keystone-sda.ch / STF (Lee Jin-man)
Cosa sappiamo della nuova variante del coronavirus? Il New York Times cerca di fare chiarezza.
STATI UNITI
21.12.20 - 18:050

La variante britannica del coronavirus spaventa: ecco cosa si sa in questo momento

C'è davvero da avere paura oppure è qualcosa che possiamo controllare? Vari esperti fanno chiarezza

NEW YORK - La nuova variante del coronavirus identificata nel Regno Unito è indubbiamente l'argomento del giorno.

Dopo che il ministro della Salute britannico Matt Hancock ha dichiarato che la situazione della pandemia nel paese è «fuori controllo» a causa della mutazione, che sarebbe in grado di propagarsi in modo molto più veloce, la preoccupazione in giro per il mondo è schizzata alle stelle. Decine di paesi - Svizzera compresa - hanno bloccato i voli da e per il Regno Unito e le istituzioni stanno organizzando riunioni d'emergenza per capire come affrontare il problema.

Il virus muta - Il New York Times, con un articolo a firma Apoorva Mandavilli - la giornalista scientifica che ha seguito l'intera evoluzione del virus per la prestigiosa testata -, ha cercato di fare un po' di chiarezza su questa variazione e su cosa può significare. Si parte da un presupposto: il virus ha già cambiato forma molte volte da quando è stato identificato per la prima volta, un anno fa. Piccoli cambiamenti che utilizza per cercare di sopravvivere più a lungo tra popolazioni sempre più ricche di anticorpi o per eludere il sistema immunitario. Gli scienziati, quindi, sono al lavoro per identificare tutte le caratteristiche della variante ma non sono sorpresi della sua esistenza. «Dobbiamo monitorare queste mutazioni e dobbiamo caratterizzare quali hanno effetti» ha spiegato Jesse Bloom, biologo del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle.

La variante britannica - La variante britannica ha all'incirca 20 mutazioni rispetto al coronavirus "standard", ha rilevato l'infettivologa Muge Cevik dell'Università di St. Andrews in Scozia. Alcune di queste agiscono sulle modalità di aggancio del virus alle cellule umane e su come l'organismo viene infettato. L'evoluzione potrebbe rendere più efficiente la sua trasmissione ma, avverte l'esperta, la cifra del 70% fornita dalle autorità britanniche e sudafricane (e che tanto risalto ha trovato in seno all'opinione pubblica) è basata esclusivamente su modelli matematici e non su esami di laboratorio. «Penso che abbiamo bisogno di un po' più di dati» per evitare di giungere a conclusioni affrettate, ha sottolineato Cevik. «Non possiamo del tutto escludere che queste cifre legate alla trasmissione siano legate al comportamento umano».

L'efficacia del vaccino - In tutto il mondo sono vari i team di esperti che si sono attivati per studiare i dati britannici e capire se i vaccini elaborati in questi mesi siano efficaci o meno contro la nuova variante. Sempre il governo britannico, ieri, avvertiva della possibilità che alcune alterazioni del materiale genetico avrebbero potuto rendere inefficaci i preparati, creati con enorme profusione di sforzi e denaro. Mandavilli, però, spiega: «Molti esperti invitano alla prudenza, affermando che ci vogliono anni - non mesi - per far sì che un virus si trasformi abbastanza da rendere impotenti gli attuali vaccini». Il già citato dottor Bloom rassicura: «Nessuno dovrebbe preoccuparsi che ci sarà una singola mutazione catastrofica che improvvisamente rende inutili tutta l'immunità e gli anticorpi». Probabilmente succederà ma «nell'arco di più anni» e in seguito «all'accumulo di più mutazioni virali».

Il virus combatte contro di noi... - La comunità scientifica non sottovaluta la capacità di adattamento del coronavirus e Mandavilli ricorda che almeno tre volte è stata osservata una mutazione che influisce sulla suscettibilità agli anticorpi. Oltre al caso della Gran Bretagna c'è quello dei visoni danesi, ha spiegato. «Si sta adattando continuamente» ha confermato il dottor Ravindra Gupta dell'Università di Cambridge. «Ma la gente non vuole sentire quello che diciamo, ovvero: questo virus muterà». E lo farà sempre di più durante i mesi della vaccinazione di massa: «Penso che queste mutazioni diventeranno più comuni» ha ribadito il dottor Deepti Gurdasani, epidemiologo clinico presso la Queen Mary University di Londra. 

...ma il sistema immunitario vincerà - C'è quindi da issare bandiera bianca e dichiararsi sconfitti dal coronavirus? Nemmeno per idea, ribatte Mandavilli: «Fortunatamente, l'intero sistema immunitario umano è un avversario molto più formidabile». Il vaccino induce una risposta immunitaria che viene poi amplificata dal nostro organismo: «Il fatto è che hai un migliaio di grossi calibri puntati contro il virus», ha detto Kartik Chandran, virologo presso l'Albert Einstein College of Medicine di New York. «Non importa come il virus si attorciglia e si intreccia, non è così facile trovare una soluzione genetica che possa davvero combattere tutte queste diverse specificità anticorpali, per non parlare degli altri sviluppi della risposta immunitaria».

«Insomma» conclude l'esperta del New York Times «sarà molto difficile per il coronavirus sfuggire alle difese dell'organismo, nonostante le tante varianti che potrà adottare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SPAGNA
7 min
Coronavirus: aumento dei casi in Spagna, “effetto Settimana Santa”
La trasmissione del virus è attualmente «più lenta» grazie all'effetto dei vaccini e di alcune restrizioni
UNIONE EUROPEA
3 ore
Ursula, ma non solo: UE, dove il potere è donna
Per la prima volta della storia continentale detengono ruoli chiave (e non c'è "sofagate" che tenga)
FOTO
VANUATU
3 ore
Una tribù in lutto: venerano il principe Filippo come un dio
Secondo alcuni aborigeni, il Duca di Edimburgo sarebbe «il figlio dalla pelle bianca di una divinità delle montagne»
FOTO
FRANCIA
6 ore
Spari fuori da un ospedale di Parigi: un morto e un ferito
La persona che ha aperto il fuoco è in fuga, secondo un testimone è stata una sorta di esecuzione
ITALIA
7 ore
Vaccinare le isole per far ripartire il turismo
L'Italia sta discutendo la possibilità di attuare un piano. Ma c'è già chi storce il naso e chiede uguaglianza per tutti
CINA
10 ore
Vaccini cinesi inefficaci? La retromarcia di Pechino
Per Gao Fu, capo del CDC cinese, si è trattato di un fraintendimento: «Le mie parole riportate fuori contesto»
FOTO
STATI UNITI
13 ore
Minneapolis, la polizia spara: muore un ragazzo di 20 anni
Il giovane aveva tentato la fuga durante un controllo. Scontri tra manifestanti e gli agenti
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
14 ore
Direttamente da New York: vado a vaccinarmi sull'autobus
Con un centro mobile, che gira per i quartieri e può dispensare fino a 200 dosi al giorno. Siamo andati a vederlo
BELGIO
14 ore
Scappa da un party illegale dalla finestra, 21enne perde la vita
All'arrivo della polizia, il giovane ha cercato di fuggire, cadendo nel vuoto
FRANCIA
21 ore
Puntare tutto sui vaccini è «una scommessa un po' azzardata»
Per l'epidemiologo Antoine Flahault bisogna pensare a una strategia di "circolazione minima" del virus
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile