AFP
ITALIA
22.01.21 - 07:000

Con gli stadi senza pubblico i calciatori rendono meno

Le partite di calcio a porte chiuse generano demotivazione, e sempre più spesso le squadre hanno un calo di rendimento

di Redazione
GIORGIA CIMMA SOMMARUGA

MILANO - Nicolò Ferrari, con un passato da calciatore professionista, oggi è mental coach, una figura molto richiesta pure dai campioni per far fronte a questa situazione in piena pandemia. Laureato in Psicologia con un Master in Psicologia dello Sport e uno in Coaching sportivo mirato al calcio, Ferrari è libero professionista dal 2014 e titolare della NEST Football, che ha fondato nel 2019, e segue i calciatori per incrementare la loro forza mentale, dai giovanissimi alla serie A.

Di cosa si occupa la NEST Football?
«Durante la mia carriera da professionista mi sono reso conto che nello spogliatoio si sentono lamentele su più fronti: molti brontolano così tanto che perdono di vista la loro strada e non cercano soluzioni costruttive. La NEST ha elaborato un metodo di lavoro che si concentra in modo mirato sulle problematiche di ciascuno: aiutiamo il singolo, e di conseguenza la squadra, a non perdere di vista l’obiettivo».

Questa situazione è peggiorata con gli incontri a porte chiuse?
«I calciatori più esperti abituati al pubblico hanno fatto fatica soprattutto nelle prime gare, sono come usciti dalla loro comfort zone, prendendo le partite come amichevoli perché non c’erano più spettatori. Invece per i giocatori che percepivano lo stadio pieno come uno stress, questa situazione è andata a beneficio delle loro prestazioni. In psicologia si dice che la performance è data dal potenziale meno le distrazioni: per questi giocatori la performance migliora, perché il loro potenziale si evidenzia meglio senza che il pubblico li possa disturbare».

Quanto influisce il “non-giudizio” dei tifosi?
«Dipende. Per i calciatori abituati a giocare con lo stadio pieno la parola d’ordine senza un pubblico critico era diventata “noia”, dovevano ritrovare la concentrazione in assenza di stimoli. Mentre i giocatori che avevano difficoltà a confrontarsi con il giudizio altrui, ne hanno tratto beneficio e sono esplosi perché si sentivano più a loro agio».

E il fattore trasferta?
«Oggi la partita fuori casa è data solo da un viaggio. Assistiamo a un ribaltamento della situazione: mancando gli spettatori quando va a giocare fuori casa, una squadra non subisce più gli stimoli negativi della tifoseria avversaria, quindi sbaglia meno, è più concentrata e prende coraggio. Dall’altro lato, chi gioca in casa tende ad abbassare la guardia, perché non ha quel supporto del pubblico amico che avrebbe normalmente in una situazione di difficoltà».

Che ruolo ricopre l’allenatore in questa pandemia?
«Oggi è una figura chiave: giocando a spalti vuoti è lui l’ispirazione principale. E anche l’unico che giudica. Un buon allenatore oggi deve creare uno stimolo e una carica emotiva di elevato livello all’interno della propria squadra per sopperire all’assenza del pubblico. L’esempio più lampante viene da una neopromossa in serie A come lo Spezia, il cui tecnico è molto bravo a valorizzare ognuno dei suoi giocatori a favore dell’intero gruppo».

Il tifo severo sui social mette in crisi il sistema
Oggi il tifoso non è più allo stadio ma sui social: «Solitamente il calciatore segue i commenti sotto una sua foto, a maggior ragione in questo periodo», precisa Nicolò Ferrari. «Persone che hanno una identità più formata leggono l’insulto e ci passano sopra. Personalmente, aiuto l’atleta anche in questo ambito, lo consiglio su che cosa scrivere sulla sua pagina, di solito prima o dopo la gara». Il Covid ha accelerato il processo del tifo virtuale. «A un ragazzo che non sa ancora gestire il giudizio altrui, come mental coach sconsiglierei di usare i social ora. Tutto però dipende dal livello di consapevolezza in cui si trova il calciatore, e questo non è giustificato dall’età. Pensiamo a un giocatore esperto che sente la pressione quando pubblica un post in seguito a un obiettivo mancato». Il momento è delicato: «Prima dovrà ricostruire le certezze perse, poi potrà riprendere in mano il suo profilo social. Infatti il calcio di oggi è frenetico, è un mondo più volubile, e le prestazioni vengono monitorate addirittura di settimana in settimana».

AFP
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Vigilia agitata per il "green pass"
Le norme per bar e ristoranti entreranno in vigore da domani. Ma la partita sui trasporti e la scuola è ancora aperta
MONDO
4 ore
Terza dose, tra chi ha già iniziato e chi ci pensa
Israele è partito domenica. La Germania pronta a iniziare a settembre. Italia e Francia ci pensano. La Svizzera osserva
FOTO
LIBANO
16 ore
Beirut, commemorazione e scontri
Il cordoglio per le vittime si è mescolato con momenti di elevata tensione
MONDO
18 ore
«Ritardare la terza dose, almeno fino a settembre»
Tedros Adhanom Ghebreyesus ha chiesto che per ora non vengano effettuati richiami, in nome dell'equità
ITALIA
18 ore
I cyber-criminali attaccano e l’Italia trema
Il riscatto richiesto sarebbe di cinque milioni di euro, tutto non sarebbe partito dalla Germania ma dalla Russia
PAESI BASSI
22 ore
Ransomware, Paesi Bassi sull'orlo di una crisi di sicurezza nazionale
Le società informatiche non riescono a soddisfare tutte le richieste che ricevono
Italia
23 ore
Spiagge italiane sotto sequestro, ecco dove non andare
Dall’inizio della stagione estiva i Carabinieri hanno effettuato controlli in 886 strutture
UCRAINA
23 ore
Con una granata al Governo: «Siete sotto sequestro!»
Un video mostra l'uomo armato agitarsi e discutere con un funzionario
GIAPPONE
1 gior
Il Giappone gioca la carta della vergogna: diffusi i nomi di chi viola le regole
I tre uomini non avevano rispettato l'obbligo di quarantena di ritorno dall'estero
LIBANO
1 gior
Un anno dopo l’esplosione, Beirut continua a sanguinare
Il disastro del porto, avvenuto alle 18.08 del 4 agosto 2020, ha esasperato la situazione già critica del Paese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile