Keystone
THAILANDIA
19.01.21 - 15:360

43 anni di carcere per aver criticato la monarchia

È la condanna più dura mai emessa sulla base della legge "sulla lesa maestà"

BANGKOK - Una ex funzionaria pubblica è stata condannata a 43 anni e sei mesi di carcere per aver insultato la monarchia thailandese.

Lo riferisce il Guardian. Si tratta della condanna più dura mai emessa in base alla rigorosa legge sulla lesa maestà del regno.

La donna, 60enne, è stata accusata di aver pubblicato delle clip audio su Facebook e YouTube con commenti ritenuti critici nei confronti della monarchia, secondo il gruppo Thai Lawyers for Human Rights.

Inizialmente era stata annunciata una condanna a 87 anni, ma è stata dimezzata perché si è dichiarata colpevole.

Secondo la legge in questione, chiunque «diffami, insulti o minacci il re, la regina, o gli eredi» può affrontare da tre a 15 anni di prigione per ogni accusa. La donna è stata giudicata colpevole di 29 capi d'accusa di violazione della legge.

Esperti dell'Onu e gruppi per i diritti umani hanno criticato aspramente tale legge, sottolineandone i criteri di diffamazione e le severe sentenze. Chiunque può infatti presentare una denuncia contro un'altra persona in base alla legge.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
1 ora
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
3 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
3 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
5 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
8 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
12 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
18 ore
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
STATI UNITI
21 ore
Milioni di guanti sporchi venduti come nuovi
In Thailandia esiste un mercato nero dei guanti per uso medico, che vengono semplicemente ridipinti
GERMANIA
23 ore
Tragico incendio a Reisbach, quattro morti tra cui una giovane incinta e il suo bambino
I soccorritori hanno tentato di salvare il bimbo che aveva in grembo con un parto cesareo, ma senza successo
ITALIA
1 gior
Berlusconi contro le elezioni anticipate: «Sarebbe irresponsabile»
Per l'ex premier è importante il sostegno interpartitico a Draghi, per l'uscita dalla crisi sanitaria ed economica
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile