AFP
+2
FRANCIA
14.01.21 - 16:040

Clima: lo Stato finisce in tribunale

Il dossier noto come "L'Affaire du siècle" è giunto tra le mani del tribunale amministrativo

PARIGI - A due anni dall'inizio della procedura sbarca dinanzi al tribunale amministrativo di Parigi la denuncia contro lo Stato francese per inazione rispetto ai cambiamenti climatici.

Un dossier che nell'Esagono è stato ribattezzato "L'Affaire du siècle", "Il caso del secolo", lanciato da quattro associazioni attive nella difesa dell'ambiente - Notre affaire à tous, Greenpeace France, Fondation Nicolas Hulot e Oxfam France - e sostenuta da 2,3 milioni di firmatari in una petizione lanciata on line.

Per evidenziare questo sostegno senza precedenti, un poster gigante è stato sistemato questa mattina lungo la Senna con la scritta: "Siamo 2,3 milioni".

«Se l'Affaire du siècle vincerà la sua battaglia, sarà una decisione storica per la giustizia climatica in Francia. Il mondo politico verrebbe posto dinanzi alle sue contraddizioni ecologiche: molti discorsi e pochissimi atti», sottolinea la coordinatrice di Notre affaire à tous, Cécilia Rinaudo, citata dall'agenzia France Presse (Afp).

Per Cécile Duflot, direttrice generale di Oxfam Francia, «la condanna di uno Stato per inazione climatica sarebbe storica, non solo in Francia».

Da parte sua, l'attuale amministrazione del presidente Emmanuel Macron respinge le accuse. Parigi assicura al contrario di aver «rafforzato gli obiettivi» per la riduzione dei gas a effetto serra, nel quadro della legge "énergie-climat" (energia-clima) 2019, con lo scopo di arrivare alla neutralità nelle emissioni di CO2 entro il 2050 o a un taglio del 40% di energie fossili entro il 2030.

Tuttavia, lo scorso novembre, il Consiglio di Stato, in una sentenza ritenuta "storica" dagli ecologisti, ha osservato a sua volta che la Francia ha mancato gli obiettivi che si era impegnata a conseguire.

AFP
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BRASILE
4 ore
Bolsonaro accusato di crimini contro l'umanità
Sono pesanti le accuse rivolte dalla Commissione parlamentare d'inchiesta al presidente brasiliano.
AFGHANISTAN
6 ore
Giovane pallavolista decapitata dai Talebani
La giocatrice della nazionale giovanile afghana è stata assassinata a inizio ottobre. Si chiamava Mahjabin Hakimi.
STATI UNITI
8 ore
«Colpevole» della strage di Parkland: «Devo conviverci ogni giorno»
Il giovane, appena 23enne, rischia la pena di morte
RUSSIA
10 ore
Vacanze forzate e over 60 "reclusi" per abbattere il virus
La Russia vive in questi giorni la fase più complicata dell'emergenza dall'inizio della pandemia.
LE FOTO
STATI UNITI
15 ore
L'aereo si schianta, ma sopravvivono tutti: «È un giorno di festa»
«È il miglior esito in cui potessimo sperare» hanno commentato le autorità in seguito a quanto accaduto
MONDO
15 ore
Il clima va da una parte, i governi dall'altra
Petrolio, gas e carbone allargano il gap tra i piani produttivi degli Stati e gli obiettivi climatici per il 2030.
REGNO UNITO
18 ore
Quasi 50'000 casi al giorno, il disastro Covid del Regno Unito
Ancora una volta il Paese al di là della manica è messo alle strette dal coronavirus, ecco come (e perché) è successo
MONDO
22 ore
Quando il drone uccella il carcere
Sono sempre più frequenti i tentativi di bucare dall'alto la sorveglianza nei penitenziari
MONDO
22 ore
Cosa mancherà nei prossimi mesi e dove
Non tutti i problemi di approvvigionamento sono collegati alla pandemia. Ad incidere è anche il clima.
Cina
1 gior
Gli sconosciuti che danno le caramelle ai bimbi uiguri per spiarli
Un nuovo rapporto rivela le strategie di Pechino «per eliminare il dissenso»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile