Keystone
Il ministro della Sanità tedesco, Jens Spahn
GERMANIA
09.11.20 - 14:050

Coronavirus: «Fino al 40% dei tedeschi rientra in gruppi a rischio»

Il ministro della Sanità mette le cose in prospettiva e suona l'allarme: «6'000 in cure intense prima di fine novembre».

BERLINO - Per le conoscenze attuali, sappiamo che il Covid-19 può avere un decorso grave per gli anziani, per gli adulti affetti da determinate malattie e per le donne incinte. Alcuni potrebbero quindi essere portati a pensare che, a essere a rischio, sia una piccola parte della popolazione. La stima presentata dal ministro della Sanità tedesco, però, fornisce un’altra prospettiva. 

«Se si segue la definizione, tra il 30 e il 40% della popolazione (tedesca, ndr) fa parte di gruppi a rischio», ha dichiarato Jens Spahn domenica sera nel corso di un’intervista con la Bild. «Da noi ci sono 23 milioni di tedeschi sopra i 60 anni», ha innanzitutto sottolineato. Inoltre, «siamo un Paese agiato con malattie del benessere: diabete, pressione alta, sovrappeso»: «Tutti fattori di rischio per questo virus come per molte altre malattie infettive del resto».

Per decorso grave s’intende il peggioramento delle condizioni della persona infetta dopo circa 5-10 giorni di sintomi lievi. Il malato inizia a lamentare febbre persistente, malessere e/o difficoltà respiratorie e può essere colpito da una polmonite che ne determina il ricovero. Alcune persone affette da Covid-19 possono poi aggravarsi ulteriormente e necessitare di cure intense.

E sono proprio queste ultime a preoccupare Spahn. Perché - benché per esempio in Svizzera più della metà dei malati di Covid-19 in terapia intensiva sopravviva - la possibile saturazione di questi reparti resta il principale assillo dei sistemi sanitari di tutti i Paesi confrontati con la pandemia. 

«Se circa il 2% di 20’000 nuovi contagiati in un giorno deve andare in cure intense, si tratta di 400 persone al giorno», ha spiegato il ministro della Sanità tedesco. «Se il trattamento e l’accompagnamento di medicina intensiva dura in media 15 giorni diventano 6’000», ha aggiunto. Un afflusso di pazienti, questo, che porrebbe il sistema sanitario tedesco «sotto una notevole tensione». 

La Germania, ha messo in guardia Spahn, potrebbe raggiungere queste cifre prima della fine di novembre. Ieri le nuove infezioni erano 13’363. 

Secondo l'ultimo rapporto dell'intensivregister promosso dall'Istituto Robert Koch e da DIVI, domenica si contavano 2'904 pazienti in cure intense a causa del Covid-19 in tutta la Germania (+228 rispetto al giorno precedente). 1'605 di loro (55%) necessitavano di un respiratore.

I letti occupati in terapia intensiva nel Paese anche per patologie diverse dal Covid-19, però, erano complessivamente 20'752. Ne rimanevano liberi 7'506.   

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 3 mesi fa su tio
Inoltre, «siamo un Paese agiato con malattie del benessere: diabete, pressione alta, sovrappeso»: *** Evidentemente il CV19 per rapporto alle patologie citate è innocuo, sono malattie dovute all'ingordigia e all'incoscienza, colpa degli individui e anche della medicina che cerca di arginare il problema somministrando pastiglie che aggravano ulteriormente la salute. Spiegatemi per quale motivo devo indossare una mascherina, privarmi della libertà, vivere con lo stipendio dimezzato e rischiare anche il fallimento! Solo per dare una possibilità a chi se ne frega della propria salute?
pillola rossa 3 mesi fa su tio
@Don Quijote Le malattie croniche sono economicamente interessanttissime...
Don Quijote 3 mesi fa su tio
@pillola rossa Con i suoi dichiarati 10'000 morti l’anno, anche il tabagismo entra nel business. Un fumatore che inizia a 20 anni a fumare e muore a 64 (vita media attuale 84 anni), fa risparmiare all’AVS Fr. 500'000 di versamenti, versa allo stato la tassa sul tabacco per un totale di Fr 90'788 (2 pacchetti al giorno). L’attuale tassa sul tabacco: prezzo del pacchetto Fr. 8.60, di cui Fr. 4.52 fondo AVS, Fr. 0.026 promozione coltivazione di tabacco!! Fr. 0.026 prevenzione contro il tabagismo (etica e morale cozza con la tassa precedente), infine l’onnipresente Iva di Fr. 0.61. Riassumendo, il fumatore rende allo stato Fr. 590'788. Da notare che i 90'788 franchi di tassa sul fumo pagata dal fumatore supera largamente il premio di base pagato per la CM nello stesso periodo. Tuttavia si afferma che il fumatore è un costo per la società e che lo stato si preoccupa per la salute dei suoi cittadini promuovendo la coltivazione del tabacco.
pillola rossa 3 mesi fa su tio
@Don Quijote E tutti a condannare chi non si mette la mascherina correttamente...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ISRAELE
3 ore
A Tel Aviv il primo concerto "per soli vaccinati"
500 persone hanno potuto partecipare mostrando il proprio certificato vaccinale
STATI UNITI / MESSICO
4 ore
Ondata di migranti al confine, Trump attacca Biden: «Leadership disastrosa»
Nell'ultimo mese sono stati arrestati quasi 100'000 migranti al confine con il Messico
STATI UNITI
4 ore
Tesla: bruciati 234 miliardi in quattro settimane
A pesare, la svolta verde dei tradizionali big dell'auto
SPAGNA
16 ore
A Barcellona un concerto (all'interno) con 5'000 persone
Dovrebbe tenersi il 27 marzo. Il pubblico dovrà presentare un test negativo e indossare la mascherina FFp2.
STATI UNITI
18 ore
Nuovi guai per McAfee, è accusato di aver "pompato" il valore delle sue criptovalute
Con messaggi entusiastici sui social, dopodiché ha venduto tutto il portafoglio. Rischia (altri) 20 anni di carcere
BRASILE
18 ore
Il Brasile supera la quota dei 260mila morti da Covid, Bolsonaro: «Piantatela di frignare»
Un nuovo contagiato ogni 3 è brasiliano. Ecco perché il negazionsimo del presidente riguarda anche per noi
MONDO
20 ore
«Le farmaceutiche rinuncino ai diritti sui vaccini, così tutti potranno produrli»
Così il direttore generale dell'OMS appoggia una proposta di India e Sudafrica. Ma le aziende non ci stanno
ITALIA
21 ore
La Lombardia resta arancione rinforzato, l'indice di contagio italiano sale sopra l'1
Preoccupa la diffusione estremamente rapida del virus. La nuova mappa dei colori delle Regioni
STATI UNITI
21 ore
L'esperimento, 500 dollari di reddito di base: «Quei soldi mi hanno cambiato la vita»
Ha avuto un riscontro inaspettato un progetto pilota in un quartiere popolare di una città californiana
GERMANIA
22 ore
Test fai da te a 24.99 da Aldi: si teme l'assalto
Il discount: «Chiediamo comprensione se si esaurissero il primo giorno». Berlino punta sulle analisi a tappeto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile