Deposit
AUSTRALIA
05.01.21 - 09:150

Risarcimenti alle vittime di pedofilia: tre organizzazioni non ci stanno

Fra loro i Testimoni di Geova. Lo schema proposto dal governo è contrario alle loro «credenze basate sulla Bibbia».

CANBERRA - Sono tre le istituzioni a non aver aderito entro l'ultima scadenza del 31 dicembre allo schema nazionale di ricorso e risarcimento per le vittime di pedofilia avviato dal governo australiano lo scorso luglio. Sono i Testimoni di Geova, Fairbridge Restored, che si è occupata di migranti minorenni, e Kenja Communications, un gruppo descritto come un "culto". Le tre organizzazioni avevano ricevuto richieste di risarcimento da 77 vittime.

Come indicato già sei mesi fa dalla ministra per i Servizi sociali Anne Ruston, i tre enti non avranno più diritto a sussidi governativi e potranno perdere lo status di ente caritatevole.

Hanno invece aderito allo schema nazionale circa 450 istituzioni, molte delle quali cristiane, tra cui, negli ultimi mesi, le Missionary Sisters of the Sacred Heart of Jesus, Seventh Day Adventists, Missionaries of God's Love, Swimming Australia, Tennis New South Wales e Football New South Wales.

Lo schema è stato istituito seguendo una raccomandazione chiave della Commissione nazionale d'inchiesta sulle risposte delle istituzioni a questo tipo di abusi istituita nel 2016, che per oltre due anni ha indagato su chiese, enti di beneficenza, governi locali, scuole, organizzazioni comunitarie e polizia.

I Testimoni di Geova, che in Australia contano quasi 70mila seguaci, hanno rifiutato di aderire e quindi di esporsi a risarcimenti, dichiarando che lo schema è contrario alle loro «credenze basate sulla Bibbia» e perché la loro religione non ha le «strutture istituzionali» necessarie. Questo nonostante denunce secondo cui circa 1800 minori avrebbero subito abusi dal 1950.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
19 min
«Vaccinare prima le persone che hanno più contatti»
L'immunologo Michael Meyer-Hermann vorrebbe cambiare le priorità di vaccinazione
ITALIA
2 ore
Italia verso il confinamento durante i fine settimana
La misura è invocata per frenare la risalita dei contagi. In vista la modifica del Dpcm appena entrato in vigore.
ITALIA
5 ore
Mascherina in palestra? «È sicura»
Per le persone sane «non comporta alcun rischio», secondo uno studio realizzato da un team di ricercatori italiani
FOTO
MESSICO
11 ore
La barriera anti-vandali diventa un memoriale per le vittime di femminicidio
I nomi di centinaia di donne uccise nel 2020 hanno trasformato la recinzione metallica attorno al Palazzo nazionale
STATI UNITI
11 ore
Un nuovo studio sulle varianti: «Sfuggono agli anticorpi monoclonali»
I ricercatori spingono quindi per «rivedere le terapie» e «svilupparne di nuove»
FOTO
SVEZIA
14 ore
Stufi di un lockdown che non c'è
Sabato scorso, circa 600 persone hanno manifestato nel centro di Stoccolma. Una prima nel paese scandinavo
ITALIA
14 ore
Un treno fra Roma e Milano che non lascia salire il Covid
Tampone prima di salire, e cordone sanitario, ma bisognerà arrivare in stazione un'ora prima. L'idea in vista dell'estate
STATI UNITI
17 ore
Nuove regole per i vaccinati
Concesse alcune visite senza mascherina né distanziamento sociale
UNIONE EUROPEA
19 ore
«Lo Sputnik V? Come la roulette russa»
Christa Wirthumer-Hoche ha dichiarato che non ci sono ancora dati sufficienti per l'autorizzazione
REGNO UNITO
20 ore
«Fuga dalla Brexit», dove scappano le società?
Molto bene Dublino e Lussemburgo, malissimo Milano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile