Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
REGNO UNITO
22.12.20 - 06:300

L'industria alimentare globale mette a rischio la biodiversità

Se il modo in cui viene prodotto il cibo non cambia, ci potrebbero essere enormi perdite di fauna selvatica

LEEDS - A meno che l'industria alimentare non si trasformi rapidamente, cambiando ciò che la gente mangia e come viene prodotto, il mondo dovrà affrontare nei prossimi decenni una diffusa perdita di biodiversità.

È ciò che emerge da uno studio di un team di ricerca internazionale guidato dall'Università di Leeds e dall'Università di Oxford, pubblicato sulla rivista Nature Sustainability. Il sistema alimentare globale, per come è ora, rischia di provocare danni ecologici rapidi e diffusi, con quasi il 90% degli animali che rischiano di perdere parte del loro habitat entro il 2050.

L'autore principale dello studio, David Williams, dell'Università di Leeds, ha affermato al Guardian che senza cambiamenti fondamentali, milioni di chilometri quadrati di habitat naturali potrebbero andare persi nei prossimi 30 anni. «In definitiva, dobbiamo cambiare ciò che mangiamo e come viene prodotto se vogliamo salvare la fauna selvatica su scala globale».

Lo studio ha stimato l'influenza del sistema alimentare sulla biodiversità, notando che le perdite saranno particolarmente gravi nell'Africa subsahariana e in alcune parti dell'America centrale e meridionale.

Inoltre, secondo la ricerca, determinate soluzioni sono più o meno adatte per regioni o paesi specifici. Ad esempio, un aumento dei rendimenti agricoli porterebbe enormi benefici alla biodiversità nell'Africa subsahariana, ma avrebbe invece un impatto minimo in Nord America, dove i rendimenti sono già elevati. D'altra parte, il passaggio a diete più sane avrebbe grandi benefici in Nord America, ma sarebbe meno efficace nelle regioni dove il consumo di carne è basso e l'insicurezza alimentare è elevata.

È importante quindi capire quali soluzioni sono adatte in quali aree. Tra le opzioni, un minor consumo di carne, la riduzione degli sprechi alla pianificazione dell'uso del suolo.

Michael Clark, un altro autore dello studio e ricercatore dell'Università di Oxford, ha dichiarato che è importante mettere in atto tutte queste misure: «Nessun approccio è sufficiente da solo. Ma con un coordinamento globale e un'azione rapida, dovrebbe essere possibile fornire determinate diete sane alla popolazione globale nel 2050, senza dover provocare ingenti perdite di habitat».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
2 ore
Chirurgo mette all'asta la radiografia di una vittima del Bataclan
La lastra è ancora disponibile su OpenSea, ma il prezzo, dopo che il medico è stato denunciato dai media, è stato tolto
GERMANIA
4 ore
Vaccino obbligatorio, il progetto è pronto a scaldare gli animi
Mercoledì inizieranno i dibattiti su una proposta interpartitica: un obbligo vaccinale per tutti gli over 18
DANIMARCA
6 ore
Quella di Omicron potrebbe essere l'ultima ondata
Lo ha dichiarato Hans Kluge, direttore per l'Europa dell'Oms
NORVEGIA
7 ore
Il primo viaggio in Europa dei talebani
Una delegazione è arrivata ad Oslo, numerose le riunioni previste
MONDO
7 ore
Un sottotipo di Omicron ancora più contagioso? Gli esperti: «Prudenza»
È stato denominato BA.2 e differisce del 50% con la variante base
TURCHIA
9 ore
Arrestata per un proverbio in Tv
L'accusa? Aver «platealmente insultato il Presidente» con un proverbio ritenuto offensivo
ITALIA
15 ore
Berlusconi e il Quirinale: «Per me questo è il senso di una vita»
Si trattava del coronamento di un sogno di bambino, avrebbe confessato lui stesso
ITALIA
16 ore
Scontro tra auto e bus, morti cinque giovani
Tremendo impatto frontale, sono tutti deceduti sul colpo
GERMANIA
16 ore
«Omicron e Delta potrebbero combinarsi»
Secondo il virologo Christian Drosten da Omicron e Delta potrebbe nascere una nuova, più pericolosa, variante.
STATI UNITI
1 gior
Un enorme rogo minaccia l'iconica Highway 1
L'incendio ha già mandato in fumo 600 ettari di vegetazione e costretto le autorità a evacuare una vasta area.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile