Deposit/Keystone
STATI UNITI
14.11.20 - 07:010

Boom di violenza sui social dopo le elezioni

Amnesty International invita le piattaforme sociali a moderare i contenuti violenti (o che istigano alla violenza)

L'organizzazione per i diritti umani sottolinea che tali contenuti possono arrivare anche da funzionari pubblici particolarmente influenti

WASHINGTON DC - C'è stato un aumento esponenziale dei contenuti violenti sui social media in seguito alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

Lo riporta Amnesty International USA, che indica come le piattaforme sociali, ad esempio Facebook o Twitter, stiano vivendo «un drammatico aumento di contenuti violenti, compresi post che incitano altri a commettere violenze», si legge in una nota odierna.

Solo nell'ultima settimana, secondo l'organizzazione a favore dei diritti umani, Facebook ha visto un aumento del 45% «delle tendenze alla violenza e al suo incitamento».

Per questo motivo, Amnesty International invita le principali piattaforme (Facebook, Twitter e YouTube) a proibire tali contenuti, «in linea con le leggi internazionali sui diritti umani».

«Nessuna azienda può ignorare le proprie responsabilità in materia di diritti umani», ha dichiarato Michael Kleinman, direttore della Silicon Valley Initiative di Amnesty International
USA. «Aziende come Facebook, Google e Twitter riconoscono già questa responsabilità poiché hanno già politiche chiare contro i post che incitano alla violenza» ha poi proseguito Kleinman, «eppure, abbiamo visto più e più volte quanto facilmente gli utenti possano sfruttare queste piattaforme come arma, complice il fatto che l'attenzione dei social a massimizzare il coinvolgimento degli utenti li porta a privilegiare contenuti falsi e incendiari».

«Siamo estremamente preoccupati che le aziende non siano ancora pronte ad affrontare possibili incitamenti alla violenza, viste le crescenti tensioni e la gestione degli utenti dopo le elezioni» ha quindi concluso Kleinmann.

L'attenzione delle piattaforme dei social media deve includere anche una certa attenzione verso i funzionari pubblici e altri in posizioni di influenza, sostiene Amnesty, tra cui il Presidente stesso, vista la sua storia di commenti «incendiari».

L'Ufficio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ha lanciato un piano per bilanciare la libertà di espressione contro le istigazioni all'odio (Piano d'azione di Rabat), nel quale viene sottolineato questo aspetto: è necessario considerare «la posizione o lo status dell'oratore nella società» quando un discorso costituisce incitamento alla violenza.

A tal fine, Amnesty International invita tutte le piattaforme dei social media ad agire attraverso l'applicazione «trasparente e imparziale» di politiche di moderazione dei contenuti conformi alle leggi internazionali sui diritti umani.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Dopo il viaggio nello spazio «ciascuno di noi è cambiato»
La vista sulla Terra dalla Crew Dragon «crea davvero dipendenza»
FRANCIA
3 ore
Diffuso online il certificato Covid di Macron
...con tanto di nome, cognome, e altre informazioni private
STATI UNITI
5 ore
«Il mondo è diviso, siamo sull'orlo del baratro»
L'allarme del segretario generale dell'Onu Guterres. E Biden assicura: «Non cerchiamo una nuova Guerra fredda»
AFGHANISTAN
7 ore
Nel nuovo governo afghano non c'è l'ombra di una donna
Non sono state mantenute le promesse alla vigilia della presa del potere: «Potremmo aggiungerle in un secondo momento»
RUSSIA
9 ore
«Quest'elezione equivale ad insultare i cittadini»
Navalny e i suoi alleati, ma non solo, hanno accusato il partito di Putin di aver «falsificato» il voto
UNIONE EUROPEA
10 ore
«Fu la Russia a uccidere Litvinenko»
Lo sostiene la Corte europea per i diritti dell'uomo, ad avvelenare l'ex-KGB con il polonio «agenti dello Stato russo»
Messico
13 ore
Frustati e caricati con i cavalli, i metodi di repressione migratoria
La portavoce della Casa Bianca: «un'inchiesta verrà aperta». Non è chiaro se ci saranno delle conseguenze per gli agenti
MONDO
15 ore
Cibi a rischio col cambiamento climatico
Iniziano a scarseggiare determinati prodotti alimentari a causa delle problematiche legate al clima.
GERMANIA
23 ore
Uccide commesso che non lo aveva servito perché senza mascherina
Una volta arrestato, il 49enne ha ammesso di aver agito per la rabbia causata dal rifiuto
STATI UNITI
1 gior
Trovato un corpo: potrebbe appartenere a Gabby Petito
Da qualche giorno non si hanno più notizie nemmeno del fidanzato Brian Laundrie
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile