Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
MONDO
05.02.21 - 06:300

Covid? La quotidianità dei tedeschi non è cambiata di molto

La maggior parte dei tedeschi ritiene che la pandemia non abbia cambiato drasticamente la loro vita quotidiana

I cittadini di Regno Unito, Stati Uniti e Francia, invece, sostengono il contrario

WASHINGTON - Mentre le persone negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Francia ritengono che la pandemia abbia avuto un forte impatto sulla loro vita quotidiana, il 52% dei tedeschi ha detto che per loro, invece, non è cambiato molto.

Lo indica un sondaggio condotto dal Pew Research Center, un centro di ricerca indipendente che si occupa di temi, tendenze e argomenti che caratterizzano il mondo al momento. 

Negli Stati Uniti, il 74% delle persone intervistate ha detto che la pandemia ha cambiato «molto o abbastanza» la loro vita quotidiana, una cifra che si attesta al il 70% nel Regno Unito e al 67% in Francia, mentre in Germania, nonostante il lockdown e le restrizioni, si ferma al 47%.

Le donne più colpite - L'indagine conferma inoltre che le donne hanno sentito maggiormente il peso della pandemia rispetto agli uomini.

Il maggior divario è stato registrato negli Stati Uniti, dove il 79% delle donne ha detto che la loro vita è stata colpita dai cambiamenti dovuti al coronavirus, rispetto al 68% degli uomini.

Anche negli altri tre paesi, sebbene in misura leggermente minore, sono le donne ad essere state maggiormente colpite dagli effetti della pandemia

La gestione del Governo - Nel complesso, la stragrande maggioranza delle persone intervistate in Germania ritiene che il governo della Cancelliera Angela Merkel abbia gestito bene la crisi (77%).

Invece, negli Stati Uniti la gestione dell'ex Presidente Donald Trump è stata percepita come positiva solo dal 41% degli interpellati. Francia e Regno Unito si situano invece in una situazione intermedia, rispettivamente con il 54% e il 48% di intervistati soddisfatti.

Per quanto concerne l'appartenenza politica, sono stati principalmente coloro che si definiscono "di destra" a trovarsi maggiormente d'accordo con i rispettivi Governi, mentre "la sinistra" ha condiviso molto meno le decisioni atte ad arginare la diffusione del Covid-19. È di nuovo la Germania l'eccezione, dove è invece la sinistra ad aver approvato maggiormente le restrizioni.

Vaccino obbligatorio? - La questione cambia leggermente quando si tratta il tema dell'obbligo di vaccinazione.

La maggior parte dei francesi si oppone fortemente all'idea, ritenendola «inaccettabile» (75%) e le maggioranze negli Stati Uniti (57%) e in Germania (62%) condividono questo sentimento.

I britannici, d'altra parte, sono questa volta l'eccezione, con il 62% degli intervistati che ha dichiarato che un programma governativo di vaccinazioni obbligatorie è un'opzione «accettabile».

I ricercatori del Pew hanno intervistato 4'069 adulti negli Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Germania alla fine dello scorso anno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
12 min
Sopravvissuta al killer, a 11 anni: «Ho finto di essere morta»
«È stato terrificante», racconta il piccolo Jayden. «Qualcuno ha acceso della musica triste», ricorda Miah
FOTO
UCRAINA
1 ora
Ricostruire l'aereo più grande del mondo per «onorare la memoria degli eroi»
Per il presidente Zelensky è «una questione di ambizione», ma l'investimento economico sarà ingente
UCRAINA:SEGUI IL LIVE
LIVE
«L'Occidente ha dichiarato una guerra totale al mondo russo»
Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov: «Cancellazione della cultura russa? Abbiamo raggiunto l'assurdità»
FRANCIA
4 ore
Eliminate più di 3'000 tonnellate di prodotti Kinder
Il Direttore di Ferrero Francia: «È una crisi straziante»
CANADA
7 ore
Si aggira con un fucile vicino a una scuola, ucciso dagli agenti
Ampio dispiegamento di polizia quest'oggi a Toronto: un uomo armato ha creato il panico
STATI UNITI
7 ore
Il marito dell'insegnante eroica è morto «dal troppo dolore»
Un attacco cardiaco ha stroncato il marito di Irma García, a soli due giorni dalla sparatoria
MONDO
8 ore
Se il riscaldamento globale ti raggela la camera da letto
L'aumento delle temperature potrebbe avere un'influenza sulla riproduzione della specie umana. L'allarme degli esperti
ITALIA
17 ore
Errori umani e una fune vecchia
L'inchiesta tecnica sulla tragedia del Mottarone ha portato i primi risultati, a un anno dall'evento
UCRAINA
18 ore
A Mariupol i bambini vengono "de-ucrainizzati"
La denuncia di Kiev: nella città conquistata dai russi è partita la propaganda di massa, anche nelle scuole
UCRAINA
20 ore
I destini paralleli delle fabbriche-bunker in Ucraina
Prima la Azovstal a Mariupol, ora la Azot di Severodonetsk
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile