Keystone (archivio)
STATI UNITI
25.11.20 - 22:000

Ecco perché il vaccino non fermerà subito la pandemia

Previene la malattia, ma non l'infezione. Ma per l'esperta, «quando si vedrà l'effetto, lo faranno anche i più scettici»

Tal Zaks, Chief Medical Officer di Moderna, sulla prevenzione della trasmissione: «Quando inizieremo a distribuire il vaccino non avremo dati a sufficienza per stabilire se la riduce»

CAMBRIDGE - È stato ripetuto a più riprese da medici, ricercatori ed esperti: l'arrivo di un vaccino efficace contro il nuovo coronavirus non sarà un immediato "tana libera tutti" dalla pandemia di Covid-19. E non si tratta solo di una questione legata a produzione e distribuzione, che richiederanno tempo e strategie da parte delle autorità.

Prendiamo il caso di Moderna, che ha presentato uno dei candidati con il livello di efficacia più alto, pari al 94,5%. Il risultato - ha spiegato in un'intervista ad Axios il Chief Medical Officer dell'azienda statunitense, Tal Zaks - è riferito alla capacità del preparato di prevenire la malattia, in particolare la sua forma più grave.

Questo però non significa necessariamente che una persona vaccinata non sia poi in grado di trasmettere comunque il virus ad altri. Per avere informazioni precise in questo senso occorrerà più tempo. «Quando inizieremo a distribuire il vaccino non avremo dati a sufficienza per stabilire se riduce anche la trasmissione», ha spiegato Zaks.

Sulla questione si è espressa ieri sera anche la nota virologa Ilaria Capua, direttrice dello One Health Center dell'Università della Florida. Intervenuta in prima serata a "DiMartedì" - su LA7 - ha precisato che «chi si vaccina contro il coronavirus non si ammala ma si può infettare lo stesso» e di conseguenza «trasmettere la malattia», se non indossa una mascherina.

«Esistono pochissimi vaccini che danno immunità sterile», rendendo una persona del tutto «impermeabile» al virus, ha spiegato Capua. «Nel mondo reale, se sono vaccinato ho una barriera che mi protegge dalla malattia. Ma da vaccinato posso andare in giro come se fossi sicuro al 100%? La risposta è no. Quando si parla di efficacia, si fa riferimento alla malattia».

Detto ciò, il vaccino resta uno degli «strumenti» più importanti verso il ritorno alla normalità. Ma dovrà essere obbligatorio? La virologa ha un'idea chiara: «Quando si vedrà l’effetto della vaccinazione, anche i più scettici la faranno».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
34 min
Google taglierà i contributi a chi non ha certificato la vittoria di Biden
L'iniziale sospensione temporanea è diventata così definitiva
UNIONE EUROPEA
2 ore
AstraZeneca in affanno con le dosi, e l'UE minaccia lo stop all'export di vaccini
Bruxelles ai ferri corti con la farmaceutica (e sotto pressione) pensa a un blocco, che potrebbe valere anche per Pfizer
VIDEO
ITALIA
3 ore
Giuseppe Conte si è dimesso
Il premier ha rimesso l'incarico nelle mani del Presidente della Repubblica Mattarella.
MONDO
3 ore
Scoperta una falla in TikTok
«Consente di bypassare le protezioni sulla privacy create per difendere gli utenti dell'app» spiegano alcuni ricercatori
MONDO
4 ore
«Dobbiamo contenere il potere immenso delle grandi aziende digitali»
La presidente della Commissione Ue von der Leyen chiedono sia trasparenza sugli algoritmi e sui contenuti
GERMANIA
4 ore
Diversi accoltellati a Francoforte
«Il pericolo è cessato» scrive la polizia sui social, ma ci sarebbero tre feriti in condizioni molto gravi
GERMANIA
6 ore
AstraZeneca, il dato sulla scarsa efficacia del vaccino per gli over-65 «è sbagliato»
In Gran Bretagna questa fascia della popolazione è stata vaccinata senza aggiustamento della dose
ITALIA
7 ore
Conte si dimette: un addio o un arrivederci?
Il "premier" italiano salirà questa mattina al Colle. E dopo cosa accade? Ecco gli scenari
ITALIA/SVIZZERA
9 ore
Le sfide mortali che mettono sotto accusa TikTok
Dalla bimba morta per asfissia a Palermo ai ragazzi che si tuffano da una cabinovia sulle nevi grigionesi
MONDO
9 ore
Oltre 475mila morti in 20 anni a causa degli eventi climatici estremi
Le nazioni più fragili stanno ricevendo molto meno rispetto a quanto previsto dall'accordo di Parigi del 2015
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile