keystone-sda.ch / STR (Edmar Barros)
MONDO
22.01.21 - 12:180
Aggiornamento : 14:06

Varianti che provano a «nascondersi» dagli anticorpi

Le mutazioni provenienti da Sudafrica e Brasile sotto la lente degli esperti: «Sequenziare il più possibile»

OXFORD / ROMA - Non più letali, ma più contagiose. Le varianti di SARS-CoV-2 sono le indesiderate protagoniste di questa fase della pandemia di Covid-19. E l'allarme da parte delle autorità sanitarie di tutto il mondo non è dovuto solo alla maggiore contagiosità di queste mutazioni, ma anche alla preoccupazione che fra queste ve ne sia una capace di aggirare le nostre barriere di difesa contro il virus.

Se per la cosiddetta variante "inglese" il vaccino sviluppato da Pfizer/BioNTech ha confermato la propria efficacia anche in laboratorio, restano invece ancora dubbi per quanto concerne le mutazioni provenienti dal Sudafrica e dal Brasile. E non si parla solo di vaccini - che, come ormai noto, possono essere aggiornati nel giro di alcune settimane - ma della possibilità che siano in grado di aggirare gli anticorpi, provocando nuove infezioni in chi ha già contratto il coronavirus in precedenza.

A scriverlo è la rivista Science, citando l'esempio di Manaus - che in dicembre ha registrato un forte incremento dei casi - e rilanciando l'appello formulato dagli esperti riuniti dall'Oms lo scorso 14 gennaio per un maggiore sforzo nel tracciare e sequenziare il virus. Un fattore fondamentale per capire come stia mutando.

Si alza l'asticella per l'immunità
Per il momento resta tuttavia difficile stabilire in che modo queste varianti stiano influenzando l'andamento attuale della pandemia. Tra le certezze sembra invece esserci il fatto che l'asticella per l'immunità collettiva si stia alzando. «Il virus sta cambiando: stanno nascendo varianti che hanno una maggiore trasmissibilità e si nascondono al sistema immunitario», ha detto l'immunologa italiana Antonella Viola ai microfoni di Piazzapulita (sul canale LA7) spiegando che con le varianti e «utilizzando vaccini che non hanno efficacia molto vicina al 100% sarà impossibile raggiungere» un'immunità collettiva come popolazione.

La priorità, ha quindi sottolineato l'immunologa dell'Università di Padova, sta nel distribuire i vaccini il più velocemente possibile. E per farlo, ha sottolineato, serve trovare accordi con le aziende farmaceutiche che producono i vaccini - Moderna e Pfizer in primis - per iniziare a produrre localmente su licenza i preparati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
3 ore
Puntare tutto sui vaccini è «una scommessa un po' azzardata»
Per l'epidemiologo Antoine Flahault bisogna pensare a una strategia di "circolazione minima" del virus
UCRAINA / RUSSIA
5 ore
Ucciso un soldato: aumenta la tensione al confine
L'Ucraina ha annunciato una fatalità in seguito a un attacco: le ostilità sono in aumento
IRAN
7 ore
«È un atto terroristico antinucleare»
L'agenzia atomica iraniana ha denunciato un «sabotaggio» alla centrale nucleare di Natanz
ITALIA
10 ore
Dramma nel torinese: spara a moglie e figlio e si barrica in casa
Quando gli agenti hanno fatto irruzione, l'83enne si è sparato: è in gravi condizioni
REGNO UNITO
10 ore
La Regina si confida: la scomparsa di Filippo ha lasciato «un vuoto enorme»
Il Principe Andrea ha riferito quanto gli ha comunicato la madre, definendola «incredibilmente stoica»
UNIONE EUROPEA
13 ore
AstraZeneca, la lettera ultimatum (scaduta) di Bruxelles
Forniture ridotte e ritardi. La Commissione europea è ancora in attesa di risposte
REGNO UNITO
16 ore
Da domani gli inglesi tornano al pub
Londra allenta le restrizioni. Ma per la comunità scientifica la riapertura arriva in un momento ancora troppo delicato
STATI UNITI
18 ore
La Mis-C (e non Kawasaki) colpisce anche i bimbi asintomatici
Uno studio ha analizzato la sindrome che può sopraggiungere nei bambini dopo l'infezione da coronavirus
STATI UNITI
18 ore
Si finge una reporter e inganna i corrispondenti dalla Casa Bianca
Kacey Montagu, il cui profilo Twitter è seguito da diversi giornalisti americani, in realtà non esiste.
SPAGNA
1 gior
Vaccinazione con AstraZeneca? Aumentano coloro che non si presentano
Timore, confusione o incertezza: in molti sembrano non fidarsi del preparato: l'esempio della Spagna
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile