keystone-sda.ch (Yohei Nishimura)
+6
GIAPPONE
14.02.21 - 10:050

Torna l'incubo del sisma, oltre 100 feriti

Il 2011 è tornato prepotente nella mente di molti giapponesi, quando la terra ha tremato ieri sera

Fortunatamente non si sono registrati decessi, e non è stata diramata alcuna allerta tsunami

TOKYO - È infine salito ad almeno 102 feriti il bilancio del forte terremoto, di magnitudo 7,3, che ha colpito ieri il Giappone.

Dal momento che la terra ha iniziato a tremare, nella mente di molti è apparsa immediatamente l'immagine del grande terremoto che ha colpito la parte orientale del Paese circa 10 anni fa: era l'11 marzo 2011 quando un terremoto di magnitudo 9, seguito da uno tsunami e dal disastro nucleare, causò devastazione e portò a circa 15mila decessi.

Fortunatamente, in questo caso non sono stati segnalati morti, e non è stato emesso nessun allarme tsunami. I danni materiali ci sono comunque stati, in almeno sette prefetture, e la scossa ha causato anche diverse frane e scoscendimenti. 

L'agenzia meteorologica giapponese ha oggi spiegato che il terremoto di ieri sera potrebbe ancora rappresentare una delle tante scosse di assestamento causate dal grande sisma del 2011. «Poiché (il terremoto del 2011) è stato così potente, con una magnitudo di 9.0, non è sorprendente avere una scossa di assestamento di questa portata anche 10 anni dopo», ha ribadito Kenji Satake, professore dell'Istituto di ricerca sui terremoti dell'Università di Tokyo, al Japan Times.

Per il momento, i cittadini sono invitati a rimanere in allerta per qualche giorno, in quanto è probabile che altri terremoti di scala simile colpiscano l'area.

keystone-sda.ch (Hironori Asakawa)
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
11 ore
Era compito di una ventenne al primo incarico controllare le armi sul set
La ragazza è la figlia del celebre armaiolo Thell Reed, famoso ad Hollywood.
MADAGASCAR
11 ore
Dai cambiamenti climatici alla carestia
Il sud del Madagascar è interessato da anni dalla siccità, che costringe gli abitanti a nutrirsi di cactus e cavallette.
AUSTRIA
16 ore
Lockdown all'austriaca, per i non vaccinati
Il governo di Vienna valuta future restrizioni. Ma non per tutti i cittadini
MONDO
17 ore
«Questo messaggio ti infastidisce?»
Tinder introduce due nuovi filtri. E le segnalazioni di molestie aumentano del 46 per cento
STATI UNITI
19 ore
Alec Baldwin è «scioccato» dalla tragedia sul set
Nuovi particolari sull'incidente in cui ha perso la vita la direttrice della fotografia Halyna Hutchins
SUD AFRICA
1 gior
Poliziotta fa strage di parenti per intascare i soldi dell'assicurazione
A processo l'agente che tra il 2012 e il 2017 ha ingaggiato dei sicari per uccidere sei suoi parenti.
STATI UNITI
1 gior
Quanti drammi sui set di Hollywood
La morte di Halyna Hutchins è solo l'ultima tragedia consumatasi durante le riprese di un film a stelle e strisce.
POLONIA
1 gior
Alla ricerca dell'aborto illegale o all'estero
Le associazioni hanno segnalato che in Polonia da gennaio più di 30'000 donne hanno chiesto aiuto
STATI UNITI
1 gior
Baldwin interrogato, il regista «era in condizioni critiche»
L'attore si è presentato alle autorità per rispondere agli inquirenti. Nell'incidente sul set è morta una persona
AUSTRALIA
1 gior
È finito il lockdown più lungo del mondo
Gli abitanti dello Stato di Victoria da oggi possono lasciare la propria abitazione. Levato anche il coprifuoco
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile