Negozio pop-up nell'East Village
+3
STATI UNITI
21.12.20 - 21:530

Record alberi di Natale negli Stati Uniti, effetto pandemia

Non era mai successo che i caratteristici negozietti pop-up di pini restassero sforniti a Natale.

Eppure quest’anno la città di New York ha registrato un insolito boom, quello dei tradizionalissimi alberi.

di Redazione
Manuela Cavalieri e Donatella Mulvoni

NEW YORK - Secondo gli esperti anche questo sarebbe un effetto diretto della pandemia. Mentre nel 2008, in piena crisi finanziaria, la gente aveva rinunciato ai festeggiamenti, la crisi economico-sanitaria del 2020 ha provocato l’effetto contrario. Insomma gli alberi sono diventati il simbolo concreto della speranza di rinascita, non più solo una decorazione.

Un esempio per tutti è il caso, raccontato dal New York Times, di uno degli storici rivenditori, Uptown Christmas Trees, che da quasi cinquant’anni fornisce i newyorchesi di alberelli. Ad inizio stagione erano già duemila in più gli alberi venduti rispetto allo scorso anno. Basta una passeggiata per Manhattan ed una chiacchiera con i venditori di pini, per rendersi conto del fenomeno. «Non era mai successo di finire interi stock», dicono i venditori dell’East Village, sorpresi per il boom e costretti a rifornirsi costantemente dai vivai.

Ora i ritardatari dovranno accontentarsi di alberi fuori taglia media. Tra essi incontriamo Mercedes, 38 anni, emigrata a New York da 12 anni dall’Argentina, che ha optato per un alberello un po’ più grande del solito. «Ho perso il lavoro a causa delle restrizioni, perché purtroppo ero impiegata nella ristorazione. Sto cercando di risparmiare, quindi non ceno più fuori e non faccio shopping da mesi – ci racconta - All’albero però non ho voluto rinunciare perché quest’anno come non mai prima sto trascorrendo la maggior parte del mio tempo a casa. Voglio che il mio minuscolo monolocale qui nell’East Village diventi per me il luogo più caldo e familiare dell’intera città. Guardare le luci del mio albero mi fa stare bene: sa di festa, mi porta alla mente i più bei ricordi della mia infanzia».

E Mercedes non è la sola ad essere stata licenziata a causa della pandemia. New York continua ad essere in lockdown ed i ristoranti sono aperti soltanto all’esterno. Pochi i coraggiosi che scelgono di mangiare fuori, con i morsi dell’inverno newyorkese, con conseguenti perdite di posti di lavoro.

Incontriamo anche Gemma, immigrata italiana a New York da 2 anni. Anche lei non ha rinunciato all’albero, nonostante la tristezza di questo strano 2020. «Certo, i regali migliori nella vita non si troveranno mai sotto l’albero di Natale. I doni più importanti sono la famiglia, gli amici, i bambini e tutte le persone che amiamo». Gli affetti che purtroppo a causa del virus non si potrà godere.

L'albero di Gemma
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
22 min
Accordo raggiunto: 7200 dollari a ogni partecipante del Fyre Festival
La class action dei possessori dei ticket del «peggior festival di tutti i tempi» si chiude con due milioni di dollari
STATI UNITI
1 ora
Strage di Indianapolis: identificato il presunto autore
Secondo quanto riferito dai media americani si tratterebbe di un diciannovenne
UNIONE EUROPEA
2 ore
Merkel: «La terza ondata è molto seria»
In Germania la campagna di vaccinazione procede. E nel frattempo l'Europa potrebbe rinunciare ad AstraZeneca
FRANCIA
3 ore
La piccola Mia «potrebbe essere stata portata all'estero»
Lo ipotizzano gli inquirenti. Fermati quattro uomini, già attenzionati dalla Procura antiterrorismo
FOTO
ITALIA
3 ore
Al via i primi Frecciarossa “Covid free”
Si sale soltanto con la prova di un test negativo. I primi treni sono partiti oggi da Milano e Roma
ITALIA
5 ore
«Un Pass Covid per spostarsi tra Regioni»
Dal 26 aprile tornano le zone gialle: si riaprirà «con prudenza» e all'insegna delle attività all'aperto
CILE
6 ore
Un anticorpo degli alpaca efficace contro il nuovo coronavirus (e le sue varianti)
Ma al momento la ricerca va a rilento a causa della mancanza di risorse economiche
STATI UNITI
7 ore
Strage al deposito FedEx, 8 morti e un movente ancora nell'ombra
La polizia conferma il bilancio delle vittime all'indomani della sparatoria
STATI UNITI
10 ore
Il Ceo di Pfizer: «Probabilmente servirà una terza dose»
Secondo Albert Bourla, è plausibile che si dovrà effettuare un richiamo a cadenza annuale
STATI UNITI
13 ore
Sparatoria alla FedEx: almeno 8 morti
L'autore si sarebbe tolto la vita. Si contano inoltre almeno 9 feriti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile