Immobili
Veicoli
AFP
STATI UNITI
25.01.21 - 21:160

«Evitiamo un mondo diviso tra USA e Cina»

È intervenuto alla Davos Agenda il Segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres

NEW YORK - «Se c'è una parola che caratterizza il mondo di oggi è fragilità. Lo vediamo nell'impatto del coronavirus, nelle crisi climatiche, nelle divisioni geopolitiche globali, nel cyberspazio, nel regime del disarmo». Lo ha detto il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, alla Davos Agenda 2021, organizzata dal Forum economico mondiale (WEF).

«Continuiamo a temere la possibilità di una grande frattura e di un mondo diviso in due, con le due maggiori economie della terra che guidano due aree con valute dominanti, regole commerciali e finanziarie diverse, ciascuna con il proprio internet, la propria geopolitica e strategie militari a somma zero. Dobbiamo fare di tutto per evitare tale divisione», ha proseguito facendo riferimento senza nominarle a Usa e Cina.

Guterres ha poi ribadito che «nel 2021 dobbiamo affrontare queste fragilità e rimettere il mondo in carreggiata, è tempo di cambiare rotta e quest'anno abbiamo un'opportunità unica per farlo».

«Possiamo usare il recupero dalla pandemia per passare dalle fragilità alla solidità, ma tutte queste minacce, questi ostacoli al progresso, richiedono dialogo e collaborazione - ha continuato - Questo è il motivo per cui ho ripetutamente chiesto un multilateralismo rafforzato e inclusivo. Un New Global Deal, un nuovo modello di governance globale, dovrebbe garantire che il potere, la ricchezza e le opportunità siano condivise in modo più ampio ed equo a livello internazionale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA/RUSSIA
16 min
Dalla «minaccia russa» all'«isteria europea», il confine è sempre più rovente
Stati Uniti e Regno Unito richiamano a casa i dipendenti delle ambasciate e la Nato manda rinforzi armati all'Ucraina
ITALIA
2 ore
Presidente della Repubblica italiana: nulla di fatto nella prima giornata di votazione
Le schede bianche sono state 672. Domani si ricomincia
MEDIO ORIENTE
5 ore
Missili verso Abu Dhabi, si infiamma lo scontro con gli Huthi
I ribelli dicono di aver colpito anche la zona di Dubai, dagli Emirati non giunge però nessuna conferma
RUSSIA
7 ore
Omicron è in Russia, dove metà della popolazione non è vaccinata
La variante è correlata a un tasso minore di ricoveri. Sarà però così anche dove gli immunizzati sono la minoranza?
FOTO
GERMANIA
9 ore
Heidelberg, spari nel campus: uno dei feriti è morto. «È stato uno studente»
La polizia, accorsa con un ampio contingente, ha comunicato che l'aggressore si è tolto la vita.
ITALIA
10 ore
Via la scadenza di sei mesi dal Green Pass dei vaccinati?
Il governo dovrebbe procedere in tal senso, in attesa di una decisione sull'eventuale quarta dose
ITALIA
14 ore
Schede bianche sotto il Colle?
Alle 15 si apre l'elezione del presidente della Repubblica. L'intesa tra le forze politiche appare però distante.
FRANCIA
1 gior
Chirurgo mette all'asta la radiografia di una vittima del Bataclan
La lastra è ancora disponibile su OpenSea, ma il prezzo, dopo che il medico è stato denunciato dai media, è stato tolto
GERMANIA
1 gior
Vaccino obbligatorio, il progetto è pronto a scaldare gli animi
Mercoledì inizieranno i dibattiti su una proposta interpartitica: un obbligo vaccinale per tutti gli over 18
DANIMARCA
1 gior
Quella di Omicron potrebbe essere l'ultima ondata
Lo ha dichiarato Hans Kluge, direttore per l'Europa dell'Oms
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile