Keystone
STATI UNITI
16.11.20 - 13:170
Aggiornamento : 18.11.20 - 14:07

Il vaccino di Moderna efficace al 94,5%

L'azienda americana: «È un momento cruciale». Il preparato si conserva a normali temperature da frigo e freezer.

Questo potrebbe rendere molto più facile la distribuzione. Il composto di Pfizer/BioNTech, come termine di paragone, deve essere immagazzinato a -70°C. La Svizzera ha un contratto con Moderna per la fornitura di 4,5 milioni di dosi.

CAMBRIDGE, MA - Altra notizia promettente per quanto riguarda i vaccini allo studio per lottare contro la pandemia di Covid-19. Moderna ha annunciato che, in base ai primi dati disponibili della fase 3, il suo preparato è efficace al 94,5%. 

«È un momento cruciale per lo sviluppo del nostro candidato a vaccino contro il Covid-19», commenta l'amministratore delegato della società americana, Stéphane Bancel, citato in un comunicato. «Questa prima analisi ad interim della fase 3 ci ha dato la prima validazione clinica che il nostro vaccino può prevenire il Covid-19», aggiunge.

Il dato diffuso dall'azienda si basa su una prima analisi ad interim di 95 partecipanti risultati positivi al SARS-CoV-2. Novanta facevano parte del gruppo placebo, ossia di coloro cui non è stato somministrato il vaccino ma un preparato senza principi attivi. Cinque appartenevano invece al gruppo al quale era stato inoculato il prodotto.

Moderna intende richiedere all'agenzia per il farmaco americana (FDA) un'autorizzazione all'utilizzo d'urgenza del suo preparato mRNA-1273 nelle prossime settimane. La società farmaceutica si aspetta che possa essere accordata sulla base dell'analisi finale di 151 casi con un seguito medio di più di 2 mesi.   

Pfizer e BioNTech hanno recentemente annunciato un'efficacia del loro preparato, il BNT162b2, del 90% mentre il composto sviluppato in Russia dal Centro nazionale di epidemiologia e microbiologia Gamaleya, lo Sputnik V, si attesta al 92%.

Vita di scaffale più lunga - L'efficacia emersa dalla prima analisi ad interim non sembra essere l'unica buona notizia in merito al preparato di Moderna.

Rispetto ad altri prodotti che richiedono una catena del freddo a temperature molto basse - estremamente impegnativa per la distribuzione del vaccino -, il composto di Moderna dovrebbe rimanere stabile per 30 giorni a temperature standard di frigorifero di 2-8°C contro una prima previsione di sette. Potrebbe inoltre essere trasportato e immagazzinato per 6 mesi a una temperatura di -20°C, quella di un normale congelatore. Come termine di paragone, il preparato Di Pfizer/BioNTech deve essere conservato a -70°C.  

«La possibilità di conservare il nostro vaccino fino a 6 mesi a -20°C e fino a 30 giorni dopo lo scongelamento alle condizioni di un normale frigorifero è uno sviluppo importante e permetterebbe una distribuzione più semplice e più flessibilità per facilitare vaccinazioni su larga scala negli Stati uniti e in altre parti del mondo», sottolinea il responsabile capo Operazioni tecniche e qualità di Moderna, Juan Andres.

Il contratto con la Svizzera - Già nello scorso agosto, la Confederazione ha firmato un contratto con Moderna per la fornitura di 4,5 milioni di dosi, che dovrebbero permettere di vaccinare 2,25 milioni di persone (per l'immunizzazione servono infatti due inoculazioni). Nel frattempo, l'azienda farmaceutica americana ha inoltrato una domanda di omologazione all'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic. Oltre a Moderna, anche AstraZeneca e Pfizer/BioNTech hanno già fatto richiesta di omologazione presso Swissmedic rispettivamente per i loro AZD1222 e BNT162b2.     

Moderna non è l'unica azienda con cui Berna ha concluso un contratto di fornitura. Ha pattuito altresì la consegna di 5,3 milioni di dosi con la ditta farmaceutica britannica AstraZeneca e con il Governo svedese. Partecipa inoltre all'iniziativa internazionale COVAX, con l'obiettivo di contribuire con 3,2 milioni di ulteriori dosi all'immunizzazione di almeno il 20% della popolazione mondiale.

Per attuare la sua strategia vaccinale contro il Covid-19, la Confederazione ha finora stanziato un credito di 400 milioni di franchi.

Per il momento, Berna esclude d'introdurre un obbligo vaccinale contro il Covid-19. S'intende puntare piuttosto sulla sensibilizzazione

    

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
No grazie
francox 1 anno fa su tio
Spigava un virologo che ci sono due parametri importanti per un vaccino. Efficace al "tot" % , per "tot" tempo.
Tenero72 1 anno fa su tio
Giocano al rialzo?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
1 ora
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
4 ore
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
6 ore
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
8 ore
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
9 ore
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
11 ore
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
12 ore
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
AUSTRIA
23 ore
Il cancelliere austriaco vuole già dimettersi
Alexander Schallenberg si è detto pronto a lasciare l'incarico, appena due mesi dopo il predecessore Kurz
VIDEO
Stati Uniti
1 gior
Uomo armato davanti alla sede delle Nazioni Unite. Minaccia di suicidarsi
Il Palazzo di vetro è stato blindato. La polizia è sul posto. Accorsi anche gli artificieri: c'è una borsa sospetta
GERMANIA
1 gior
Annunciato il lockdown per i non vaccinati
«Il Paese deve unirsi in un atto di solidarietà»: così Angela Merkel e Olaf Scholz in conferenza stampa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile