Reuters
+3
CROAZIA
30.12.20 - 08:580
Aggiornamento : 11:05

La terra trema ancora: «La paura è entrata nelle persone»

Altre tre scosse questa mattina nell'area più colpita dal devastante terremoto avvenuto ieri

In molti hanno passato la notte al freddo, arrangiandosi come possibile

PETRINJA - Non hanno pace gli abitanti della Regione di Sisak e della Moslavina in Croazia, la regione a sud di Zagabria in cui si trovano, tra le altre, Petrinja, Sisak e Glina, tra le città più colpite dal devastante terremoto di ieri

Ancora oggi, in mattinata, la zona è stata colpita da altri tre terremoti: il primo alle 6:15 (di magnitudo 4.7), poi un altro alle 6:26 (di magnitudo 4.8) e un terzo alle 6:29 (di magnitudo 3.9), come ha riferito il Servizio sismico croato su Twitter. Si tratta di oltre 45 scosse percepite nelle ultime 51 ore, informa il centro sismologico europeo.

«Non possiamo dire "Buongiorno" nemmeno oggi, non va bene, sta di nuovo tremando tutto, e tutto ciò che non era ancora caduto sta cadendo con le nuove scosse» ha dichiarato il sindaco di Petrinja, Darinko Dumbović, collegatosi allo show "Dobro Jutro" dal parco cittadino, in quanto impossibilitato a usare il proprio ufficio. «La paura è entrata nelle persone» ha concluso.

Una notte da dimenticare - Dopo il devastante terremoto di ieri, molti residenti della zona hanno trascorso la notte nella paura, all'aperto, arrangiandosi come possibile. In molti hanno acceso dei fuochi, dei falò, per riscaldarsi un minimo, altri hanno trascorso la notte in macchina, e altri ancora, tra quelli che sono riusciti a montare delle tende provvisorie, sono rimasti spiazzati dall'arrivo della pioggia, finendo a dormire bagnati e freddi.

Il clima è teso anche a Glina, cittadina a sudovest di Petrinja: «Molte persone hanno passato la notte nelle loro auto, congelando al freddo, altri hanno acceso dei falò in strada, per avere un minimo di calore. Grazie mille per gli aiuti che arrivano, è difficile dire cosa abbiamo più bisogno, sicuramente delle tende dove stare», ha detto in mattinata il sindaco di Glina, Stjepan Kostanjević, all'emittente statale HRT. 

A Sisak, molti sfollati sono stati predisposti nelle aule della scuola. «Grazie a tutti coloro che offrono aiuto, questa notte tutte le persone senza alloggio potranno sistemarsi nelle aule della scuola, ce la caviamo come meglio possiamo» ha detto ieri sera il sindaco di Sisak, Kristina Ikić Baniček.

Aiuti sì, ma attenzione - Silvana Radovanović, della Croce Rossa, ha ringraziato i cittadini che stanno aiutando le persone colpite dal terremoto, ma avverte del formarsi di grandi folle, in ottica coronavirus.

«Chiediamo ai cittadini di pazientare con gli aiuti umanitari, di aspettare o di consegnarli alla Croce Rossa più vicina», ha detto Radovanović, aggiungendo che fornire tutto l'aiuto necessario richiederà del tempo e che «una buona organizzazione è la cosa più importante».

«Chiediamo che tutti coloro che possono di donare il sangue ai centri più vicini, perché mancano tutti i gruppi sanguigni» ha concluso Radovanović.

Il triste bilancio - di sette vittime - è stato nel frattempo confermato, e si parla di danni «colossali» alla città di Petrinja. Le autorità hanno anche indicato il numero ufficiale di feriti: 6 in gravi condizioni e 20 in condizioni stabili.

Reuters
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
6 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
Stati Uniti
10 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
12 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
15 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
17 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
19 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
21 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
1 gior
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
1 gior
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
1 gior
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile