Deposit
ITALIA
26.11.20 - 16:450

Restituisce un pezzo di marmo rubato a Roma e allega una lettera di scuse

La ragazza tuttavia non è riuscita a cancellare una scritta fatta con un pennarello.

ROMA - Negli scorsi giorni il Museo Nazionale di Roma ha ricevuto un grosso pacco proveniente dagli Stati Uniti. Una volta aperto, gli addetti si sono trovati davanti un frammento di marmo dell'epoca romana. Ad accompagnare il reperto c'era anche una lettera, in cui una ragazza americana, di Atlanta, si scusava per aver rubato il pezzo di marmo: «Mi sento malissimo non solo per aver rubato questo oggetto dal suo legittimo posto, ma anche di averci scritto sopra». Già, perché la ragazza al momento del furto era anche innamorata, e aveva pensato bene di scriverlo sul reperto: "To Sam: love, Jess. Rome 2017". 

Sulla lettera pubblicata dal Messaggero si legge anche: «Solo ora, da adulta, mi rendo conto di quanto sia stato sconsiderato e spregevole farlo. Ho passato tanto tempo a cercare di rimuovere la scritta, senza successo. Sono una s*****a americana». 

Il reperto non ha un valore particolare. Si tratta di un marmo originario dell'Asia Minore, un marmo preconnessio, molto diffuso nell'impero romano, spiega Stéphane Verger, direttore del Museo Nazionale Romano. Probabilmente è stato trafugato da un parco archeologico, forse il Foro Romano. 

«Trovare un reperto archeologico e portarlo via con sé, danneggiarlo o, addirittura, decidere di rubarlo è un gesto che può costare caro. Portare via un reperto da un museo o da un’area archeologica significa non solo non comprenderne il valore di testimonianza storica, di oggetto fragile, che va trattato con le dovute accortezze, ma anche privarlo delle informazioni che esso porta con sé e, di conseguenza, della realtà che può documentare. Musei e parchi archeologici appartengono a tutti: chi ne asporta una parte, anche infima, per averla tutta per sé, compie un reato» scrive il Museo Nazionale Romano su Facebook.

Trovare un reperto archeologico e portarlo via con sé, danneggiarlo o, addirittura, decidere di rubarlo è un gesto che...

Pubblicato da Museo Nazionale Romano su Lunedì 23 novembre 2020
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
58 min
Google taglierà i contributi a chi non ha certificato la vittoria di Biden
L'iniziale sospensione temporanea è diventata così definitiva
UNIONE EUROPEA
2 ore
AstraZeneca in affanno con le dosi, e l'UE minaccia lo stop all'export di vaccini
Bruxelles ai ferri corti con la farmaceutica (e sotto pressione) pensa a un blocco, che potrebbe valere anche per Pfizer
VIDEO
ITALIA
3 ore
Giuseppe Conte si è dimesso
Il premier ha rimesso l'incarico nelle mani del Presidente della Repubblica Mattarella.
MONDO
3 ore
Scoperta una falla in TikTok
«Consente di bypassare le protezioni sulla privacy create per difendere gli utenti dell'app» spiegano alcuni ricercatori
MONDO
4 ore
«Dobbiamo contenere il potere immenso delle grandi aziende digitali»
La presidente della Commissione Ue von der Leyen chiedono sia trasparenza sugli algoritmi e sui contenuti
GERMANIA
4 ore
Diversi accoltellati a Francoforte
«Il pericolo è cessato» scrive la polizia sui social, ma ci sarebbero tre feriti in condizioni molto gravi
GERMANIA
7 ore
AstraZeneca, il dato sulla scarsa efficacia del vaccino per gli over-65 «è sbagliato»
In Gran Bretagna questa fascia della popolazione è stata vaccinata senza aggiustamento della dose
ITALIA
8 ore
Conte si dimette: un addio o un arrivederci?
Il "premier" italiano salirà questa mattina al Colle. E dopo cosa accade? Ecco gli scenari
ITALIA/SVIZZERA
9 ore
Le sfide mortali che mettono sotto accusa TikTok
Dalla bimba morta per asfissia a Palermo ai ragazzi che si tuffano da una cabinovia sulle nevi grigionesi
MONDO
10 ore
Oltre 475mila morti in 20 anni a causa degli eventi climatici estremi
Le nazioni più fragili stanno ricevendo molto meno rispetto a quanto previsto dall'accordo di Parigi del 2015
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile