EVGENY FELDMAN/MEDUZA via REUTERS
Alexei Navalny scortato dagli agenti.
RUSSIA
19.01.21 - 12:450

Rilasciare Navalny? «Affare interno, non intromettetevi»

Dmitry Peskov, portavoce del Cremlino, ha dichiarato che gli appelli non verranno presi in considerazione

MOSCA - Mosca non prenderà in considerazione le sollecitazioni giunte da vari Paesi stranieri per il rilascio di Alexei Navalny dato che si tratta di «un affare interno della Russia». Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass.

«Abbiamo notato queste affermazioni, ma in questo caso non possiamo e non vogliamo prenderle in considerazione», ha detto Peskov. Il portavoce ha sottolineato che si tratta «assolutamente di un affare interno» e che Mosca «non permetterà a nessuno di intromettersi».

«Non abbiamo intenzione di prendere nota di tali dichiarazioni», ha concluso Peskov. Mosca è interessata alle buone relazioni con gli altri Paesi, ha precisato.  «Siamo ancora interessati a buone relazioni che non dipendano in alcun modo dai singoli individui».

Il Cremlino ha aggiunto di non temere le manifestazioni a sostegno di Navalny ma ritiene che tali appelli debbano essere analizzati dal punto di vista legale. Peskov ha detto che il Cremlino è rimasto «turbato» dalla richiesta di Navalny d'inscenare proteste «illegali» dopo che ieri gli è stato ordinato di stare in carcere per 30 giorni.

Keystone
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 9 mesi fa su tio
Russia Paese 🤐🤐🤐
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
16 min
Niente più fame nel mondo? Basterebbe il 2% del patrimonio di Elon Musk
Il direttore del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite invita i più ricchi del pianeta a «farsi avanti»
STATI UNITI
3 ore
Di cosa è morto Brian Laundrie? L'autopsia non dà una risposta
La vicenda dei due giovani continua a far parlare di sé, e sono ancora molte le domande senza risposta
FOTO
ITALIA
6 ore
Perché un ciclone ha investito la Sicilia: «Il Mediterraneo è sempre più tropicale»
Cosa si pensa che ci sia dietro al nubifragio che ha devastato Catania e che potrebbe protrarsi fino al fine settimana
TURKMENISTAN
10 ore
Doppio zero. Perché il Covid in Turkmenistan non esiste?
Ufficialmente non sono mai stati registrati casi o decessi. Ma per alcune fonti i morti sarebbero almeno 25'000.
STATI UNITI
18 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
Stati Uniti
21 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
1 gior
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
1 gior
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
1 gior
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
1 gior
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile