Deposit
Carne coltivata, foto illustrativa.
SINGAPORE
02.12.20 - 16:570

Carne dal laboratorio in vendita, senza mattare alcun animale

I bocconcini di pollo dell'azienda Eat Just potrebbero avere un risvolto fondamentale

Un taglio ai consumi di carne, secondo l'azienda, è vitale per affrontare la crisi climatica

SINGAPORE - È stata messa per la prima volta in vendita una carne coltivata in laboratorio, per la quale non è stato macellato nessun animale.

L'approvazione da parte dell'autorità di regolamentazione di Singapore della carne di pollo coltivata in bioreattori è vista come un momento storico per l'industria della carne.

Si tratta, in questo caso, di bocconcini di pollo, prodotti dalla società statunitense Eat Just, che hanno superato una revisione di sicurezza da parte della Singapore Food Agency. L'approvazione, come riporta il Guardian, potrebbe aprire la porta a un futuro in cui la carne verrà prodotta senza l'abbattimento di bestiame.

«Penso che l'approvazione di oggi sia una delle pietre miliari più significative nell'industria alimentare degli ultimi decenni» ha dichiarato Josh Tetrick, di Eat Just. «È una porta aperta e sta a noi e alle altre aziende cogliere questa opportunità. La mia speranza è che questo porti a un mondo in cui la maggior parte della carne non richieda l'uccisione animali o l'abbattimento di alberi». 

Il processo - Le cellule con cui si avvia il processo provengono da biopsie di animali vivi, e non richiedono la macellazione degli animali. I nutrienti forniti provengono invece dalle piante.

La disponibilità iniziale è al momento limitata, ha spiegato Eat Just, ma i bocconcini saranno presto maggiormente disponibili, e anche più economici, non appena la produzione sarà incrementata. 

Sono diversi gli studi che hanno mostrato come un taglio ai consumi di carne sia vitale per affrontare la crisi climatica, e le aziende coinvolte nella coltivazione di questo tipo di carne sono decise che sia il prodotto più adatto per persuadere i mangiatori di carne non convinti dalle diete vegetariane. 

Attualmente, sono circa 130 milioni i polli che vengono macellati ogni giorno, e 4 milioni di maiali. Di tutti i mammiferi della Terra, il 60% è costituito da bestiame, il 36% da esseri umani e solo il 4% è selvatico.

Le sfide principali - Sono decine le aziende che stanno sviluppando carne di pollo, bovina e suina, con l'obiettivo di ridurre l'impatto della produzione industriale di bestiame sul clima e sulle risorse naturali, oltre che quello di fornire carne più pulita, senza farmaci e senza crudeltà animale.

Tuttavia, molte sfide rimangono. Ad esempio, sarà importante sapere la reazione dei consumatori alla carne coltivata: «È diversa? Sicuramente. La nostra speranza è di fare colpo con una comunicazione trasparente con i consumatori, spiegando che cos'è e come si confronta con la carne convenzionale, e pensiamo di essere in grado di convincere molti, ma sarà tutto da vedere» ha spiegato Tetrick, confermando che il pollo coltivato è nutrizionalmente uguale alla carne convenzionale.

Tra le altre difficoltà principali si nota anche l'ottenimento dell'approvazione in altre nazioni e l'aumento logistico della produzione. «Se vogliamo servire tutto Singapore, ed eventualmente portarlo in altre parti del mondo, dobbiamo passare a bioreattori da 10.000 o 50.000 litri», ha concluso Tetrick.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
bibis 9 mesi fa su tio
E' da anni già che si parla della carne sintetica ma siamo ancora qui a mangiare poveri animali innocenti. Aspettiamo che fra poco la venda la Migros.. https://www.tio.ch/svizzera/attualita/1369370/migros-investe-nella-carne-sintetica-israeliana
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SONDAGGIO
GERMANIA
8 min
Niente stipendio ai No-vax in quarantena: «È corretto così»
La decisione tedesca è stata molto criticata ma il governo la difende: «Non deve pagare la società». Tu che ne pensi?
ITALIA
2 ore
Il Green pass passa, senza problemi, anche in Senato
Il decreto per l'introduzione dell'obbligo nelle scuole e sui mezzi di trasporto è stato approvato dal Senato
MONDO
4 ore
A caccia di streghe
Non siamo più nel medioevo ma il sospetto e la superstizione uccidono e mutilano ancora, migliaia di persone ogni anno
FOTO
ISRAELE
6 ore
Eitan per ora resterà in Israele
Lo hanno deciso in tribunale questa mattina le due famiglie che si contendono il piccolo, il processo al via a ottobre
REGNO UNITO
7 ore
«È l'ultima chance per l'umanità»
I Paesi devono assumersi la responsabilità «per la distruzione che affliggono, non solo al pianeta ma anche a sé stessi»
MONDO
10 ore
Aria inquinata? Più pericolosa del previsto
L'Organizzazione mondiale della sanità ha ridotto i livelli massimi di sicurezza di varie sostanze
BRASILE
18 ore
Un suo ministro è positivo: Bolsonaro in isolamento
All'Onu stanno cercando di tracciare i contatti di Marcelo Queiroga. Ci sarebbe anche Boris Johnson
STATI UNITI
21 ore
Perché il caso di Gabby Petito ha lasciato tutta l'America con il fiato sospeso
Fra teorie e ipotesi su TikTok e Instagram, la storia della 22enne scomparsa ha catalizzato la curiosità di una nazione
Italia
1 gior
Le mafie stanno sfruttando l'emergenza Covid per arricchirsi
L'Antimafia lancia un appello ai governi: «Bisogna far fronte comune e trattare questa emergenza come quella sanitaria»
GERMANIA
1 gior
Se non sei vaccinato e finisci in quarantena, il datore non deve pagarti
In Germania sarà così dal 1 novembre, conferma il Governo. Il motivo è che «esiste un vaccino che funziona»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile