keystone
GERMANIA
29.10.20 - 18:520
Aggiornamento : 30.10.20 - 00:01

Coronavirus? «Si rischiano pandemie peggiori»

Uno studio mette in guardia e invita alla prevenzione.

Si stimano altri 1,7 milioni di virus ancora "non scoperti" di cui fino a 850'000 capaci di infettare le persone.

BONN - Future pandemie emergeranno più spesso, si diffonderanno più rapidamente, arrecheranno più danni all'economia mondiale e uccideranno più persone del Covid-19 se non si cambia l'approccio al problema passando dalla reazione - cioè dopo che è scoppiato - alla prevenzione.

1,7 milioni di virus "non scoperti" - Questo soprattutto considerando che si stimano altri 1,7 milioni di virus ancora "non scoperti" nei mammiferi e negli uccelli di cui fino a 850'000 potrebbero avere la capacità di infettare le persone e che gli attuali impatti economici sono 100 volte superiori al costo stimato per la prevenzione.

Legame tra virus e degrado della natura - È un rapporto scientifico dell'Ipbes (Piattaforma intergovernativa di politica e scienza sulla biodiversità e i servizi ecosistemici, con sede a Bonn, in Germania) sulla biodiversità e le pandemie stilato dopo aver consultato con urgenza 22 esperti di livello mondiale sui legami fra il degrado della natura e i rischi crescenti di pandemia, ad avvertire su questo rischio suggerendo la strada per ridurlo.

Ovvero, cercando di evitare le attività umane che causano la perdita della biodiversità, dalla deforestazione al commercio di fauna selvatica, attraverso una maggiore conservazione delle aree protette e misure che riducono lo sfruttamento non sostenibile delle regioni ad alta biodiversità. Questo, dice il rapporto, ridurrà il contatto tra fauna selvatica-bestiame-uomo e aiuterà a prevenire la diffusione di nuove malattie.

L'importanza della prevenzione - Il rapporto afferma che «affidarsi alle risposte alle malattie dopo la loro comparsa», sul fronte della salute pubblica e delle soluzioni tecnologiche, in particolare «sulla rapida progettazione e distribuzione di nuovi vaccini e misure terapeutiche, è un 'percorso lento e incerto'». Peraltro, con la conseguenza di una «diffusa sofferenza umana» da un lato e dall'altro «decine di miliardi di dollari di danni economici annuali per l'economia globale derivanti dalla risposta alle pandemie».

Ridurre i rischi costa meno - Indicando il probabile costo del Covid-19 fra 8'000 e 16'000 miliardi di dollari a livello globale entro luglio 2020, si stima anche che i costi nei soli Stati Uniti potrebbero raggiungere i 16'000 miliardi di dollari entro il quarto trimestre del 2021. Gli esperti stimano che il costo della riduzione dei rischi per prevenire le pandemie sia 100 volte inferiore al costo della risposta a tali pandemie.

Il rapporto offre anche una serie di opzioni politiche che aiuterebbero a ridurre e ad affrontare il rischio pandemico. Dal lancio di un consiglio intergovernativo di alto livello sulla prevenzione delle pandemie per fornire ai decisori politici la migliore scienza e le migliori prove sulle malattie emergenti al prevedere le aree ad alto rischio e l'eventuale impatto economico, al mettere in evidenza le lacune della ricerca al coordinamento nella progettazione di un quadro di monitoraggio globale.

I paesi stabiliscono obiettivi o traguardi concordati tra loro nel quadro di un accordo internazionale - con chiari benefici per le persone, gli animali e l'ambiente. Istituzionalizzare l'approccio "One Health" nei governi nazionali per prepararsi alle pandemie, migliorare i programmi di prevenzione e indagare e controllare le epidemie nei vari settori.

E ancora, sviluppare valutazioni sull'impatto dei rischi pandemici e delle malattie emergenti sulla salute ed incorporarle nei principali progetti di sviluppo e di utilizzo del suolo, riformando nel contempo gli aiuti finanziari per l'utilizzo del suolo in modo che i benefici e i rischi per la biodiversità e la salute siano riconosciuti ed esplicitamente presi come obiettivo.

Assicurare che il costo economico delle pandemie sia preso in considerazione nei bilanci e nelle politiche relative al consumo, alla produzione e di governo. Consentire cambiamenti per ridurre i tipi di consumo, l'espansione agricola e il commercio globalizzati che hanno portato alle pandemie - questo potrebbe includere tasse o imposte sul consumo di carne, sulla produzione zootecnica e su altre forme di attività ad alto rischio di pandemia.

Ridurre i rischi di zoonosi nel commercio internazionale di animali selvatici attraverso una nuova partnership intergovernativa "salute e commercio"; ridurre o eliminare le specie ad alto rischio di malattia nel commercio di animali selvatici e più in generale regolamentare tutti gli aspetti del commercio di animali selvatici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MILANO
2 ore
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
3 ore
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
4 ore
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
5 ore
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
6 ore
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
MESSICO
16 ore
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
MONDO
18 ore
Omicron, vaccino possibile entro 3 mesi
Ma potrebbero esserne necessari nove prima della sua eventuale approvazione.
FOTO
Regno Unito
20 ore
«Crescita infinita=Pianeta finito». Extinction Rebellion contro Amazon
Un portavoce della grande A: «Porteremo le nostre emissioni a zero entro il 2040, sostenendo anche le piccole imprese»
FRANCIA
21 ore
Blatter sentito dalle autorità francesi per il Mondiale in Qatar
Gli inquirenti interessati in particolare a una cena all'Eliseo con i vertici FIFA e l'emiro pochi giorni prima del voto
Francia
23 ore
Francia versus Regno Unito: il fronte del mare tenuto dai pescatori
Non si ferma il contenzioso sulle licenze di pesca: 59 attività normanne non hanno ancora ricevuto i permessi richiesti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile