-on-Trent, tra i primi ad iscriversi.

«Ho accettato i rischi», ha raccontato al Guardian il ragazzo, che prossimamente riceverà la sua "dose" di coronavirus all'ospedale Royal Free di Londra, dove poi resterà in isolamento - e sotto costante controllo medico - per un periodo di 17 giorni. Per il suo impegno riceverà un rimborso di circa 4'500 sterline (circa 5'600 franchi), che intende però donare alla People’s Vaccine Alliance. 

Ma sarà preoccupato per quanto lo attende ore? «Certo che sono preoccupato, chiunque dovrebbe esserlo prima di partecipare» a uno studio di questo genere. «Ci sono rischi che non conosciamo. Aver contratto il coronavirus mi farà arrivare forse a 50 anni con un maggiore rischio di tumore ai polmoni? Però fa parte del gioco», ha raccontato il 18enne, che può contare sul sostegno della sua famiglia. «Hanno compreso cosa farò e perché intendo farlo».

Oltre agli obiettivi immediati dello studio, le speranze del giovane Alastair sono rivolte anche alla possibile "eredità" futura di questi test, che «diventando una norma» potrebbero dare un ulteriore slancio allo sviluppo dei vaccini in caso di future pandemie. «Potrei ammalarmi in modo grave - ha detto a The Sentinel - ma questo per me sarebbe nettamente compensato dagli aspetti positivi», che potrebbero «essere molto grandi».

Il primo studio "human challenge"
Lo studio britannico ha ricevuto questa settimana il via libera dalla Commissione etica. Alla sperimentazione, che inizierà entro un mese, prenderanno parte fino a 90 giovani, di età compresa tra i 18 e i 30 anni. L'obiettivo principale dello studio è stabilire quale sia la quantità minima di virus necessaria a innescare l'infezione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SLOVACCHIA
38 min
Il fiume s'è fatto arancione: «I pesci stanno morendo»
Il chirurgo locale Tibor Varga: «Ho assistito alla lenta morte della fauna selvatica» a causa di ferro e zinco
MONDO
3 ore
Turkmenistan, l'ultimo "zero" della pandemia
Incredibile ma soprattutto improbabile. Il Paese asiatico è l'unico a non aver mai confermato un solo caso di Covid-19
ITALIA
5 ore
Tragedia del Mottarone, «ci hanno abbandonati»
A un anno dallo schianto di una cabina della funivia con 15 persone a bordo, la commemorazione e la prima udienza
TAIWAN
8 ore
«Difenderemo Taiwan, in caso di invasione cinese»
Lo ha dichiarato il Presidente statunitense Joe Biden durante la sua visita in Giappone
MONDO
12 ore
Siamo «a un singolo incidente dalla apocalisse»
L'Ucraina è il terreno sul quale si sta consumando la «sfida finale» tra Mosca e Washington
ITALIA
12 ore
La strage di Capaci, trent'anni di buchi neri
Il 23 maggio 1992 moriva Giovanni Falcone, ucciso con la moglie e gli agenti della scorta in un attentato da Cosa nostra
CINA
22 ore
Ripartono i trasporti pubblici a Shanghai
Molti viaggiatori si sono equipaggiati con mascherine, camici e guanti
FOTO E VIDEO
BANGLADESH
1 gior
Le alluvioni devastano il Bangladesh
Almeno una sessantina le vittime. Danneggiati anche i campi destinati all'agricoltura
MONDO
1 gior
Vaiolo delle scimmie: i casi sono una novantina in 14 nazioni
L'insolita diffusione del virus, noto da tempo, ha allertato le autorità e l'Oms che monitora la situazione
BELGIO / SPAGNA
1 gior
Il festival fetish, la sauna e il Pride: alla ricerca delle origini del vaiolo delle scimmie
Autorità sanitarie al lavoro per ricostruire la catena dei contagi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile