keystone-sda.ch / STF (Jae C. Hong)
400mila americani sono morti dall'inizio della pandemia.
STATI UNITI
19.01.21 - 09:540

Il contagio non si ferma: Usa a quota 400mila morti dall'inizio della pandemia

Sono oltre 24 milioni i contagi, preoccupa particolarmente la California

LOS ANGELES - Il 21 gennaio di un anno fa, a Seattle, veniva registrato il primo decesso ufficiale legato al Covid-19 negli Stati Uniti. A distanza di un anno, le vittime sono arrivate a quota 400mila.

L'ultimo calcolo effettuato dalla Johns Hopkins University dà conto di 398'981 decessi causati dalla pandemia, che fanno degli Usa la nazione che sta pagando il più alto tributo di vittime al mondo. In tutto il pianeta i morti sono più di due milioni.

Il conto delle vittime è altissimo e peggiore degli scenari ipotizzati dagli esperti negli scorsi mesi. Nbc News ricorda che ad aprile, quindi nel pieno della prima ondata, la dottoressa Deborah Birx - la coordinatrice dell'unità di crisi sul coronavirus della Casa Bianca - aveva avvertito che almeno 240mila americani avrebbero potuto perdere la vita anche se le misure anti-contagio fossero state osservate «quasi alla perfezione». Numeri tali da «far riflettere» aveva detto all'epoca il presidente Donald Trump, che è stato poi criticato a più riprese per aver minimizzato gli effetti della pandemia, per aver infranto innumerevoli volte le regole anti-Covid (presenziando senza mascherina ad affollatissimi comizi, ad esempio) e per non aver allestito una risposta governativa efficace.

La drammatica escalation delle vittime si può notare con questi dati: il primo decesso come detto risale a gennaio; alla metà di settembre fu raggiunta quota 200mila morti e lo scorso 15 dicembre si arrivò a 300mila. In circa un mese il tragico conto dei caduti nella guerra al Covid è cresciuto di 100mila unità.

Gli Stati Uniti registrano attualmente oltre 24 milioni di contagi, con una situazione allarmante in California, che ha superato i tre milioni di casi e specialmente nella contea di Los Angeles.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Da oggi «Facebook si chiama Meta»
Mark Zuckerberg ha ufficializzato la nuova identità dell'azienda durante l'atteso Connect
ITALIA
2 ore
Archiviate le accuse contro il paziente 1 italiano
Gli inquirenti volevano verificare se Mattia Maestri avesse mentito ai medici di Codogno
AUSTRIA/GERMANIA
5 ore
Arrivano in crociera... positivi al Covid
Il viaggio della nave è stato fermato: dei 178 passeggeri sulla crociera 80 sono risultati positivi al tampone
CINA
7 ore
Dal nuoto al curling: come Pechino passa dalle Olimpiadi estive a quelle invernali
È la prima volta che la stessa città ospita le due versioni dei giochi. E le sfide non mancano.
Francia
10 ore
I francesi sequestrano una barca ai pescatori inglesi
Stretta sui porti: si annunciano controlli doganali più severi e divieto di sbarco del pescato
TAIWAN
12 ore
«Se Taiwan cade, la democrazia globale è a rischio»
Le parole della presidente Tsai Ing-wen a fronte di una tensione sempre altissima con Pechino e l'alleanza con gli Usa
NUOVA ZELANDA
16 ore
Neozelandesi stremati tornano a casa via mare
C'è chi non ne può più delle lunghe liste d'attesa, e ha affrontato dieci giorni di navigazione
MONDO
16 ore
Se «Facebook non vuole più essere Facebook»
Il colosso social prepara la svolta. Ne parliamo con Eleonora Benecchi, docente di Culture digitali dell'USI.
NORDEST EUROPEO
1 gior
Rubinetti russi agli sgoccioli in una Moldavia sempre più europea
Tra le autorità moldave e la società russa fornitrice di gas Gazprom è scontro totale per un aumento dei prezzi
MONDO
1 gior
Niente più fame nel mondo? Basterebbe il 2% del patrimonio di Elon Musk
Il direttore del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite invita i più ricchi del pianeta a «farsi avanti»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile