Reuters
NAMIBIA
10.01.21 - 11:060

Gli scienziati hanno scoperto le giraffe nane

Due finora gli esemplari avvistati e studiati. Entrambi non superano i tre metri di altezza

WINDHOEK - Con i loro cinque metri di altezza sono considerati i mammiferi più alti della terra. Ma non tutti gli esemplari, a quanto pare. Negli ultimi giorni infatti gli scienziati hanno pubblicato uno studio riguardante la scoperta di due giraffe affette da nanismo, riportato dal New York Times.

La prima è stata scoperta nel 2015 in Uganda all'interno del parco nazionale Murchison Falls. Ai ricercatori era apparso subito chiaro che, nonostante i 2,70 metri di altezza, non si trattasse di un cucciolo, ma di un esemplare "in miniatura". Il collo era sempre lungo, ma le zampe erano più simili a quelle di un cavallo. La mini giraffa è stata soprannominata Gimli, ricordando il personaggio del Signore degli Anelli.

Il secondo esemplare, Nigel, è stato scoperto nel 2018 in Namibia e la sua altezza misurava solamente 2,60 metri. 

Solamente dopo aver studiato i due rari animali, gli scienziati hanno appurato che si trattava effettivamente di nanismo. La condizione è presente anche in alcuni animali quali cani, gatti, maiali e mucche, ma è stato osservato raramente tra gli animali selvatici, e mai nelle giraffe. 

Gimli e Nigel possono considerarsi fortunati per essere riusciti a sopravvivere in natura pur senza disporre delle caratteristiche tipiche della specie, come il collo lungo per procurarsi le foglie degli alberi e le zampe lunghe per scalciare i predatori o semplicemente correre. Tuttavia difficilmente riusciranno ad accoppiarsi, per questioni "logistiche".   

Nigel è stato visto l'ultima volta nel luglio del 2020, mentre di Gimli non si hanno più notizie dal marzo del 2017. Ma gli scienziati sperano di rivederli presto entrambi. 

Gli studiosi stanno ora indagando se alla base del nanismo vi siano questioni legate alla mancanza di diversità genetica all'interno del gruppo. Alla fine degli anni '80 infatti la popolazione di giraffe a cui appartiene Gimli era scesa drasticamente a 78 esemplari. Oggi invece se ne contano più di 1'500. Tuttavia altre sottospecie sono ancora in pericolo: la perdita del loro habitat e il bracconaggio hanno ridotto del 40% il numero di esemplari. La giraffa nubiana ad esempio è in pericolo di estinzione. 

Reuters
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE
MONDO
LIVE
In Italia è pronta una base per il vaccino per la Omicron
Intato l'Oms parla di «potenziale elevato di diffusione» della variante
STATI UNITI
3 ore
Minorenni reclutate per Epstein? Ghislaine Maxwell a processo
La 59enne ex compagna di Epstein si è dichiarata non colpevole di tutti i capi d'accusa
FRANCIA
17 ore
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
PERÙ
20 ore
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
ITALIA
1 gior
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
2 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
2 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
2 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
2 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile