keystone-sda.ch / STF (John Locher)
STATI UNITI
10.11.20 - 09:500

Le elezioni tra accuse di brogli, morti che votano e filigrane segrete

Le teorie complottiste hanno costellato il testa a testa fra Trump e Biden. Vediamone alcune

WASHINGTON D.C. - Donald Trump non cede di un passo e nemmeno i suoi supporter. Il presidente americano, nonostante l’esito delle urne, ha continuato nelle ore successive a rivendicare la propria vittoria nelle elezioni. «Ho vinto io. Ho ottenuto 71 milioni di voti legali. Mai così tanti per un presidente in carica», ha ribadito su Twitter, evocando lo spettro di alcune «brutte cose» accadute durante lo scrutinio. Un trampolino di lancio per tante teorie di presunti complotti che hanno iniziato a rincorrersi in rete. Quali? Vediamone alcune.

Le prime ombre Trump ha iniziato a gettarle durante la notte elettorale, quando gli addetti ai lavori hanno iniziato a conteggiare i voti espressi per posta che, come era ben noto, si sono rivelati essere in grande maggioranza a favore dei democratici. Anche perché - va ricordato - Trump ha invitato i suoi elettori a recarsi direttamente ai seggi e a non votare per corrispondenza. Ha preso così il via la crociata dello “Stop the count!” e tutto quel discorso che si inserisce nell’orbita delle presunte «elezioni truccate».

E anche i social network hanno, ovviamente, fatto la loro parte, facendo eco alle voci di schede magicamente trovate o scomparse, di aumenti improvvisi di voti conteggiati nei cosiddetti “stati chiave” durante le ore notturne - lo stesso Trump aveva twittato: «Stanno lavorando sodo per far scomparire quel vantaggio di 500’000 voti in Pennsylvania» - o ancora (citando alcuni tweet concentrati sui conteggi in Arizona, anch’essi poi rivelatisi privi di fondamento) dello “Sharpiegate”. Di cosa si tratta? Di addetti ai seggi che avrebbero distribuito pennarelli di marca Sharpie ai votanti per rendere nulle le loro schede. Una voce doppiamente smentita: dalla contea di Pinal, che ha detto di non aver distribuito i pennarelli in questione, e da quella di Maricopa, che ha invece assicurato che l’eventuale utilizzo di questi non avrebbe comunque inficiato le schede.

Se tutte queste teorie - pur prive di fondamento - sono tutto sommato plausibili da un punto di vista pratico, ce ne sono altre invece decisamente più fantasiose. Venerdì scorso, come riportato dal New York Times, si è propagata ad esempio, sfruttando il potere virale del web, la voce che in Pennsylvania ci fossero 21mila voti di persone morte attribuiti al Partito Democratico. Il sito di estrema destra Breibart News ha riportato il fatto, trovando poi nell’account Twitter di Rudy Giuliani un efficace megafono. Accuse simili hanno preso di mira anche i voti scrutinati in Michigan, ma anche in questo caso - conferma il quotidiano - non risulta alcuna frode. Insomma, si trattava di persone vive che hanno compilato le proprie schede.

A sfociare nel puro cospirazionismo sono però le teorie legate alla comunità online QAnon, convinta dell’esistenza di una trama ordita proprio contro il presidente Trump. Durante la lunga settimana elettorale, con la situazione di alcuni stati chiavi a lungo inchiodati su quel “too close to call” che impediva qualsiasi proiezione, ha iniziato a circolare la voce su di una particolare filigrana - caratterizzata anche dalla presenza di un «isotopo non radioattivo» - nascosta all’interno delle schede elettorali da parte del Dipartimento della Homeland Security. Una “trappola” - secondo i teorici del complotto - tesa dal governo ai democratici, che stampando nuove schede per i brogli non sarebbero stati al corrente di questa particolarità.

C’è però un "problema" di fondo, che fa cascare l’intero castello: le schede elettorali non vengono prodotte da un unico ente federale ma dai singoli Stati; che a loro volta si affidano ad aziende di stampa locali. E se questo non dovesse bastare, la stessa Agenzia americana per la sicurezza informatica (CISA) ha pubblicato una smentita ufficiale sul proprio sito.

keystone-sda.ch / STF (Rebecca Blackwell)
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
11 min
Delta, zero restrizioni... e così i contagi oltremanica volano
Il Regno Unito registra in media 40mila nuovi casi al giorno. La situazione ospedaliera resta però sotto controllo
Cina
4 ore
La Cina vola intorno al mondo, ma nessuno lo sapeva
Il governo Biden teme un dispiegamento delle forze. Diversa la musica da Pechino: «Non stiamo attaccando nessuno»
ITALIA
7 ore
15enne uccisa da un colpo di fucile in casa, a sparare è stato il fratellino
Svolta nelle indagini nella tragica morte avvenuta ieri in un'abitazione del Bresciano
Francia
9 ore
Sessant'anni fa Parigi si svegliò nel sangue
Oggi la Francia commemora un massacro che pochi conoscono e sui cui bisogna fare ancora chiarezza
STATI UNITI
10 ore
L'assassino americano Robert Durst rischia di morire a causa dal coronavirus
Il 78enne, reso celebre per la sua clamorosa confessione nella serie tv “The Jinx”, era stato condannato all'ergastolo
STATI UNITI
11 ore
Bill Clinton ricoverato: presto verrà dimesso
L'ex-presidente era stato ospedalizzato con una certa urgenza settimana scorsa
FOTO
ITALIA
23 ore
"No green pass", nervi tesi a Milano
Cortei, proteste, slogan e qualche scontro con le forze dell'ordine. Migliaia di persone in piazza
STATI UNITI
1 gior
No vax, metà degli agenti di Chicago rischia lo stipendio
La disputa nata tra la linea dura promossa dalla sindaca e i sindacati contrari all'obbligo di mostrare il certificato
FOTO
Italia
1 gior
Proteste contro il fascismo, «è un attacco alla dignità di tutto il Paese»
Centro-sinistra e sindacati chiedono che venga rivista la Costituzione italiana con nuove riforme
Regno Unito
1 gior
Accoltellamento David Amess, «è terrorismo»
L'uomo arrestato figurava tra le persone ritenute a rischio radicalizzazione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile