Immobili
Veicoli
Keystone
AFGHANISTAN
01.02.21 - 12:190
Aggiornamento : 13:46

Dal sogno d'incontrare Messi all'incubo della guerra, tra solitudine e minacce

La triste storia di Murtaza Ahmadi, il "piccolo Messi", ha fatto il giro del mondo

KABUL - A volte i sogni si trasformano in realtà, ma questa realtà può essere beffarda, e trasformarsi a sua volta in un incubo.

È quanto è successo a Murtaza Ahmadi, soprannominato il "Piccolo Messi", che nel 2016 è diventato noto sul web quando una sua foto con un sacchetto di plastica azzurro con scritto "Messi", indossato a mo' di maglietta, è diventata virale. Una storia di povertà e di tristezza che ha raggiunto anche la star del calcio mondiale Lionel Messi, che ha donato al giovane una maglia firmata e un pallone, e ha persino incontrato Murtaza qualche mese a dopo, a Doha.

Due doni che hanno riempito di gioia un bambino, facendogli realizzare un sogno, ma che hanno ben presto scosso la vita di Murtaza, cambiando il corso della storia per la famiglia Ahmadi. Un destino beffardo, raccontato dal portale statunitense sportivo B/R Football, che è andato a trovare il giovane.

Un sogno diventato incubo - I doni arrivati alla famiglia Ahmadi nel distretto di Jaghori, in Afghanistan, non sono infatti passati inosservati. L'idea che Messi abbia inviato dei soldi ai genitori di Murtaza ha iniziato a girare, e con questa sono arrivate le minacce.

«Abbiamo ricevuto lettere e chiamate da alcuni ragazzi del posto che ci hanno minacciato: ora siete ricchi, dateci i soldi che vi ha dato Messi o rapiamo vostro figlio» ha raccontato la madre. «Sentivamo dei passi vicino casa anche la notte, eravamo molto preoccupati» ha confermato il padre.

La preoccupazione per la situazione d'alta tensione porta i genitori di Murtaza a decidere di cercare asilo in Pakistan, ma la richiesta non va a buon fine.

L'incontro a Doha - L'incontro con Messi avviene in Qatar - su invito degli ufficiali della FIFA - nel dicembre del 2016. 

Tra gioia e ricordi indelebili, il padre di Murtaza aveva però sperato che Messi potesse aiutare lui e la sua famiglia a ottenere asilo in un altro paese. Un caso simile era successo ad un ragazzo siriano che ha incontrato un altra star del calcio: Cristiano Ronaldo.

Non è stato così, ma molti abitanti della provincia di Jaghori non ci credono, e le minacce si fanno ancora più insistenti. Tanto da spingere i genitori a mandare Murtaza a Kabul, dallo zio.

La guerra a Kabul - L'esperienza a Kabul è difficile, e ben presto gli attacchi talebani si fanno sempre più decisi e più pericolosi. Ma i genitori non se la sentono di riportare il figlio a Jaghori, e proseguono i loro tentativi di trovare asilo altrove.

In tutto questo, Murtaza si ritrova a Kabul solo e spaventato: «Non ho un posto dove giocare a calcio. Non ho amici» ha raccontato ai giornalisti di B/R. «Prima di andare in Qatar, era un ragazzo così felice, estroverso, parlava con tutti. Oggi è più chiuso in sé stesso, non parla molto» ha spiegato lo zio, che lo ha accolto a Kabul.

Alla fine - per il momento - il bambino di 9 anni è tornato a casa, e nonostante tutto, la passione per il calcio e per Messi è più viva che mai. Alla domanda se si pente di aver pubblicato la foto con il sacchetto azzurro, Murtaza è convinto: «Lo rifarei, amo Messi».

Keystone
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA/RUSSIA
6 ore
Dalla «minaccia russa» all'«isteria europea», il confine è sempre più rovente
Stati Uniti e Regno Unito richiamano a casa i dipendenti delle ambasciate e la Nato manda rinforzi armati all'Ucraina
ITALIA
8 ore
Presidente della Repubblica italiana: nulla di fatto nella prima giornata di votazione
Le schede bianche sono state 672. Domani si ricomincia
MEDIO ORIENTE
11 ore
Missili verso Abu Dhabi, si infiamma lo scontro con gli Huthi
I ribelli dicono di aver colpito anche la zona di Dubai, dagli Emirati non giunge però nessuna conferma
RUSSIA
14 ore
Omicron è in Russia, dove metà della popolazione non è vaccinata
La variante è correlata a un tasso minore di ricoveri. Sarà però così anche dove gli immunizzati sono la minoranza?
FOTO
GERMANIA
15 ore
Heidelberg, spari nel campus: uno dei feriti è morto. «È stato uno studente»
La polizia, accorsa con un ampio contingente, ha comunicato che l'aggressore si è tolto la vita.
ITALIA
16 ore
Via la scadenza di sei mesi dal Green Pass dei vaccinati?
Il governo dovrebbe procedere in tal senso, in attesa di una decisione sull'eventuale quarta dose
ITALIA
20 ore
Schede bianche sotto il Colle?
Alle 15 si apre l'elezione del presidente della Repubblica. L'intesa tra le forze politiche appare però distante.
FRANCIA
1 gior
Chirurgo mette all'asta la radiografia di una vittima del Bataclan
La lastra è ancora disponibile su OpenSea, ma il prezzo, dopo che il medico è stato denunciato dai media, è stato tolto
GERMANIA
1 gior
Vaccino obbligatorio, il progetto è pronto a scaldare gli animi
Mercoledì inizieranno i dibattiti su una proposta interpartitica: un obbligo vaccinale per tutti gli over 18
DANIMARCA
1 gior
Quella di Omicron potrebbe essere l'ultima ondata
Lo ha dichiarato Hans Kluge, direttore per l'Europa dell'Oms
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile