Deposit
REGNO UNITO
02.02.21 - 06:000

Palestra aperta nonostante 11 visite della polizia: «Andremo avanti così»

Il gestore: «Alcuni dei miei clienti hanno un disperato bisogno di allenarsi. Per la loro salute psichica».

PRESTON - Non ha intenzione di cedere il gestore di una palestra di Preston, in Inghilterra, che nonostante le numerose visite della polizia e le multe collezionate continua imperterrito a tenere aperta la propria attività, che dovrebbe invece rimanere chiusa in virtù delle norme anti Covid-19. Alcuni suoi clienti, spiega, «hanno disperatamente bisogno di allenarsi per la loro salute mentale».

«La gente sta davvero avendo difficoltà con la propria salute psichica e la palestra aiuta enormemente», assicura alla BBC Steve Todd, gestore della Reps Gym che dall'entrata in vigore dell'ultima serrata imposta dalle autorità in gennaio ha collezionato 11 visite della polizia e 3'000 sterline di multe. L'ultima venerdì, per il valore di 1'000 sterline (ca. 1'226 franchi). La polizia del Lancashire fa sapere del resto che anche i suoi clienti sono stati sanzionati, per un totale di 24 contravvenzioni.

«Potrei chiudere e richiedere un aiuto dal governo, ma nella vita c'è altro oltre ai soldi - afferma il 55enne, che da più di 30 anni gestisce la struttura di Preston -. Le vite sono più importanti del denaro». Per l'utilizzo della palestra, Todd non chiede del resto nulla ai clienti: «Non è una questione di soldi», fa notare.

Le autorità locali sono consapevoli di «un piccolo numero di attività che continuano a violare le restrizioni e a mettere a rischio la salute e la sicurezza del personale e dei clienti tenendo aperto», dichiara il vice presidente del Consiglio comunale di Preston, Peter Moss. «Gli esercizi che continueranno a non osservare le disposizioni e a mettere a rischio la sicurezza degli altri subiranno procedimenti amministrativi formali che in casi più gravi porteranno ad azioni penali», aggiunge.

Durante la prima serrata nella primavera del 2020, Steve Todd aveva diligentemente chiuso la propria palestra. Questa volta, però, dice di non essersela proprio sentita.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Italia
1 ora
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
4 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
6 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
8 ore
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
11 ore
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
13 ore
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
14 ore
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
16 ore
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
16 ore
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
AUSTRIA
1 gior
Il cancelliere austriaco vuole già dimettersi
Alexander Schallenberg si è detto pronto a lasciare l'incarico, appena due mesi dopo il predecessore Kurz
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile