Liberati i pescatori sequestrati in Libia
Keystone
I familiari di uno dei pescatori sequestrati gioiscono alla notizia della loro liberazione davanti a Montecitorio a Roma
LIBIA / ITALIA
17.12.20 - 14:250
Aggiornamento : 15:11

Liberati i pescatori sequestrati in Libia

Sono italiani, tunisini, indonesiani e senegalesi. La vicenda, sfociata in caso diplomatico, era finita a Bruxelles.

TRIPOLI / BENGASI - Sono stati liberati oggi a Bengasi, in Libia, i componenti degli equipaggi di due pescherecci italiani di Mazara del Vallo (Sicilia) che erano stati sequestrati il 1° settembre scorso. Si tratta di otto cittadini italiani, sei tunisini, due indonesiani e due senegalesi.

«I nostri pescatori sono liberi. Fra poche ore potranno riabbracciare le proprie famiglie e i propri cari», ha scritto su Facebook il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, che si è recato a Bengasi con il primo ministro, Giuseppe Conte. «Grazie all'Aise (la nostra intelligence esterna) e a tutto il corpo diplomatico che hanno lavorato per riportarli a casa. Un abbraccio a tutta la comunità di Mazara del Vallo. Il Governo continua a sostenere con fermezza il processo di stabilizzazione della Libia. È ciò che io e il presidente Giuseppe Conte abbiamo ribadito oggi stesso ad Haftar, durante il nostro colloquio a Bengasi», ha aggiunto. Da parte sua, il presidente del Consiglio ha pubblicato su Twitter una foto dei pescatori liberati in Libia e ha scritto: «Buon rientro a casa».

La vicenda dei 18 pescatori era cominciata il 1° settembre. Si trovavano a bordo di due pescherecci - "Antartide" e "Medinea" - che furono sequestrati dalle motovedette dell'Est libico facenti capo all'uomo forte di Bengasi, il generale Khalifa el-Haftar. A lanciare l'allarme furono altri pescherecci che erano nei paraggi e che erano riusciti a mettersi in fuga. I 18 furono imprigionati in una caserma di Bengasi.

L'accusa mossa era di avere violato le acque territoriali per aver pescato all'interno di quella che ritengono essere un'area di loro esclusiva pertinenza in base a una convenzione che prevede l'estensione della Zee (zona economica esclusiva) da 12 a 74 miglia. A questa accusa si era aggiunta anche quella delle milizie di Haftar, che contestavano anche il traffico di droga, senza nessuna prova.

La vicenda dei pescatori, presto sfociata in caso diplomatico, era finita anche a Bruxelles. L'Unione europea aveva lanciato pochi giorni fa un appello nelle conclusioni adottate dal Consiglio europeo affinché le autorità libiche rilasciassero «immediatamente i pescatori italiani trattenuti da settembre senza che sia stata avviata alcuna procedura legale» nei loro confronti. Più volte i familiari dei pescatori avevano fatto appelli nella speranza di poter riabbracciare i propri cari a Natale.

Nel corso delle trattative sarebbe stata avanzata da parte di Bengasi la richiesta di uno «scambio di prigionieri», con l'estradizione di quattro libici condannati in Italia a cinque anni come scafisti di una traversata avvenuta nel 2015 in cui morirono 49 migranti. Bengasi ne ha sempre proclamato l'innocenza sostenendo si trattasse di semplici «calciatori». Oggi l'epilogo con la missione di Conte e Di Maio a Bengasi e la liberazione dei pescatori.
 
 

Keystone
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LE FOTO
STATI UNITI
1 ora
L'aereo si schianta, ma sopravvivono tutti: «È un giorno di festa»
«È il miglior esito in cui potessimo sperare» hanno commentato le autorità in seguito a quanto accaduto
MONDO
1 ora
Il clima va da una parte, i governi dall'altra
Petrolio, gas e carbone allargano il gap tra i piani produttivi degli Stati e gli obiettivi climatici per il 2030.
REGNO UNITO
5 ore
Quasi 50'000 casi al giorno, il disastro Covid del Regno Unito
Ancora una volta il Paese al di là della manica è messo alle strette dal coronavirus, ecco come (e perché) è successo
MONDO
8 ore
Quando il drone uccella il carcere
Sono sempre più frequenti i tentativi di bucare dall'alto la sorveglianza nei penitenziari
MONDO
8 ore
Cosa mancherà nei prossimi mesi e dove
Non tutti i problemi di approvvigionamento sono collegati alla pandemia. Ad incidere è anche il clima.
Cina
14 ore
Gli sconosciuti che danno le caramelle ai bimbi uiguri per spiarli
Un nuovo rapporto rivela le strategie di Pechino «per eliminare il dissenso»
REGNO UNITO
20 ore
C'è un'altra variante "Delta Plus" sotto la lente
La sua prevalenza è in crescita nel Regno Unito ma per ora non desta preoccupazione. Più contagiosa? «Forse del 10-15%».
Germania
22 ore
«Chi va a letto con il capo ottiene un lavoro migliore»
Un'inchiesta del New York Times scoperchia il quotidiano tedesco Bild: «una cultura di sesso, giornalismo e denaro»
AUSTRALIA
1 gior
Bambina di quattro anni scompare durante un campeggio
I genitori hanno lanciato l'allarme al risveglio, quando non l'hanno trovata nella tenda
STATI UNITI
1 gior
La morte di Powell fa il pieno ai "no vax"
L'ex Segretario di Stato americano è morto per complicazioni da Covid-19. Una prova che il vaccino non funziona? No.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile